CaNNeLLoNi CoN SPiNaCi e RiCoTTa

Classico primo piatto della domenica al Sud!! 

cannelloni con ricotta e spinaci dolcestefania

  • 1 confezione di cannelloni
  • 2 l di salsa di pomodoro
  • ½ cipolla rossa
  • 5 foglie di basilico
  • Olio evo
  • sale
  • 500 g di besciamella
  • 50 g di parmigiano grattugiato per cospargere

Per il ripieno:

  • 700 g di ricotta
  • 1 kg di spinaci lessati e strizzati
  • 1 pizzico di noce moscata
  • 1 pizzico di pepe nero
  • 100 g di parmigiano grattugiato
  • Sale q.b.
  • 1 tuorlo

Preparare il sugo facendo soffriggere la cipolla in olio evo. Poi aggiungere la salsa, il sale e il basilico. Lasciare cuocere a fuoco medio per circa 30 minuti. a questo punto sciogliervi circa 200 ml di besciamella. Per il ripieno mescolare gli spinaci raffreddati, strizzati e sminuzzati con la ricotta, il tuorlo, la noce moscata, il parmigiano grattugiato, il sale e il pepe nero. Amalgamare il tutto con una forchetta e lasciare in frigorifero per 1 ora. Riempire i cannelloni con le mani o con l’aiuto di un cucchiaino. Disporli in una teglia uno accanto all’altro, coprire completamente di sugo, versarvi la besciamella rimasta in superficie e completare con il parmigiano grattugiato. Infornare a 200 gradi per circa 30 minuti o comunque fino a che il sugo si sarà asciugato e il formaggio avrà creato una leggera crosticina in superficie.

Annunci

TaGLiaTeLLe CoN PoRCiNi e SaLSiCCia

Questo è un primo piatto che racchiude tutto il sapore della Calabria! I funghi porcini della Sila e la salsiccia, che è una preparazione tipica di questa regione, sono il condimento ideale per preparare un primo piatto favoloso!

tagliatelle con porcini e salsiccia dolcestefania

Per le tagliatelle:

  • 100 g di farina “00”
  • 450 g di farina “di grano duro rimacinata”
  • 370 ml di acqua

Per il condimento:

  • 350 g di funghi porcini
  • 2 salsicce fresche
  • olio evo q.b
  • sale
  • pepe nero
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1/2 cipolla
  • prezzemolo
  • 200 ml di passata di pomodoro

Mescolare su una spianatoia le due farine e creare un buco al centro. Versare l’acqua e iniziare a impastare con le mani. Bisogna ottenere un impasto liscio e sodo. Lasciare riposare la pasta per 10 minuti coperta da un canovaccio. A questo punto bisogna stendere la pasta; si può fare con la Nonna Papera, ovvero la macchinetta con la manovella, ed è la soluzione più facile, oppure usare il matterello, un pò più difficile. Allargare le tagliatelle su una spianatoia cosparsa di abbondante farina, ed allargarle bene. Nel frattempo preparare il condimento.  Pulire i funghi porcini e tagliarli a cubetti o fettine. Metterli in una padella con dell’olio evo, la cipolla tagliata finemente, lo spicchio d’aglio  e fare soffriggere il tutto. Aggiungere un bicchiere d’acqua, il sale, il pepe nero e cuocere per circa 15 minuti a fiamma moderata. Togliere l’aglio e aggiungere la salsa di pomodoro e la salsiccia sbriciolata e privata del budello. Lasciare cuocere per altri 10-15 minuti circa fino a che il sugo sarà ristretto. Cuocere le tagliatelle per qualche minuto in acqua bollente salata, scolarle e amalgamarle al condimento. Completare con il prezzemolo tritato e servire le tagliatelle ben calde.

CoLoMBa SaLaTa

Siccome amo preparare i dolci ma adoro mangiare il salato.. Questa volta ho fatto la colomba di Pasqua in versione salata! Credo sia una bella idea per l’aperitivo o l’antipasto di Pasqua o da portare per una gita fuori porta il giorno di Pasquetta!

colomba-salata-di-pasqua-dolce-stefania

Per il pan brioche:

  • 250 g di latte
  • 15 g di lievito di birra
  • 550 g di farina “00”
  • 50 g di olio evo
  • 1 uovo
  • 10 g di sale

Per la farcitura:

  • 200 g di salame
  • 4 uova sode
  • 200 g di scamorza
  • 30 g di parmigiano grattugiato
  • 200 g di ricotta

Per la decorazione:

  • granella di pistacchio
  • 20 g di latte
  • 2 fette spesse di scamorza
  • pezzetti di carota

Sciogliere il lievito nel latte tiepido e versarlo in una ciotola insieme agli altri ingredienti del pan brioche. Impastare il tutto con le mani fino a ottenere un impasto liscio e sodo. Lasciarlo lievitare nella stessa ciotola coperto da un canovaccio per circa 2 ore o comunque fino al raddoppio del volume. A lievitazione terminata, prendere l’impasto, staccare una pallina della grandezza di una noce e tenere da parte per la decorazione. Dividere l’impasto a metà ed una metà in 2 parti (la metà grande sarà il corpo e le altre due le ali della colomba). Stendere su una spianatoia infarinata e con l’aiuto di un matterello  la metà più grande in un ovale della lunghezza di uno stampo in carta per colomba. Farcire con metà del salame tritato,  delle uova sode tagliate a pezzetti, della scamorza e della ricotta tagliate a cubetti e una spolverata di parmigiano grattugiato. Avvolgere l’impasto su se stesso, sigillarlo alle estremità e sistemarlo al centro dello stampo. Stendere le due metà più piccole e farcirle allo stesso modo. Avvolgere i due ovali di impasto, richiuderli alle estremità e sistemarli nello stampo per formare le ali della colomba. Con la pallina di impasto tenuta da parte  formare due cilindretti e sistemarli trasversalmente sulla colomba formando una decorazione a rami. Lasciare lievitare la colomba per altri 50 minuti. Nel frattempo preriscaldare il forno a 200 gradi e ricavare dei fiorellini dalla scamorza. Spennellare in superficie la colomba con il latte e spolverizzare con la granella di pistacchio. Infornare per 30-35 minuti a 200 gradi. Togliere lo stampo dal forno, lasciare raffreddare e decorare con i fiori di scamorza.

CuZZuPe Di PaSQua

Le cuzzupe sono uno dei dolci tipici della Pasqua in Calabria. Sono dei dolci tradizionali e ne esistono tante di ricette.. Questa mi è stata regalata da una mia vicina di casa ed è spettacolare!

cuzzupe di Pasqua dolcestefania

Per il lievitino:

  • 25 g di lievito di birra
  • 250 g di farina
  • 100 ml di acqua

Per l’impasto:

  • 5 uova
  • 1 kg di farina
  • 250 ml di latte
  • 100 g di strutto
  • 300 g di zucchero
  • semi di anice nero q.b
  • 1 uovo per spennellare

Preparare il lievitino con il lievito di birra sciolto in acqua tiepida e la farina. Creare un panetto, inciderlo a croce e  fare riposare per almeno tre ore. Dopodichè versare in una ciotola tutti gli altri ingredienti e il lievitino. Impastare per bene fino a ottenere un impasto morbido e liscio.  Creare tante piccole forme a piacere (girandole, ciambelle, trecce o panetti con l’uovo al centro). Disporli Su una spianatoia infarinata, coprirli con un canovaccio e farli lievitare in un luogo caldo fino al raddoppio del volume. (Circa 5 ore). Una volta lievitati disporli sulle teglie rivestite con carta da forno, spennellarli con dell’uovo sbattuto e poi metterli in forno preriscaldato a 180 gradi per 25 minuti.

CoNiGLieTTi Di PaSQua

Questi soffici e simpatici coniglietti sono realizzati con pasta brioche e sono una simpatica idea per preparare un dolce di Pasqua per i bambini!

coniglietti brioche dolcestefania

  • 5 uova
  • 1 kg di farina
  • 250 ml di latte
  • 100 g di strutto
  • 300 g di zucchero
  • uva sultanina q.b
  • 1 uovo per spennellare

Per il lievitino:

  • 25 g di lievito di birra
  • 250 g di farina
  • 100 ml di acqua

Preparare il lievitino con il lievito di birra sciolto in acqua tiepida e la farina. Creare un panetto, inciderlo a croce e  fare riposare per almeno tre ore. Dopodichè versare in una ciotola tutti gli altri ingredienti e il lievitino. Impastare per bene fino a ottenere un impasto morbido e liscio. Dividere con l’aiuto di un tagliapasta varie porzioni di impasto; 50 g per il corpo e 25 g per la testa. Dal pezzo più grande ricavare dei salsicciotti lunghi circa 35 cm e dello spessore di un pollice e arrotolare su se stesso fino a formare una chiocciola: sarà il corpo del coniglietto. Lasciare l’estremità finale del cordoncino di pasta leggermente staccata a simulare la zampa anteriore del coniglietto. Con l’altro pezzo di impasto creare una pallina, che sarà la testa. Farla aderire con un goccio di acqua al corpo e inserire in ciascuna testa l’uvetta sultanina per creare gli occhi. Con un’altro pezzettino di impasto, tagliato a metà nel senso della lunghezza formare le orecchie appuntite e attaccarle alla testa del coniglietto, sempre con un goccio di acqua. Infine, creare la coda del coniglietto, con un pezzettino di impasto arrotondato. Disporli su una spianatoia infarinata , coprirli con un canovaccio e lasciarli lievitare in un luogo ben caldo fino al raddoppio del volume. (Circa 4 ore). Disporre i coniglietti su una teglia con carta forno distanziati tra loro, spennellarli con dell’uovo sbattuto e poi metterli in forno preriscaldato a 180 gradi per 25 minuti.

RoLLò CoN WuRSTeL

rollo-ai-wurstel-dolcestefania

  • 250 g di latte
  • 1/2 cubetto di lievito di birra
  • 250 g di farina “00”
  • 300 g di farina manitoba
  • 50 g di olio evo
  • 1 uovo
  • 10 g di sale
  • wurstel grandi q.b

Disporre le farine a fontana e sciogliere il lievito nel latte tiepido. Versare il latte nella fontana e aggiungervi l’olio evo, l’uovo, il sale e impastare il tutto fino a ottenere un impasto morbido e liscio. Lasciarlo lievitare in una ciotola coperto da un canovaccio per circa 1 ora o comunque fino al raddoppio del volume. Nel frattempo foderare 14 coni di acciaio con la carta stagnola. Sgonfiare l’impasto con le mani, trasferirlo sulla spianatoia e stenderlo in una sfoglia rettangolare con l’aiuto di  un matterello. Tagliarlo a strisce di circa 4 cm di larghezza  e avvolgere ciascuna striscia a spirale attorno ai wurstel. Infornare a 220 gradi per circa 20 minuti in forno preriscaldato.

