ViTeLLo ToNNaTo

Il vitello tonnato o vitel tonnè è una ricetta