CoNi Di PaNBRioCHe SaLaTi

coni-di-panbrioche-salati-dolcestefania

Per l’impasto:

  • 250 g di latte
  • 1/2 cubetto di lievito di birra
  • 250 g di farina “00”
  • 300 g di farina manitoba
  • 50 g di olio evo
  • 1 uovo
  • 10 g di sale

Per il ripieno:

  • 200 g di salame piccante
  • 100 g di provola a cubetti

Disporre le farine a fontana e sciogliere il lievito nel latte tiepido. Versare il latte nella fontana e aggiungervi l’olio evo, l’uovo, il sale e impastare il tutto fino a ottenere un impasto morbido e liscio. Lasciarlo lievitare in una ciotola coperto da un canovaccio per circa 1 ora o comunque fino al raddoppio del volume. Nel frattempo foderare 14 coni di acciaio con la carta stagnola. Sgonfiare l’impasto con le mani, trasferirlo sulla spianatoia e stenderlo in una sfoglia rettangolare con l’aiuto di  un matterello. Tagliarlo a strisce di circa 4 cm di larghezza  e avvolgere ciascuna striscia a spirale attorno ai coni foderati di stagnola. Infornare a 200 gradi per circa 18 minuti in forno preriscaldato. Lasciare intiepidire ed estrarre i coni di pasta molto delicatamente. Riempirli con il salame e la provola e rimettere in forno ben caldo fino a che la provola inizierà a sciogliersi. Servire ben caldi.

img_20161119_190832

TReCCia DaNeSe SaLaTa

La Treccia Danese si presenta molto bene, fa molta scena per via di questo particolare intreccio molto facile da realizzare. Il ripieno può variare in base ai propri gusti. Io vi propongo la mia versione!

treccia-danese-salata-dolcestefania

Per l’impasto:

  • 250 g di latte
  • 1/2 cubetto di lievito di birra
  • 250 g di farina “00”
  • 300 g di farina manitoba
  • 50 g di olio evo
  • 1 uovo
  • 10 g di sale

Per il ripieno:

  • 200 g di prosciutto cotto
  • 200 g di gorgonzola
  • 100 g di provola a cubetti

Disporre le farine a fontana e sciogliere il lievito nel latte tiepido. Versare il latte nella fontana e aggiungervi l’olio evo, l’uovo, il sale e impastare il tutto fino a ottenere un impasto morbido e liscio. Lasciarlo lievitare in una ciotola coperto da un canovaccio per circa 1 ora o comunque fino al raddoppio del volume. Sgonfiare l’impasto con le mani, trasferirlo sulla spianatoia e stenderlo in una sfoglia rettangolare con l’aiuto di  un matterello. Tagliare il rettangolo da entrambi i lati in strisce trasversali e lasciare integro il rettangolo al centro dove si andrà a disporre il ripieno. A questo punto iniziare l’intreccio, sovrapponendo semplicemente una fascia sull’altra. Posizionare la treccia Danese così ottenuta  su una teglia rivestita di carta da forno e lasciare lievitare per altri 30 minuti. Spennellare la treccia lievitata con un  pochino di olio evo e infornare a 200 gradi per circa 25 minuti in forno preriscaldato.

treccia-danese-salata-dolcestefania

ToRTa RuSTiCa CoN TReCCe

Torta rustica con trecce dolcestefania

  • 250 g di farina manitoba
  • 250 g di farina “00”
  • 250 ml di latte
  • 50 ml di olio evo
  • 1 cucchiaino di sale
  • ½ cubetto di lievito di birra fresco
  • 1 uovo

Per il ripieno:

  • 300 g di salame piccante affumicato
  • 300 g di provola
  • 1 uovo per spennellare

Mettere in una ciotola l’uovo con il latte tiepido, l’olio evo e il sale  e mescolare con una forchetta. Versare a pioggia la farina miscelata con il lievito di birra secco e iniziare a impastare. Formare un panetto morbido e liscio e lasciare lievitare nella ciotola fino al raddoppio del volume, circa 2 ore. Nel frattempo mettere la ricotta in una ciotola e aggiungere il pepe nero e mescolare con una forchetta. Aggiungere poi il pecorino a cubetti e il salame tagliato a pezzettini. Amalgamare il tutto e coprire fino a che l’impasto sarà lievitato. Spianare l’impasto ormai lievitato e con una rotella per pizza ricavare tante strisce senza andare fino in fondo. La parte iniziale sarà quella da farcire con il salame e la provola tagliati a pezzettini. Arrotolare per prima la parte iniziale ( quella senza frange) e poi una ad una avvolgere anche le frange intrecciate intorno al rotolo. Infine girare il rotolo a cerchio e sigillare i due bordi uno nell’altro. Lasciare lievitare per altri 30 minuti. Spennellare le frange con un uovo sbattuto. Infornare a 180 gradi per 30 minuti nella parte media del forno preriscaldato.

LaSaGNe CoN PoLPeTTiNe

Questo è il primo piatto che dalle mie parti si chiama tradizionalmente “pasta china”. Si tratta di lasagne condite con un classico sugo e farcite di polpettine, salame calabrese uova sode e provola! Una ricetta della cucina tradizionale calabrese!

lasagne con polpettine dolcestefania

Per le polpettine:

  • 200 g di carne macinata di vitello
  • 400 g di pane raffermo
  • 5 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • 2 uova
  • sale
  • pepe nero
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 4 foglie di basilico
  • 1/2 spicchio d’aglio
  • 500 ml di olio di semi di mais

Per il condimento:

  • 1 confezione di lasagne all’uovo
  • 2 l di salsa di pomodoro
  • 1/2 cipolla rossa
  • 4 foglie di basilico
  • olio evo
  • sale

Per il ripieno:

  • 3 uova sode
  • 200 g di parmigiano
  • 400 g di provola a cubetti
  • 300 g di salame a cubetti

Mettere il pane raffermo in una ciotola piena d’acqua e lasciarlo in ammollo per circa mezz’oretta. Strizzarlo bene bene con le mani e sbriciolarlo in una ciotola. Aggiungervi le uova, il pepe nero, il sale, il parmigiano grattugiato, la carne macinata, l’aglio tritato e il prezzemolo e basilico tritati. Impastare il tutto con le mai fino a ottenere un composto omogeneo. Con l’impasto ottenuto ricavare tante polpettine piccole e friggerle in olio di semi di mais ben caldo. Scolarle su carta assorbente e tenerle da parte. Sbucciare, lavare e tagliare la cipolla molto finemente. Versarla in una pentola con dell’olio evo e farla soffriggere per qualche minuto a fuoco lento. A questo punto versarvi la salsa di pomodoro, il sale e il basilico. Coprire col coperchio e lasciare cuocere per circa 1 ora e 30 minuti a fuoco lento, fino a che il sugo sarà ben cotto.  Nel frattempo tagliare a cubetti la provola, le uova sode e il salame. Sporcare il fondo di una teglia rettangolare di 20cmx 40cm con qualche mestolo di sugo e disporre un primo strato di sfoglie di lasagne. Coprire con altro sugo, con qualche cucchiaio di parmigiano grattugiato e con parte del ripieno e delle polpettine fritte. Coprire con un altro strato di lasagne, altro sugo, altro parmigiano, altro ripieno e altre polpettine fritte. Ripetere di nuovo questa operazione e completare con uno strato di lasagne e il sugo rimasto. Cospargere con il parmigiano grattugiato rimasto e infornare a 200 gradi per circa 30-40 minuti. Dopo i primi 20 minuti coprire in superficie con della carta stagnola per evitare che si secchi la superficie. Togliere le lasagne dal forno e lasciare riposare per circa 15 minuti. A questo punto servire.

BaBà

Il babà o babbà è un dolce da forno a pasta lievitata, tipico della pasticceria napoletana.  Il babà è la derivazione d’un dolce a lievitazione naturale originario della Polonia; utilizzato dai cuochi francesi assunse il nome di baba, vide trasformato il proprio nome in “babbà” dai pasticceri napoletani.La tipica forma a fungo la si deve al celebre pasticciere Nicolas Sthorer. Io ho pensato di renderlo ancora più goloso con una crema chantilly e frutta!

babà dolcestefania

Per l’impasto:

  • 250 g di farina
  • 100 g di burro + un pò per lo stampo
  • 25 g di zucchero
  • 10 g di lievito di birra
  • 2 uova
  • 50 ml di latte
  • 1 pizzico di sale

Per la bagna:

  • 200 ml di rum
  • mezza fialetta di aroma rum
  • 1 l di acqua
  • 600 g di zucchero

Per la farcia e la decorazione:

  • 3 tuorli
  • 4 cucchiai di zucchero
  • 4  cucchiai di farina
  • la scorza di 1 limone
  • 300 ml di panna già zuccherata
  • amarene sciroppate q.b
  • fragole q.b

Lavorare nella planetaria la farina, il lievito precedentemente sciolto nel latte tiepido, e lo zucchero. aggiungere le uova, uno alla volta, e quando l’impasto comincerà a staccarsi dalle pareti, unire il burro ammorbidito e il sale. Continuare a lavorare fino a ottenere un composto morbido ed elastico; dargli la forma di una palla e avvolgerla in pellicola trasparente. Lasciarla riposare per circa 2 ore.Trascorso questo tempo, lavorare  di nuovo l’impasto, distribuirlo in 15 stampini già imburrati e infarinati e lasciare lievitare fino al raddoppio del volume. Infornare poi a 180 gradi per 25 minuti. Sfornare, sformare appena tiepidi e lasciare raffreddare. Per la crema mettere il latte a scaldare con la scorza del limone tagliata a fette. Sbattere con la frusta i tuorli con lo zucchero e la farina. Versarvi il latte caldo a filo e mescolare. Rimettere il tutto sul fuoco e lasciare cuocere, sempre mescolando, finché la crema si addenserà. Versare la crema ancora calda in una ciotola, togliere le scorze del limone e coprire con carta pellicola e lasciare raffreddare per almeno 4 ore. Montare la panna e mescolarne 100 ml alla crema.  Per la bagna al rum versare 500 ml di acqua in una casseruola, unire lo zucchero e portare a bollore. Spegnere, lasciare raffreddare, aggiungere il rum e l’aroma rum e mescolare. Rimettere lo sciroppo sul fuoco e farlo intiepidire, quindi versarlo in una ciotola capiente e immergervi i babà. Lasciarli a bagno per 30 minuti e metterli poi a scolare su una gratella. Adagiare i Babà sui piattini  e dividerli a metà. Se risultassero ancora asciutti inzuppare con lo sciroppo rimasto da entrambe le parti. Farcire al centro i babà con la crema. Decorare con le amarene e e le fettine di fragola. Porre in frigorifero fino al momento di servire.

CaSaTieLLo SuGNa e PePe

Il casatiello è una torta rustica tipica della cucina napoletana che si prepara nel periodo della Pasqua e ha un impasto da pane arricchito con formaggio, salame e strutto. Ideale da presentare per tradizione durante il pranzo di Pasqua  o da portare nel pranzo al sacco di Pasquetta!

casatiello sugna e pepe dolcestefania

  • 400 g di pecorino stagionato a dadini
  • 1 cubetto di lievito di birra
  • 100 g di strutto + q.b
  • 450 g di acqua
  • 1 cucchiaino di pepe nero in polvere
  • 1 kg di farina “00”
  • 1 cucchiaino di sale
  • 400 g di salame a dadini, tipo Napoli
  • 4 uova sode

Versare la farina in una ciotola e creare un buco al centro. Aggiungervi il lievito sbriciolato, l’acqua tiepida, lo strutto, il pepe nero e iniziare a impastare con le mani. a questo punto aggiungere il sale e continuare a impastare fino a ottenere un composto liscio e omogeneo. Lasciare l’impasto nella stessa ciotola, coprire con carta pellicola e e lasciare lievitare in luogo tiepido per 40 minuti.Riprendere l’impasto, staccarne un pezzo di circa 100 g e tenerlo da parte. Con il matterello stendere il restante impasto formando un rettangolo di circa 60 x 30 cm e distribuire in superficie uniformemente il pecorino e il salame. Arrotolare l’impasto delicatamente e formare un rotolo compatto.Ungere con dello strutto uno stampo a ciambella di 30 cm di diametro e adagiare al suo interno il rotolo unendo bene le due estremità e lasciare lievitare per altri 30 minuti. Nel frattempo dividere in 8 pezzi l’impasto tenuto da parte e formare delle strisce.Premere leggermente sull’impasto le 4 uova sode e bloccarle con le strisce di impasto formando una X. Cuocere il casatiello in forno caldo per 10 minuti a 160 gradi, poi aumentare la temperatura a 170 gradi e proseguire la cottura per 50 minuti. Lasciare intiepidire e sformare dallo stampo.

PaNe aRCoBaLeNo

Questo pane è davvero bellissimo da presentare quando si hanno degli ospiti..è ideale per accompagnare l’antipasto… proprio come è stato servito a me.. Ebbene si.. Perchè non l’ho fatto io.. Ma mia suocera… E quindi ho ben pensato di pubblicarlo e condividerlo sul blog!

pane arcobaleno dolcestefania

Per il pane bianco

  • 150 g di farina
  • 75 g di lievito madre
  • 75 g di acqua
  • sale

Per il pane arancione

  • 150 g di farina
  • 75 g di lievito madre
  • 75 g di acqua
  • sale
  • qualche cucchiaio di salsa di pomodoro

Per il pane verde

  • 150 g di farina
  • 75 g di lievito madre
  • 75 g di acqua
  • sale
  • 100 g di spinaci tritati

Per il pane giallo

  • 150 g di farina
  • 75 g di acqua
  • 75 g di lievito madre
  • sale
  • 1 bustina di zafferano

Preparare 4 diverse ciotole e riunirvi gli ingredienti. Iniziare a impastare il pane bianco. Poi quello arancione aggiungendo la salsa di pomodoro. Se occorresse aggiungere altra farina. Proseguire con il pane verde, aggiungendo gli spinaci e all’impasto e se occorresse aggiungere altra farina. Concludere con il pane giallo facendo sciogliere lo zafferano nell’acqua tiepida. Lasciare lievitare i 4 impasti nelle loro ciotole fino al raddoppio del volume;circa 4 ore in luogo tiepido. Spianare a questo punto i 4 impasti lievitati e adagiarli uno sull’altro bagnando magari uno strato e l’altro con un pò di acqua per favorire l’adesione. Arrotolare le sfoglie su se stesse dando una leggera torsione e adagiare il pane arcobaleno su una teglia rivestita di carta da forno. Lasciare lievitare per un’altra mezz’oretta. Infornare a 200 gradi per circa 40 minuti in forno preriscaldato.

GiRaNDoLa Di PaN BrioCHe CoN SaLaMe e PRoVoLa


Mi piace quando ho ospiti a casa… Preparare e presentare delle torte di pan brioche salate che oltre a essere buone e appetitose.. Siano anche belle da vedere! Per cui cerco di creare sempre delle forme diverse e di colpire gli occhi oltre che il palato! 😉

GiRaNDoLa Di PaN BrioCHe CoN SaLaMe e PRoVoLa - dolcestefania

  • 250 g di farina manitoba
  • 250 g di farina “00”
  • 250 ml di latte
  • 50 ml di olio evo
  • 1 cucchiaino di sale
  • ½ cubetto di lievito di birra fresco
  • 1 uovo

Per il ripieno:

  • 300 g di salame piccante affumicato
  • 300 g di provola
  • 1 uovo per spennellare

Mettere in una ciotola l’uovo con il latte tiepido, l’olio evo e il sale  e mescolare con una forchetta. Versare a pioggia la farina miscelata con il lievito di birra secco e iniziare a impastare. Formare un panetto morbido e liscio e lasciare lievitare nella ciotola fino al raddoppio del volume, circa 2 ore. Nel frattempo mettere la ricotta in una ciotola e aggiungere il pepe nero e mescolare con una forchetta. Aggiungere poi il pecorino a cubetti e il salame tagliato a pezzettini. Amalgamare il tutto e coprire fino a che l’impasto sarà lievitato. Spianare l’impasto ormai lievitato e con una rotella per pizza ricavare tante strisce senza andare fino in fondo. La parte iniziale sarà quella da farcire con il salame e la provola tagliati a pezzettini. Arrotolare per prima la parte iniziale ( quella senza frange) e poi una ad una avvolgere anche le frange intorno al rotolo. Infine girare il rotolo a cerchio e sigillare i due bordi uno nell’altro. Lasciare lievitare per altri 30 minuti. Spennellare le frange con un uovo sbattuto. Infornare a 180 gradi per 30 minuti nella parte media del forno preriscaldato.

FiLeTTo Di MaiaLe aL FoRNo CoN FuNGHi

Questo è un secondo piatto che nella preparazione richiede un bel pò di tempo.. Però vi assicuro che una volta pronto delizierà l’olfatto e il palato!! 😉

filetto di maiale ai funghi dolcestefania

  • 2 kg di filetto di maiale
  • ½ bicchiere di vino bianco
  • 2 spicchi d’aglio
  • ½ bicchiere di acqua
  • 4 foglie d’alloro
  • Sale
  • Pepe nero
  • Rosmarino
  • 500 g di funghi misti (porcini e ovuli)
  • prezzemolo q.b
  • olio evo q.b

Scaldare un ampia griglia sul fuoco e appena sarà ben calda adagiarvi il pezzo di carne intero. Rigirarlo da tutti i lati per far sigillare bene i pori della carne e lasciarlo sulla griglia per circa 10 minuti. A questo punto mettere il pezzo di carne in una teglia da forno dai bordi alti. Salare, pepare, aggiungere abbondante rosmarino ben lavato, lo spicchio d’aglio e il vino bianco e mettere in forno caldo a 250 gradi per i primi 30 minuti. A questo punto, versare l’acqua, e abbassare la temperatura a 200 gradi. Dopo circa 1 ora togliere lo spicchio d’aglio. Lasciare cuocere il pezzo di carne per circa 2 ore in forno, rigirandolo spesso e punzecchiandolo con i rebbi di un forchettone per far cuocere uniformemente la carne. La carne risulterà cotta quando punzecchiandola, non uscirà più del sangue e il forchettone si infilerà senza alcuna difficoltà perché la carne sarà ormai tenerissima. Nel frattempo pulire i funghi, e metterli in padella con dell’olio evo, 1 spicchio d’aglio, sale e pepe. coprire col coperchio e lasciare cuocere per circa 15 minuti, saltellandoli spesso per farli cuocere uniformemente. Tagliare la carne a fette di circa 1/2 cm e adagiarla su un piatto da portata. versarvi sopra i funghi cotti, il prezzemolo tritato al coltello e il fondo di cottura della carne tenuto da parte.

ToRTa PaSQuaLiNa

torta pasqualina dolcestefania

Per la pasta:

  • 200 g di farina
  • 1 cucchiaio di olio evo
  • 1 bicchiere di acqua fredda (100 ml)
  • 1 pizzico di sale

Per il ripieno:

  • 700 g di bietole
  • 30 g di burro
  • 4 cucchiai di grana grattugiato
  • 250 g di ricotta
  • 4 tuorli
  • Sale
  • Pepe nero

Versare in una ciotola la farina mescolata con il sale. Poi aggiungere l’olio evo d l’acqua e impastare con le mani. Lavorare per 10 minuti finchè non diventa liscio e dividere l’impasto in 4 parti. Coprire con un telo inumidito e lasciare riposare per 1 ora. Nel frattempo cuocere le bietole ben pulite, lavate e tagliate a strisce, in acqua bollente salata per 10 minuti. Scolarle, lasciarle intiepidire e strizzarle con le mani. Sciogliere il burro in una padella e  rosolarvi le bietole per qualche minuto. Pepare e versare il grana grattugiato fuori dal fuoco. Schiacciare la ricotta con una forchetta e lasciarla da parte. Stendere le 4 sfoglie sul piano infarinato, non più alte di 0,2 cm. Ungere con poco olio una tortiera di 20 cm di diametro e di 6 cm di altezza e foderarla con la prima sfoglia,facendo in modo che sbordi leggermente dall’orlo. Spennellare con altro olio e sovrapporre l’altro disco. Versare le bietole e su di esse la ricotta. Formare sulla ricotta 4 fossette con il dorso di un cucchiaio. Spaccare le uova una ad una in un piatto, ed estrarre solo il tuorlo e metterlo in ciascuna fossetta. A questo punto adagiare il terzo disco di pasta, spennellarlo con dell’olio e sistemarvi sopra l’ultimo disco. Ripiegatevi sopra la parte sbordante e sigillare. Bucherellare con una forchetta, spennellare con altro olio e infornare a 180 gradi, in forno preriscaldato, per 1 ora. Lasciare intiepidire e sformare.

torta pasqualina. dolcestefania

TReCCia Di PaSQua

La tradizione vuole che nel periodo pasquale si preparino le cuzzupe.. Io questa volta invece che farne tante piccole ho fatto una grande treccia, con le uova al centro, che sono il simbolo della resurrezione di Gesù.

treccia di Pasqua dolcestefania

Per l’impasto:

  • 400 g di farina
  • 120 g di zucchero
  • 180 g di burro
  • 1 uovo
  • 1 tuorlo
  • ½ bustina di lievito
  • 1 pizzico di sale
  • La scorza grattugiata di 1 limone

Per la decorazione:

  • 3 uova intere
  • 1 uovo per spennellare
  • Confettini colorati q.b

Versare la farina, lo zucchero e il pizzico di sale in una ciotola.  Aggiungere poi l’uovo e il tuorlo, la scorza grattugiata del limone, il lievito e il burro. Iniziare a impastare il tutto con le mani. Se l’impasto dovesse risultare troppo asciutto aggiungere un po’ di latte, se invece troppo morbido aggiungere altra farina. Togliere dall’impasto una piccola quantità che occorre per la decorazione e dividere poi l’impasto così ottenuto in 3 parti uguali. Rotolare con le mani ognuna delle tre parti sul piano infarinato, in modo da ottenere 3 rotolini non più lunghi di 50 cm. Intrecciare i 3 rotoli formando una treccia e saldare le estremità. Disporre la treccia su una teglia rivestita di carta da forno. Lavare, asciugare  e adagiare le 3 uova sulla treccia e premere leggermente sulla pasta per farli aderire. Ricavare 6 striscioline con la pasta tenuta da parte e appoggiarle sul guscio delle uova incrociandole fra loro. Spennellare la superficie della treccia con l’uovo sbattuto , cospargere con i confettini colorati e infornare a 180 gradi  per circa 30 minuti, in forno preriscaldato. Lasciarla raffreddare e disporla su un vassoio.

LaSaGNe

Le lasagne sono un primo piatto sontuoso, ricco di ingredienti e di sapori… A casa mia sono il tipico piatto della domenica!! Io non ho rispettato la classica ricetta emiliana che prevede il latte nella cottura del ragù… le faccio con la ricetta della mia mamma!! E vi assicuro che sono buonissime!! 😉

lasagne dolcestefania (1)

  • 1 confezione di lasagne all’uovo
  • 3 l di salsa di pomodoro
  • ½ cipolla rossa
  • Sale q.b
  • Olio evo q.b
  • Pepe nero q.b
  • 1 kg di carne macinata
  • 2 carote
  • 1 costa di sedano
  • 4-5 foglie di Basilico
  • 400 g di provola a cubetti
  • 3-4 uova sode
  • 300 g di prosciutto cotto affettato
  • 200 g di parmigiano grattugiato
  • 500 g di besciamella

Sbucciare, lavare e tagliare a cubetti carota, cipolla e sedano. Metterli in una pentola con dell’olio evo e lasciare soffriggere per alcuni minuti, mescolando ogni tanto. Versarvi la carne macinata e lasciare soffriggere fino a che la carne sarà ben rosolata, per circa 15-20 minuti, a fuoco lento. A questo punto versarvi la salsa di pomodoro, il sale,il basilico e il pepe nero. Coprire col coperchio e lasciare cuocere per circa 1 ora e 30 minuti a fuoco lento, fino a che il sugo sarà ben cotto. A questo punto, quando il sugo è ancora caldo aggiungervi la besciamella e mescolare per bene per farla sciogliere. Nel frattempo tagliare a cubetti la provola, le uova sode e spezzettare le fette di prosciutto cotto. Sporcare il fondo di una teglia rettangolare di 20cmx 40cm con qualche mestolo di sugo al ragù e disporre un primo strato di sfoglie di lasagne. Coprire con altro sugo al ragù, con qualche cucchiaio di parmigiano grattugiato e con parte del ripieno. Coprire con un altro strato di lasagne, altro sugo, altro parmigiano, altro ripieno. Ripetere di nuovo questa operazione e completare con uno strato di lasagne e il sugo al ragù rimasto. Cospargere con il parmigiano grattugiato rimasto e infornare a 200 gradi per circa 30-40 minuti. Dopo i primi 20 minuti coprire in superficie con della carta stagnola per evitare che si secchi la superficie. togliere le lasagne dal forno e lasciare riposare per circa 15 minuti. A questo punto servire.

UoVa FuNGHeTTo

Una simpatica idea per servire in tavola delle gustose uova ripiene!!

uova ripiene dolcestefania

  • 5 uova sode
  • 2 cucchiai di maionese
  • 5 pomodori
  • 15 capperi sotto sale
  • ½ scatoletta di tonno al naturale
  • 2 foglie di lattuga per decorare

Sbucciare le uova sode e tagliare la parte superiore di circa 1,5 cm e cercare di rendere piatta la base, in maniera tale che si possano mettere in posizione verticale su di un piatto.  Con l’aiuto di un coltellino affilato cercare di estrarre il tuorlo sodo interno,ovviamente in vari pezzettini perché non serve toglierlo integro. Riunire i tuorli nel boccale di un mixer e aggiungervi il tonno sgocciolato, i capperi lavati dall’eccesso di sale e la maionese e frullare per qualche secondo. Con l’impasto ottenuto riempire il guscio scavato delle uova e adagiarvi mezzo pomodoro in maniera da creare il cappello del fungo. Con l’aiuto di uno stuzzicadenti e della maionese cercare di formare dei puntini sulla cappella del fungo. Disporre su un piatto la lattuga tagliata a julienne e adagiarvi le uova a forma di fungo. Conservare in frigorifero fino al momento di servire.

SaRTù Di RiSo

Il sartù di riso è uno dei piatti più sontuosi della tradizione napoletana.. L’ho preparato insieme alla mia amica Angela per una cena tra amici… Che soddisfazione quando l’abbiamo sformato dallo stampo!! Bello da vedere e buonissimo…. Abbiamo fatto tutti il bis!!! 

sartù di riso dolcestefania

Per il riso:

  • 800 g di riso originario
  • 4 uova
  • 100 g di grana grattugiato
  • Un ciuffo di prezzemolo
  • 3 mestoli di sugo ragù
  • Sale q.b
  • Una noce di burro per lo stampo
  • Pangrattato q.b per lo stampo

Per il ragù:

  • 1 l di salsa di pomodoro
  • 500 g di carne macinata
  • 4 foglie di basilico
  • ½ cipolla
  • 500 g di salsicce piccanti
  • Sale q.b
  • Olio evo q.b

Per il ripieno:

  • 5 uova sode
  • 300 g di mozzarella
  • 400 g di piselli surgelati
  • 250 g di speck a cubetti
  • ½ cipolla bianca
  • Pepe nero q.b

Per le polpettine:

  • 500 g di pane raffermo
  • 450 g di carne macinata
  • 2 uova
  • 3 cucchiai di grana grattugiato
  • Un ciuffo di prezzemolo
  • 1 spicchio d’aglio
  • 500 ml di Olio di semi di mais

Lessare il riso in acqua salata per circa 20 minuti. Deve rimanere al dente. Scolarlo in un colapasta e lasciarlo raffreddare completamente. Nel frattempo preparare il ragù. Mettere in una pentola la cipolla tagliata molto finemente con dell’olio evo e farla rosolare per circa 2 minuti. Tagliare le salsicche a tocchetti di circa 2 cm e metterli nella pentola. Coprire col coperchio e lasciare cuocere per circa 10 minuti mescolando ogni tanto. Togliere le salsicce dal soffritto e tenerle da parte. Aggiungere nella stessa pentola la carne macinata e lasciarla soffriggere per un quarto d’ora a fiamma moderata. Aggiungervi ora la salsa di pomodoro, il basilico e il sale. Lasciare cuocere senza coperchio fino a che il sugo sarà abbastanza ristretto. Nel frattempo preparare le polpettine. Mettere il pane a mollo per mezz’ora. Strizzarlo per bene e metterlo in una ciotola con la carne macinata cruda, il sale, il prezzemolo e l’aglio tritati, le uova e il grana grattugiato. Impastare il tutto e formare delle polpettine grandi come nocciole. Friggerle in olio caldo e scolarle su carta assorbente. Per il ripieno: tagliare le mozzarelle a pezzettini e farle scolare e tagliare a metà le uova sode. In una padella mettervi la cipolla tagliata a pezzettini e un filo d’olio evo. Lasciarla soffriggere e aggiungervi lo speck e dopo 3 minuti aggiungere i piselli ancora surgelati. Aggiungervi 2 mestoli di acqua calda e lasciare cuocere per 15 minuti. Aggiungervi ora le salsicce tenute da parte e metà del ragù. Regolare di sale e di pepe, mescolare il tutto e spegnere il fuoco. A questo punto aggiungere la metà del ragù rimasto (circa 3 mestoli) al riso ormai freddo, le uova, il prezzemolo tritato, il grana grattugiato e impastare il tutto. Imburrare e spolverizzare con pangrattato uno stampo a ciambella. Distribuirvi ¾ del riso, e con un cucchiaio o con le mani spingerlo verso i bordi e il fondo in modo da creare una cavità. Riempire il sartù con le uova sode, la mozzarella a pezzetti, metà delle polpettine, metà del composto di piselli, speck e salsicce e mettere da parte l’altra metà. Coprire con il riso rimasto, compattando per bene e infornare a 200 gradi per almeno 30 minuti. Togliere dal forno e lasciare intiepidire per circa 10 minuti. Riscaldare l’intingolo di piselli messo da parte e aggiungervi le polpettine.  Sformare il sartù e riempire il foro con l’intingolo riscaldato.

sartù di riso dolcestefania.

sartù di riso dolcestefania..

FiLeTTo Di MaiaLe aLLa VeCCHia RoMaGNa

Questa è una ricetta un pò rivisitata, a modo mio, del classico filetto al pepe verde… L’ho preparata con la mia dolce metà per una nostra cenetta! ❤filetto alla vecchia romagna dolcestefania

  • 4 fette di filetto di maiale ( circa 150-200 g ciascuna)
  • 1 grossa noce di burro
  • 2 cucchiai di pepe verde in salamoia
  • 150 ml di panna da cucina
  • 1 bicchierino di brandy
  • 2 cucchiai di senape

Legare ciascuna fetta di filetto con lo spago e stringere bene. Sciogliere la noce di burro in una padella e nel frattempo pestare 2 cucchiai di pepe verde con uno batticarne. Farlo aderire alla carne pressando bene da entrambi i lati e mettere i filetti nella padella col burro. Coprire col coperchio e lasciare cuocere per circa 10 minuti girando i filetti ogni tanto e punzecchiandoli con la forchetta per farli cuocere bene. Quando saranno cotti scolarli e metterli in caldo ed eliminare lo spago. Nella stessa padella dove sarà rimasto il fondo di cottura della carne sfumare col brandy, lasciarlo evaporare e aggiungere la senape. Cuocere a fuoco lento per qualche minuto e aggiungere la panna. A questo punto aggiungere i filetti che erano stati messi in caldo e mantecarli con il condimento per un paio di minuti. Spegnere il fuoco e servire i filetti ben caldi altrimenti la panna tenderà ad asciugarsi.

CoCCiNeLLe

Si mangiano in un sol boccone…. ma  sono così  graziose che dispiacerebbe pure farlo?! Sono ideali come antipasto o aperitivo… Io le ho preparate per un buffet salato… Hanno fatto centro!!! 😉coccinelle dolcestefania

  • Pomodorini q.b
  • Olive nere denocciolate q.b
  • Formaggio spalmabile q.b
  • Biscotti salati tondi (tipo ritz) q.b

Dividere i pomodorini in due praticare un taglio a V. Su ciascuna metà applicare con un po’ di formaggio spalmabile mezza oliva denocciolata. Spalmare sul biscotto salato un cucchiaino di formaggio spalmabile e adagiarvi il pomodorino. Creare i puntini neri con pezzettini di olive nere e cercare di attaccarli sempre con il formaggio spalmabile.

PeNNe aLLa VoDKa

Le penne alla vodka e pancetta sono un primo piatto che ha conosciuto un grande successo negli anni Ottanta…. Stasera le ho preparate per il mio boy.. Che ha anche collaborato con me.. Ottimo piatto.. 😉penne alla vodka dolcestefania

  • 350 g di penne rigate
  • 175 g di coriandoli di pancetta affumicata
  • 1 bicchierino di vodka
  • ½ cipolla rossa
  • 200 g di pomodorini
  • 4 cucchiai di olio evo
  • 1 peperoncino piccante
  • 130 ml di panna da cucina
  • Erba cipollina q.b
  • Sale q.b

Soffriggere la cipolla con l’olio evo facendola appassire dolcemente. Aggiungere poi il peperoncino intero e i coriandoli di pancetta e lasciare cuocere a fiamma bassa fino a che il grasso della pancetta si sarà sciolto. A questo punto togliere il peperoncino, alzare la fiamma e sfumare con la vodka. Lasciare evaporare e aggiungere i pomodorini tagliati a pezzetti e i sale. Coprire col coperchio e lasciare cuocere per circa 15 minuti. A questo punto aggiungere la panna e l’erba cipollina. Intanto cuocere la pasta al dente in acqua bollente salata. Scolarla e mantecarla per circa due minuti nel sugo aggiungendo qualche cucchiaio di acqua della pasta se il sugo risultasse troppo asciutto. Servire ben calda.

 

ToRTieRa Di MeLaNZaNe RiPieNa Di PaSTa

Finalmente l’ho fatta!! Era da tanto che ci pensavo a prepararla… oltre che bella da vedere una volta rovesciata dalla tortiera… è soprattutto buonissima… tortiera di melanzane ripiena di pasta dolcestefania

  • 500 g di penne candela
  • 1 l di salsa di pomodoro
  • ½ cipolla rossa
  • Qualche foglia di basilico
  • Olio evo q.b
  • 300 g di provola
  • 200 g di salame affumicato
  • 2 uova sode
  • 70 g di grana grattugiato
  • 5 melanzane nere medie
  • 500 ml di olio di semi di mais
  • Sale q.b

Preparare il sugo. Soffriggere la cipolla tritata con dell’olio evo. Aggiungere poi la salsa di pomodoro, il sale e il basilico. Lasciare cuocere a fiamma bassa per circa 20 minuti o comunque fino a che il sugo si sarà addensato, mescolando ogni tanto. Nel frattempo lavare e spuntare le melanzane e tagliare a fette spesse circa mezzo cm. Friggerle in olio di semi di mais ben caldo e scolarle su carta assorbente. Tagliare a pezzetti la provola, il salame affumicato e le uova sode e riunirle in una ciotola. Intanto cuocere la pasta al dente in acqua bollente salata, scolarla e condirla con qualche mestolo di sugo. Foderare una tortiera di circa 36 cm di diametro con le fette di melanzane fritte. Disporle una accanto all’altra evitando di lasciare spazi vuoti. Versarvi metà della pasta condita col sugo, altri 2 mestoli di sugo, 3 o 4 cucchiai di grana grattugiato e il ripieno tagliato a pezzetti. Coprire con la rimanente pasta, versarvi i mestoli di sugo rimasti e cospargere con altro grana grattugiato. Piegare le fette di melanzane verso l’interno, a raggiera e infornare a 200 gradi, in forno preriscaldato, per 35 minuti. Togliere la tortiera dal forno, lasciarla leggermente intiepidire e capovolgerla su un piatto da portata.

MiNi TiRaMiSù

L’idea di presentare un dolce monoporzione quando ci sono degli ospiti mi piace molto… Sicuramente è un pò più impegnativo nella preparazione… ma alla vista… il risultato è più bello  secondo me… Questi sono i mini tiramisù.. Sempre per il buffet dei 18 anni di Luigi! *_* mini tiramisù dolcestefania

  • 500 g di mascarpone
  • 5 uova
  • 1 pizzico di sale
  • 5 cucchiai di zucchero
  • Caffè q.b
  • Cacao amaro q.b
  • ½ pacco di biscotti pavesini
  • 500 ml di panna fresca già zuccherata

 

Montare gli albumi a neve con il pizzico di sale. Sbattere i tuorli con lo zucchero. Aggiungere ai tuorli il mascarpone e continuare a sbattere. Poi inserirvi gli albumi. A questo punto montare la panna e incorporarla al composto. Mettere per mezz’ora in frigorifero. Disporre sul fondo di ciascun bicchierino un pavesino inzuppato nel caffè (circa 45 bicchierini). Mettere la crema al mascarpone in una sac a poche con bocchetta a stella e distribuirla in ciascun bicchierino. Spolverare con del cacao amaro e mettere in frigorifero per almeno un paio d’ore.

 

CoRoNa iNTReCCiaTa Di PaNBRioCHe

Sofficissima e gustosissima questa treccia di pan brioche…. Una fetta tira l’altra!corona intrecciata dolcestefania (2)

Per l’impasto:

  • 500 g di farina manitoba
  • 350 ml di latte
  • 50 ml di olio evo
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 bustina di lievito di birra secco
  • 1 uovo

Per il ripieno:

  • 1 kg di ricotta
  • 150 g di salame piccante affumicato
  • 300 g di formaggio pecorino a cubetti
  • 1 pizzico di pepe nero
  • 1 uovo per spennellare
  • Semi di sesamo q.b.

Mettere in una ciotola l’uovo con il latte tiepido, l’olio evo e il sale  e mescolare con una forchetta. Versare a pioggia la farina miscelata con il lievito di birra secco e iniziare a impastare. Formare un panetto morbido e liscio e lasciare lievitare nella ciotola fino al raddoppio del volume, circa 2 ore. Nel frattempo mettere la ricotta in una ciotola e aggiungere il pepe nero e mescolare con una forchetta. Aggiungere poi il pecorino a cubetti e il salame tagliato a pezzettini. Amalgamare il tutto e coprire fino a che l’impasto sarà lievitato. Spianare l’impasto ormai lievitato e dividerlo in 3 parti uguali. Formare dei rotoli lunghi e appiattirli col matterello. Distribuire il ripieno nella parte centrale dei 3 rotoli appiattiti lasciando circa 1 cm dai bordi. Sigillare i rotoli ripieni pizzicando bene i bordi. Creare ora la treccia con i tre rotoli e chiuderla a corona sigillando le due estremità. Porre la corona intrecciata su una teglia rivestita di carta forno e lasciarla rilievitare per circa 1 ora e ½. Spennellare la corona intrecciata con l’uovo sbattuto e cospargere con i semi di sesamo. Infornare a 200 gradi per circa 35 minuti, in forno preriscaldato.

GiRaSoLe SaLaTo

Un’idea per il pic-nic di Pasquetta? Una focaccia con ricotta e spinaci… Non la classica!! Ma a forma di girasole… Non dobbiamo soddisfare solo il palato.. Ma anche gli occhi!! ^_^

Girasole salato dolcestefania

Per la base:

  • 500 g di farina “00”
  • 150 g di farina manitoba
  • 350 ml di acqua tiepida
  • ½ cubetto di lievito di birra (12 g)
  • 2 cucchiaini rasi di sale

Per il ripieno:

  • 350 g di ricotta
  • 500 g di spinaci lessati e strizzati
  • 1 pizzico di noce moscata
  • 1 pizzico di pepe nero
  • Sale q.b.
  • 1 uovo

Per la decorazione:

  • Semi di sesamo q.b.
  • Olio evo q.b.
  • Pepe nero q.b.

Per il ripieno mescolare gli spinaci raffreddati, strizzati e sminuzzati con la ricotta, l’uovo, la noce moscata, il sale e il pepe nero. Amalgamare il tutto con una forchetta e lasciare in frigorifero per 1 ora. Versare le farine in una ciotola, e creare un buco al centro. Inserirvi il lievito sbriciolato e l’acqua tiepida; iniziare a impastare il tutto e aggiungere il sale. Dividere l’impasto in 2 parti, modellarle fino a renderle lisce e morbide e porle a lievitare per 2 ore. Stendere i due impasti in due sfoglie non molto sottili. Adagiarne una su una teglia rivestita con un foglio di carta forno. Formare la corolla del fiore distribuendo 4-5 cucchiai di ripieno nella parte centrale con un diametro di 6 cm. Distribuire il resto del ripieno in maniera circolare avendo cura di lasciare un anello di 2-3 cm di spazio senza ripieno. Adagiare dunque la seconda sfoglia stesa sulla prima ormai farcita e pressare bene ai lati. Tagliare la pasta in eccesso e sigillare bene. Per dare forma alla corolla, capovolgere una tazza sul centro della focaccia e praticare dei tagli in maniera regolare formando strisce di circa 4 cm di larghezza. Torcere le strisce e legarle le une alle altre. Spennellare con olio d’oliva e cospargere il centro del girasole con semi di sesamo e pepe nero. Infornare a 200 gradi, in forno preriscaldato, per 35-40 minuti.dolcestefania girasole salato

PaNeTToNe Di PaSQueTTa

per il giorno di pasquetta ecco una ricetta sfiziosa e originale.. Il panettone gastronomico… Una rivisitazione tutta casalinga dei classici tramezzini!! 🙂
panettone gastronomico di pasquetta dolcestefania

  • 800 g di farina
  • 2 bustine di lievito di birra secco
  • 2 cucchiaini di zucchero
  • 2 cucchiaini rasi di sale
  • 4 uova
  • 4 cucchiai di olio evo
  • 400 ml di acqua tiepida
  • 100 g di parmigiano grattugiato

Per farcire:

  • Maionese q.b.
  • 4 pomodori
  • Foglie di lattuga q.b
  • 100 g di speck
  • 200 g di prosciutto cotto
  • 2 scatolette di tonno
  • Sottilette q.b.

Setacciare la farina in una terrina larga e mescolarvi il lievito di birra secco. Al centro del mucchio praticare una buca e versarvi zucchero, sale, uova e olio evo e amalgamare il tutto con una forchetta, aggiungendo un po’ alla volta l’acqua. Lavorare l’impasto per almeno 10 minuti, rimetterlo nella terrina infarinata, coprire con un canovaccio e porlo a lievitare in luogo tiepido fino a quando avrà raddoppiato il suo volume (circa 1 ora). Incorporare il parmigiano grattugiato all’impasto, metterlo in uno stampo o pentola a sponde alte, imburrato e infarinato e porre a lievitare in luogo tiepido per altri 30 minuti. Cuocere per 30-35 minuti nella parte inferiore del forno preriscaldato,a 180-200 gradi. Tagliare la calotta del panettone raffreddato a 4 cm dal bordo superiore e dividere il resto in 8 strati. Mescolare la maionese con il tonno sgocciolato e distribuire la metà di questa salsa e dell’insalata sul primo strato e poi sovrapporre il secondo e terzo strato. Distribuire sul terzo strato fettine di pomodoro, prosciutto cotto e sottilette e sovrapporre quarto e quinto strato. Distribuire sul quinto strato la restante salsa, lo speck e la lattuga e le fettine di pomodoro e sovrapporre il sesto e settimo strato. Distribuire su questo la maionese, il prosciutto cotto e le sottilette e sovrapporre l’ottavo strato e tagliare il panettone in otto spicchi. Completare con la calotta e decorare con pomodorini interi.

CoLoMBa PaSQuaLe

Questa è una delle colombe che ho preparato insieme alla mia amica Caterina..La versione classica.. Dopo 12 ore di attesa e lavorazione finalmente ce l’abbiamo fatta… Sembra bassina per via dello stampo da 1 Kg invece che da 750 g!!

Colomba Pasquale Dolcestefania e Caterina Muraca

  • 80 g di burro
  • 350 g di farina manitoba
  • 1 pizzico di sale
  • 100 g di zucchero
  • 1 cubetto di lievito di birra (25g)
  • 100 g di latte
  • 1 uovo + 1 tuorlo
  • 100 g di canditi

Per la copertura:

  • 2 albumi
  • 80 g di farina di mandorle
  • 90 g di zucchero a velo
  • 50 g di granella di zucchero
  • 100 g di mandorle non pelate

Riunire le uova, lo zucchero, la farina ed il lievito sciolto nel latte nella ciotola dell’impastatrice dotata di gancio. Iniziare a far lavorare l’impastatrice fino a quando l’impasto risulterà ben incordato ovvero ben elastico e compatto a tal punto da staccarsi dalle pareti della ciotola e formare una sorta di corda intorno al gancio dell’impastatrice. A questo punto, unite il burro ben ammorbidito ma non sciolto. Il burro va aggiunto poco per volta e aggiungendo il cucchiaio successivo solo quando il precedente è stato completamente assorbito dall’impasto. Incorporare, infine, il sale. Togliere l’impasto dalla ciotola dell’impastatrice e dare una lavorata veloce sul piano di lavoro formando una palla.  Fare ruotare la palla con le mani spingendo l’impasto sotto la pasta stessa quasi a volerne tendere la superficie. Riporre la palla d’impasto in una ciotola, coprire con un canovaccio e metterla a lievitare fino al raddoppio.(Circa 5 ore). Riprendere l’impasto dalla ciotola e sgonfiarlo delicatamente. Incorporare i canditi. Dividere l’impasto in due parti e dotarsi di uno stampo per colombe da 750 g. (Io ho sbagliato perché ho preso quella da 1 Kg quindi non è lievitata fino ai bordi!). Formare con le due metà d’impasto due cilindri, uno più corto e uno più lungo. Collocare il cilindro più corto a coprire le ali della colomba schiacciando leggermente, quindi collocare il cilindro più lungo a formare il corpo incrociandolo con il cilindro di pasta delle ali. Rimettere a lievitare la colomba per circa 5 ore. Nel frattempo preparare la glassa per la colomba: sbattere con una frusta gli albumi dentro ad una ciotola, aggiungendo a mano a mano lo zucchero a velo e la farina di mandorle. Si dovrà ottenere un composto denso che una volta messo sulla colomba non coli ai lati. Ricoprire quindi la colomba con la glassa e poi cospargerla con le mandorle e lo zucchero in granella. Infornare la colomba in forno statico già caldo a 200° per i primi 10 minuti e poi abbassare la temperatura a 180° proseguendo per altri 30-40 minuti, fino a cottura ultimata (fate la prova stecchino per verificare l’avvenuta cottura). Estrarre la colomba dal forno e lasciarla raffreddare.

CoLoMBa PaSQuaLe aL CioCCoLaTo

E… questa è l’altra colomba preparata con la mia amica Caterina… Al cioccolato.. La colomba sembra bassina per via dello stampo da 1 Kg invece che da 750 g… Non saranno perfette però vi assicuro che sono buonissime!!colomba pasquale al cioccolato dolcestefania

 

  • 80 g di burro
  • 350 g di farina manitoba
  • 1 pizzico di sale
  • 100 g di zucchero
  • 1 cubetto di lievito di birra (25g)
  • 100 g di latte
  • 1 uovo + 1 tuorlo
  • 100 g di gocce di cioccolato

Per la copertura:

  • 200 g di cioccolato fondente
  • 50 g di granella di zucchero
  • 100 g di mandorle pelate

Riunire le uova, lo zucchero, la farina ed il lievito sciolto nel latte nella ciotola dell’impastatrice dotata di gancio. Iniziare a far lavorare l’impastatrice fino a quando l’impasto risulterà ben incordato ovvero ben elastico e compatto a tal punto da staccarsi dalle pareti della ciotola e formare una sorta di corda intorno al gancio dell’impastatrice. A questo punto, unite il burro ben ammorbidito ma non sciolto. Il burro va aggiunto poco per volta e aggiungendo il cucchiaio successivo solo quando il precedente è stato completamente assorbito dall’impasto. Incorporare, infine, il sale. Togliere l’impasto dalla ciotola dell’impastatrice e dare una lavorata veloce sul piano di lavoro formando una palla.  Fare ruotare la palla con le mani spingendo l’impasto sotto la pasta stessa quasi a volerne tendere la superficie. Riporre la palla d’impasto in una ciotola, coprire con un canovaccio e metterla a lievitare fino al raddoppio.(Circa 5 ore). Riprendere l’impasto dalla ciotola e sgonfiarlo delicatamente. Incorporare le gocce di cioccolato. Dividere l’impasto in due parti e dotarsi di uno stampo per colombe da 750 g. (Io ho sbagliato perché ho preso quella da 1 Kg quindi non è lievitata fino ai bordi!). Formare con le due metà d’impasto due cilindri, uno più corto e uno più lungo. Collocare il cilindro più corto a coprire le ali della colomba schiacciando leggermente, quindi collocare il cilindro più lungo a formare il corpo incrociandolo con il cilindro di pasta delle ali. Rimettere a lievitare la colomba per circa 5 ore. Infornare la colomba in forno statico già caldo a 200° per i primi 10 minuti e poi abbassare la temperatura a 180° proseguendo per altri 30-40 minuti, fino a cottura ultimata (fate la prova stecchino per verificare l’avvenuta cottura). Estrarre la colomba dal forno e lasciarla intiepidire. Nel frattempo sciogliere il cioccolato a bagnomaria e tostare le mandorle in forno per 5 minuti a 220 gradi. Versare il cioccolato fuso sulla superficie della colomba, e completare con granella di zucchero e mandorle tostate. Lasciare solidificare.

CeSTiNi Di MeRiNGa FoNDeNTi

Finalmente sono riuscita a realizzare i cestini di meringa… farciti con cioccolato fondente come richiesto dal mio boy!!! Ogni tanto lo prendo per la gola e soprattutto assecondo le sue richieste e non faccio di testa mia!!

Cestini di meringa fondenti DoLCeSTeFaNia

  • 300 g di albumi (7-8 albumi)
  • 300 g di zucchero semolato
  • 300 g di zucchero a velo
  • 1 pizzico di sale
  • Qualche goccia di succo di limone
  • 250 g di cioccolato fondente

Inserire in una ciotola gli albumi col pizzico di sale. Montarli a neve per 5 minuti. Aggiungere poco alla volta lo zucchero semolato e continuare a montare per altri 5 minuti dall’ultima aggiunta. Con una spatola e con movimenti dal basso verso l’alto aggiungere lo zucchero a velo setacciato. Con l’aiuto di una sac a poche formare circa 22 cestini di meringa su teglie rivestite di carta forno. Creare dei dischetti del diametro di 8 cm e spremere dei ciuffetti di meringa sul bordo esterno. Infornare in forno preriscaldato e nella parte media, a 80 gradi per circa 2 ore, lasciando lo sportello socchiuso per un paio di cm per permettere all’umidità di uscire e alle meringhe di seccare bene. Alternare la posizione delle lastre ogni 15-20 minuti dalla parte media a quella alta. Al termine della cottura spegnere il forno, chiudere lo sportello e lasciare raffreddare completamente i cestini di meringa in forno. Fondere il cioccolato a bagnomaria e metterne un cucchiaio in ciascun cestino e lasciare solidificare.

CuZZuPe Di PaSQua

Pasqua si avvicina.. Rispettiamo le tradizioni… Ecco un’altra ricetta per le cuzzupe, dolce della tradizione pasquale calabrese, decorato con le uova, per simboleggiare la Resurrezione del Signore e… la tradizione vuole portino fortuna. cuzzupe

  • 7 uova + 1 uovo per spennellare
  • 1 bicchiere di latte
  • 2 bicchieri di zucchero
  • 100 g di strutto
  • 100 g di burro
  • la scorza grattugiata di 2 limoni
  • 1 pizzico di sale
  • 1 kg di farina
  • 2 bustine di lievito

Riunire in una ciotola le 7 uova, lo zucchero e il pizzico di sale. Sbattere con un cucchiaio di legno e aggiungere lo strutto e il burro a pezzettini. Continuare a mescolare e aggiungere le scorze grattugiate, la farina e il lievito. Impastare il tutto con le mani fino a ottenere un impasto morbido. Ricavare diverse forme, solitamente pesce, colomba, treccia, ciambella intrecciata, chiocciola e mettervi al centro l’uovo. Disporre le cuzzupe su teglie ricoperte di carta forno, spennellare con l’uovo sbattuto e infornare a 180 gradi per 25 minuti, in forno preriscaldato.

PaSTA “aLLu STiaVuCCu”

Questo rotolo di pasta è una ricetta della tradizione Calabrese…Lo preparava la nonna Angela per i pranzi con figli e nipoti…Anche se lei lo condiva con il sugo e non metteva le patate nell’impasto. Tanti auguri signora Angelì.. ❤rotolo di pasta pasta allu stiavuccu dolcestefaniaPer l’impasto:

  • 500 g di farina “00”
  • 150 g di farina rimacinata di grano duro
  • 3 patate piccole
  • 350 ml d’acqua

Per il ripieno:

  • 500 g di ricotta
  • 1 kg di borraggine
  • Sale q.b.
  • 1 pizzico di pepe bianco macinato
  • 1 pizzico di noce moscata

Per il condimento:

  • Burro q.b.
  • Foglie di salvia q.b.

Pulire la borraggine, lavarla per bene e cuocerla in acqua bollente per 8 minuti. Scolarla in uno scolapasta, lasciarla raffreddare  completamente e strizzarla leggermente con le mani fino a che sia asciutta. Metterla in una ciotola e amalgamarla alla ricotta. Aggiustare di sale, pepe e noce moscata e mescolare il tutto. Preparare l’impasto. Creare una fontana con le due farine e mettervi al centro le patate lessate e schiacciate e l’acqua. Impastare il tutto fino a ottenere un impasto sodo e asciutto. Dividerlo in due parti e stendere ciascuno in una sfoglia rettangolare non molto spessa. Spalmare sui rettangoli di pasta il ripieno e arrotolarli. Adagiarli su 2 canovacci (stiavucchi) e arrotolarli su se stessi ben stretti. Sigillare le estremità con uno spago da cucina e metterli in una pentola piena d’acqua. Farli bollire per almeno 1 ora e mezza. Toglierli dai canovacci, tagliarli a fette e condirli con burro fuso e salvia o a piacimento.

pasta allu stiavuccu dolcestefania rotolo di pasta

MiNi CHaRLoTTe

Questa è una ricetta, un pò personalizzata, :) di mia cognata Noemi.. Troppo deliziosa!
mini charlotte 2

  • ½ pacco di biscotti pavesini
  • 500 ml di panna
  • 2 uova
  • 4 cucchiai di zucchero
  • 1 pizzico di sale
  • 250 g di mascarpone
  • Qualche goccia di aroma rum
  • Caffè q.b.
  • Cacao amaro q.b.
  • 1 bustina di pannafix

Sbattere i tuorli con lo zucchero e montare gli albumi a neve con il pizzico di sale. Incorporare ai tuorli il mascarpone e continuare a sbattere. Aggiungere poi gli albumi montati a neve. Montare la panna ben refrigerata e a metà dell’operazione aggiungere la bustina di pannafix. Amalgamare la panna montata al composto di uova e mascarpone e aromatizzare con la fialetta al rum. Foderare le 15 mezze sfere di carta pellicola. Inzuppare i pavesini nel caffè e disporli sul fondo delle mezze sfere. Versarvi la crema preparata e coprire il tutto con i rimanenti pavesini inzuppati nel caffè. Coprire il tutto con carta pellicola e mettere in freezer per almeno 12 ore. Al momento di servire lasciare scongelare le mini charlotte per almeno 1 ora, capovolgerle su un piatto da portata e cospargere con il cacao amaro.

CiaMBeLLiNe iNTReCCiaTe CoN Lo ZuCCHeRo

ciambelline intrecciate con lo zucchero dolcestefania

  • 300 g di farina Manitoba
  • 150 g di farina “00”
  • 1 cubetto di lievito di birra
  • 2 uova
  • 100 g di zucchero + 50 g per decorare
  • 1 bustina di vanillina
  • La scorza grattugiata di 1 limone
  • 50 g di burro
  • 150 ml di latte tiepido
  • 600 ml di olio di semi di mais

Setacciare le farine in una ciotola e creare un buco al centro. Inserirvi lo zucchero, la vanillina, la scorza grattugiata del limone, le uova, il burro, il lievito sbriciolato e aggiungere il latte tiepido poco per volta. Amalgamare il tutto e impastare per almeno 10 minuti. Lasciare l’impasto nella ciotola infarinata, coprire con un canovaccio e lasciare lievitare per 2 ore circa. Dividere l’impasto in 14 parti uguali. Con ogni pezzetto formare 2 rotoli lunghi 30 cm circa, intrecciarli e chiuderli ad anello saldando bene le estremità. Disporre le ciambelline su un vassoio infarinato e porle nuovamente a lievitare per 40 minuti. Friggere le ciambelline in olio bollente, toglierle dall’olio, asciugarle con carta assorbente e passarle nello zucchero.

SCaLoPPiNe aGLi aSPaRaGi

scaloppine agli asparagi dolcestefania

  • 400 g di fettine di maiale o vitello
  • 1 mazzo di asparagi
  • 40 g di farina
  • 50 g di burro
  • 100 ml di vino bianco
  • Sale
  • Pepe nero

Privare gli asparagi della parte bianca e filamentosa, lavarli e pareggiare i gambi. Metterli in una pentola alta e stretta piena di acqua bollente, in verticale, con le punte fuori dall’acqua e farli cuocere per 15 minuti. Scolarli e tenere da parte qualche cucchiaio di acqua di cottura e tagliarli a pezzetti. Infarinare le fettine di maiale o di vitello. Lasciare sciogliere il burro in una padella e adagiare la carne. Farla scottare da entrambi i lati, bagnare col vino e lasciarlo evaporare. Insaporire con un pizzico di sale e di pepe. Aggiungere alla carne gli asparagi e il liquido di cottura tenuto da parte, cuocere ancora per 2 minuti, poi togliere dal fuoco e servire.

RaVioLi DoLCi

ravioli dolci dolcestefania

Per l’impasto:

  • 550 g di farina
  • 250 g di zucchero
  • 1 bustina di vanillina
  • La scorza grattugiata di 1 limone
  • 3 uova
  • 1 pizzico di sale
  • 1 bustina di lievito
  • 150 g di burro

Per il ripieno:

  • 500 g di castagne secche
  • 100 g di gocce di cioccolato
  • 100 g di mandorle tritate
  • 1 cucchiaio di marmellata d’uva
  • Qualche goccia di aroma rum
  • 5 cucchiai di zucchero a velo

Mettere a bagno in acqua tiepida le castagne per qualche ora, quindi lessarle in acqua bollente. Lasciarle raffreddare. Disporre la farina a fontana su una spianatoia, creare un buco al centro e inserire zucchero, uova, vanillina, sale, scorza grattugiata del limone, burro e lievito. Impastare fino a ottenere un panetto morbido e liscio. Stendere la pasta col mattarello in modo da formare una sfoglia dello spessore di mezzo cm e ritagliare con uno stampino dei dischetti di 6-7 cm. Nel frattempo preparare il ripieno. Frullare le castagne e metterle in una terrina con le gocce di cioccolato, le mandorle tritate, la marmellata, l’aroma rum e lo zucchero a velo e mescolare bene il tutto. Posizionare su ogni dischetto un cucchiaino di ripieno e ripiegarlo a forma di mezzaluna. Sigillare i ravioli con l’utilizzo di una rotella dentellata. Disporli su una teglia ricoperta con carta forno e infornare a 190 gradi per 20 minuti, in forno preriscaldato. Lasciare intiepidire e spolverare con zucchero a velo.

CaSSaTa SiCiLiaNa

La cassata è un prodotto della pasticceria siciliana, e più specificatamente di Palermo; nata per celebrare la Pasqua dopo i sacrifici quaresimali, è divenuta di consumo comune durante tutto l’anno.cassata siciliana dolcestefania

Per la base:

  • 125 g di zucchero
  • 250 g di farina
  • 1 bicchiere di latte
  • 3 uova
  • 1 pizzico di sale
  • ½ bustina di lievito
  • La scorza grattugiata di 1 limone

Per la bagna:

  • 100 ml di maraschino
  • 200 ml di acqua

Per il ripieno:

  • 800 g di ricotta
  • 150 g di zucchero a velo
  • 2 bustine di vanillina
  • 80 g di gocce di cioccolato
  • 1 pizzico di cannella

Per la decorazione:

  • 1 albume
  • 250 g di zucchero a velo
  • Il succo di 1 limone
  • 150 g di frutta mista candita
  • 40 g di ciliegie candite
  • 125 g di pasta reale gialla e bianca

Sbattere i tuorli con lo zucchero e la scorza grattugiata del limone. A parte montare gli albumi con il sale. Mescolare i 2 composti e aggiungere la farina, il lievito e il latte. Versare il composto in una tortiera imburrata e infarinata e cuocere a 180 gradi, in forno preriscaldato per 25 minuti. Togliere dal forno e lasciare raffreddare. Nel frattempo frullare o setacciare la ricotta, versarla in una ciotola e aggiungervi la vanillina, lo zucchero, la cannella e le gocce di cioccolato. Coprire con carta pellicola e mettere in frigorifero a rassodare per almeno 3 ore. Foderare una teglia di 26 cm di diametro con carta pellicola. Tagliare il pan di spagna a fettine e usarlo per ricoprire il fondo e le pareti della tortiera. Inumidirlo con metà della bagna al maraschino. Versare nello stampo il composto di ricotta, livellarlo e ricoprire con il resto della bagna al maraschino. Inumidire con il resto della bagna. Coprire con carta pellicola e mettere in frigorifero a rassodare per 6 ore. Poi sformare la cassata su un vassoio. Lavorare lo zucchero a velo con il succo di limone filtrato e l’albume finché si otterrà una glassa liscia e omogenea. Versarla sulla cassata e spalmarla in modo da ricoprire completamente il dolce. Prima che la glassa si sia del tutto asciugata, sistemare lungo il bordo laterale della cassata, la striscia di pasta reale gialla, facendola aderire bene e congiungendo le 2 estremità. Creare un cordoncino di pasta reale, alternando i 2 colori e sistemarla sulla superficie. Decorare infine con i canditi, disponendo al centro la pera o l’arancia e tutto intorno il resto della frutta mista, a spicchi o a strisce, e le ciliegine.

CuZZuPe Di PaSQua CoN LieViTo MaDRe

La cuzzupa è un dolce tipico calabrese del periodo pasquale, ha origini orientali e simboleggia la fine del digiuno di quaresima. L’uovo è il simbolo della resurrezione di Gesù Cristo.
cuzzupe di pasqua con lievito madre dolcestefania

  • 200 g di zucchero
  • 200 g di farina Manitoba
  • 300 g di farina “00″
  • 3 uova + 1 uovo per spennellare
  • Mezzo bicchiere di olio d’oliva
  • Mezzo bicchiere di latte intero
  • 1 pizzico di sale
  • 200 g di lievito madre
  • Semi di anice nero q.b.

Versare in una ciotola tutti gli altri ingredienti e il lievito madre. Impastare per bene fino a ottenere un impasto morbido ed elastico. Creare con l’impasto tante piccole forme a piacere (girandole, ciambelle, trecce o panetti con l’uovo al centro). Metterle su un canovaccio infarinato, coprire con un telo di lana e lasciare lievitare per almeno 10 ore. Disporle su una teglia rivestita con carta forno,  spennellarli con dell’uovo sbattuto e poi metterli in forno preriscaldato a 200 gradi per 8 minuti nella parte inferiore, e a 180 gradi per 15 minuti nella parte superiore.

CaSaTieLLo NaPoLeTaNo

Nel periodo pasquale in Campania arriva la classica “bomba” napoletana, il “casatiello”: la famosa ciambella di pane arricchita di pancetta e formaggi. Ve la consiglio perchè davvero squisita e ideale per la gita di Pasquetta!! 😀
casatiello dolcestefania

  • 500 g di farina
  • 250 ml di acqua tiepida
  • 1 cubetto di lievito di birra
  • 100 g di cubetti di pancetta
  • 180 g di formaggi duri a piacere
  • 4 cucchiai di olio evo + 2 cucchiai per lo stampo
  • Sale

Mettere la farina su un piano da lavoro, formando un buco al centro, versare l’acqua tiepida con l’olio, il sale e il lievito, facendolo sciogliere bene. Aggiungere poi i cubetti di pancetta e i formaggi duri tagliati a pezzetti e continuare a impastare per almeno 10 minuti. (Se occorre, aggiungere altra farina). Quando l’impasto risulta asciutto e omogeneo, metterlo in una ciotola e coprirlo con un canovaccio. Lasciarlo lievitare per circa 1 ora e ½ . Riprendere l’impasto, continuarlo a lavorare per qualche minuto, formare una ciambella e metterlo nell’apposito stampo precedentemente oleato. Lasciare riposare per altre 2 ore. Infornare a 180 gradi per 30 minuti e a 220 gradi per 5 minuti, in forno preriscaldato. Lasciarlo raffreddare, sformarlo e metterlo su un piatto.

PaNDoLCe iNTReCCiaTo

pandolce intrecciato dolcestefania.

Per l’impasto:

  • 500 g di farina
  • 1 bustina di lievito di birra in polvere
  • 100 g di zucchero
  • 1 bustina di vanillina
  • La scorza grattugiata di 1 limone
  • 1 cucchiaino raso di sale
  • 2 uova
  • 100 g di burro
  • 150 ml di latte tiepido
  • 100 g di uva sultanina
  • 40 g di pinoli o di ciliegie candite

Per decorare:

  • 2 cucchiai di zucchero granella
  • 5 cucchiai di latte

Versare la farina in una terrina e mescolarvi il lievito in polvere. Al centro del mucchio praticare una buca e versarvi zucchero, vanillina, scorza grattugiata, sale, uova e il burro liquefatto tiepido. Amalgamare il tutto con una forchetta e aggiungere un po’ per volta il latte tiepido. Lavorare l’impasto per 10 minuti fino a ottenere un panetto morbido e liscio. Rimettere l’impasto nella terrina infarinata e porlo a lievitare in luogo tiepido per circa 1 ora. Incorporare all’impasto l’uvetta e i pinoli o le ciliegie candite. Dividere l’impasto in 3 rotoli lunghi 40 cm circa. Intrecciare i rotoli fra loro e trasferire la treccia su una teglia foderata con carta forno. Porre a lievitare nuovamente in luogo tiepido per 30 minuti. Spennellare la treccia con il latte e cospargerla di zucchero granella. Infornare per 35 minuti a 180 gradi, in forno preriscaldato. Dopo 15 minuti di cottura, coprire la treccia con carta stagnola, affinché non si bruci in superficie.

PiZZa DaNuBio

 

pizza danubio dolcestefania

  • 500 g di farina
  • 1 patata media
  • 50 g di burro
  • 50 g di grana grattugiato
  • 2 uova
  • Sale
  • ½ bicchiere di latte
  • 1 cubetto di lievito di birra
  • 200 g di scamorza
  • 4 wurstel piccoli o 200 g di cubetti di prosciutto cotto
  • 4 cucchiai di latte
  • 100 g di salsa di pomodoro

Lessare la patata con la buccia, spellarla e schiacciarla. Versare la farina in una terrina e praticarvi al centro una buca. Inserirvi la patata schiacciata, le uova, il sale, il burro, il formaggio e il lievito sciolto nel latte. Mescolare il tutto con una forchetta e poi impastare con le mani fino a ottenere un panetto liscio e morbido. Lasciarlo lievitare nella terrina infarinata per 1 ora. Nel frattempo tagliare la scamorza e i wurstel a cubetti. Dividere l’impasto in tante palline di uguale dimensione e inserire al centro di ognuna cubetti di scamorza e di wurstel. Sigillarle per bene e sistemarle in una teglia ricoperta di carta forno, una vicina all’altra, lasciando qualche cm di distanza. Lasciarle lievitare nuovamente per circa 40 minuti. Spennellare con la salsa di pomodoro e infornare a 200 gradi per 25 minuti circa, in forno preriscaldato.

CiaMBeLLa CoN GoRGoNZoLa e NoCi

Questo slideshow richiede JavaScript.

  • 100 g di yogurt bianco
  • 250 ml di latte
  • 1 cucchiaino colmo di sale
  • 1 pizzico di pepe nero
  • 2 uova
  • 450 g di farina
  • 1 bustina di lievito istantaneo
  • 80 g di burro
  • 150 g di gorgonzola tagliato a pezzi
  • 80 g di noci tritate grossolanamente

In una terrina mescolare yogurt, latte, sale, pepe nero e uova. Unire a cucchiaiate la farina e il lievito setacciati. Aggiungere il burro, precedentemente fuso, e amalgamare il tutto, fino a ottenere un impasto liscio e omogeneo. Unire il gorgonzola e le noci tritate. Mettere l’impasto in uno stampo a ciambella imburrato e infarinato. Cuocere per 40 minuti a 180 gradi, in forno preriscaldato. Lasciare intiepidire e sformare su un piatto.

FoCaCCia CoN Le PaTaTe

Ecco….Una focaccia sofficissima e gustosa!

focaccia-con-le-patate dolcestefania

  • 500 g di farina
  • 320 ml di acqua tiepida
  • Sale
  • 1 cubetto di lievito di birra
  • 4 cucchiai di olio evo
  • 3 patate medie
  • Rosmarino

Mettere la farina a fontana e sciogliervi al centro il lievito con l’acqua tiepida. Aggiungere l’olio e il sale e iniziare a impastare. Se occorre aggiungere altra acqua o farina. Ottenere un panetto morbido e omogeneo. Lasciarlo lievitare in una ciotola coperta da un canovaccio per 1 ora. Nel frattempo sbucciare le patate, tagliarle a fette non molto sottili e bollirle in acqua salate per 5 minuti. Scolarle e lasciarle intiepidire. Stendere l’impasto lievitato in una teglia unta con qualche cucchiaio d’olio. Disporre le patate affossandole un pò nell’impasto e gli aghi di rosmarino. Lasciare lievitare per altri 30 minuti. Irrorare con un filo d’olio e infornare a 200 gradi per 20 minuti, in forno preriscaldato.

TaRTiNe Di PoLeNTa CoN GoRGoNZoLa e NoCi

  • 180 g di farina di mais
  • 750 ml di acqua
  • Sale
  • 100 g di gorgonzola dolce
  • 10 gherigli di noce

Mettere a bollire l’acqua. Salare e quando l’acqua bolle versare a pioggia tutta la farina di mais, mescolando per bene. Continuare a mescolare per dieci minuti. Versare la polenta ancora calda in una pirofila di vetro e lasciarla raffreddare. A questo punto ricavare le diverse formine e adagiarle su una teglia ricoperta di carta forno. Distribuire su ognuna pezzetti di gorgonzola e i gherigli di noce sbriciolati grossolanamente. Infornare a 200 gradi per 5 minuti in forno preriscaldato.

PoLPeTToNe

polpettone-dolcestefania

  • 1 kg e 200 g di carne trita di vitello
  • 200 g di pane raffermo ammollato e strizzato
  • 4 cucchiai di grana grattugiato
  • 1 uovo
  • 1 albume
  • Sale
  • Pepe nero
  • Noce moscata
  • Prezzemolo
  • 2 cucchiai di farina
  • Olio evo
  • Rosmarino
  • 4 cucchiai di vino bianco

Per il ripieno:

  • 3 uova sode
  • 10 fettine di provola affumicata

Mescolare la carne trita con il pane raffermo ammollato e strizzato, l’uovo e l’albume, il grana grattugiato, il sale, il pepe nero, la noce moscata, e il prezzemolo tritato. Impastare per bene e livellare il tutto su un foglio di carta forno. Creare un rettangolo e mettere al centro le fettine di provola e le uova sode tagliate a metà. Arrotolare il tutto aiutandosi con la carta forno. Pressare per bene il polpettone e infarinarlo. Disporlo in una pirofila con l’attaccatura verso il basso, irrorare con olio di oliva (circa 10 cucchiai) e qualche rametto di rosmarino e metterlo a cuocere a fuoco basso. Dopo circa 10 minuti capovolgerlo con molta cura per evitare di romperlo e sfumare col vino bianco. Lasciare rosolare per altri 10 minuti e poi metterlo in forno a 180 gradi per 1 ora e un quarto rigirandolo di tanto in tanto. Lasciare intiepidire e servire a fette con un po’ del suo fondo di cottura.

TeGLia Di PaNiNi RiPieNi

Vi assicuro che uno tira l’altro!

  • 550 g di farina
  • 400 ml di acqua tiepida
  • ½ cubetto di lievito di birra
  • Sale
  • 100 g di olive verdi denocciolate
  • 12 filetti d’acciuga sott’olio
  • 100 g di gorgonzola
  • 4 cucchiai di latte

Mettere in una ciotola la farina a fontana. Sbriciolare al centro il lievito e scioglierlo con l’acqua tiepida. Iniziare a impastare e aggiungere il sale. Creare un panetto morbido e liscio e lasciarlo lievitare nella stessa ciotola per 1 ora. A questo punto dividere l’impasto in circa 22 porzioni e mettere al centro di ognuno pezzetti di gorgonzola oppure i filetti di acciughe con le olive verdi. Sigillare per bene i panini cosi ottenuti e disporli, leggermente distanziati, su una teglia ricoperta di carta forno. Lasciare lievitare per altri 50 minuti. Spennellarli con il latte e infornarli a 190 gradi per 30 minuti circa, nel forno preriscaldato.

 

RiSo RiPieNo aL FoRNo

Questo è il il buonissimo riso ripieno che prepara la mia nonna materna.. io ne vado pazza..me lo son fatta sempre preparare da lei ma… finalmente sono riuscita a imparare come si prepara.. è ottimo sia caldo, che tiepido!…

  • 800 g di riso originario
  • 7 uova intere + 7 uova sode
  • 10 sottilette
  • 150 g di prosciutto cotto a fette
  • 200 g di parmigiano grattugiato
  • Prezzemolo
  • Sale
  • 1 pizzico di pepe nero
  • 50 g di burro
  • 6 cucchiai di pangrattato

Mettere le 6 uova in una pentola a bollire. Devono cuocere per 10 minuti dall’inizio del bollore. Lessare il riso in acqua salata per 25 minuti. Scolarlo e farlo raffreddare per 20 minuti. Nel frattempo sbucciare le uova sode e tagliarle a pezzetti e tritare il prezzemolo. Quando il riso sarà tiepido, mescolarlo con le 6 uova, il prezzemolo, il parmigiano grattugiato e il pepe nero. Imburrare una tortiera e cospargerla con 3 cucchiai di pangrattato. Versarvi metà del riso e farcire con uova sode, sottilette e prosciutto cotto. Ricoprire con il restante riso e cospargere con i restanti 3 cucchiai di pangrattato e fiocchetti di burro. Infornare a 200 gradi per circa 20 minuti.

CaRCioFi RiPieNi

  • 8 carciofi
  • 100 g di pane duro
  • 3 cucchiai di grana grattugiato
  • 3 cucchiai di olio evo + quello per la teglia
  • 1 pizzico di pepe nero
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • Sale
  • 100 g di scamorza
  • 1 spicchio d’aglio

Pulire i carciofi per ottenere la parte interna più tenera. Lavarli e cucinarli a vapore per 30 minuti. Fare raffreddare e tagliare il gambo, da utilizzare per il ripieno. Intanto ammollare in acqua fredda il pane duro, per circa 15 minuti. Cercare di allargare le foglie dei carciofi molto delicatamente, ed eliminare la parte più interna in modo da creare un incavo. Strizzare il pane per bene e unire i gambi dei carciofi tritati, il grana grattugiato, i 3 cucchiai di olio, il pepe nero, il prezzemolo e l’aglio tritati, il sale, e la scamorza a cubetti. Impastare il tutto e distribuire negli 8 carciofi, precedentemente scavati. Disporli in una teglia, cospargerli con un filo d’olio, un pizzico di sale e qualche cucchiaio d’acqua. Infornare a 230 gradi per 30 minuti circa.

FoCaCCia PuGLieSe

Beh….che dire….solo a vederla viene fame secondo me…..

  • 500 g di farina
  • 1 patata media
  • 250 ml di acqua tiepida
  • 1 bustina di lievito di birra in polvere o 1 cubetto di lievito
  • Sale
  • 2 cucchiai di olio evo + quello per la teglia
  • 12 pomodorini pachino
  • Origano

Lessare la patata e schiacciarla. Miscelare il lievito alla farina e disporla a fontana. Al centro mettere la patata, i 2 cucchiai di olio e l’acqua tiepida. Iniziare a impastare e aggiungere il sale. Formare un panetto morbido e omogeneo e lasciarlo lievitare in una ciotola coperto con un canovaccio per circa un’ora. Disporre l’impasto su una teglia unta d’olio e stenderlo fino ai bordi. Tagliare i pomodorini a metà e schiacciarli nella focaccia. Completare con origano tritato, un filo d’olio e un pizzico di sale. Infornare a 190 gradi per 25 minuti circa.

Voci precedenti più vecchie

LE RECENSIONI DI ROMINA

LEGGERE FA BENE ALL'ANIMA

NOI FACCIAMO TUTTO IN CASA

Ricetta di una volta...in chiave moderna

IL BOSCO FATATO

bigiotteria fatta a mano! lasciate un messaggio privato, VENITEMI A TROVARE m.me/www.creazionialeboscofatato

capelli che passione

La bellezza è come una ricca gemma, per la quale la migliore montatura è la più semplice. Francesco Bacone

zah74 MagiArteNatura

Querer es poder!

Giusy in cucina

Tante Ricette - tanto buon cibo - tante curiosità e informazioni

sweetalisea

•AMARE VUOL DIRE CHE CI ANDAVA PIU' ZUCCHERO•

Vivere in Forma

Per vivere una vita sana dobbiamo imparare ad amare noi stessi!

La Pentolina Rosa

Scatti in Cucina con Ricetta

le due cucine

I buoni sapori di una volta

NON METTERMI PRESSIONE

Cosmesi senza trucchi!

Il sabato mattina

...storia di un libro che verrà!

ChocolateSpoonAndTheCamera

A clumsy newbie in the kitchen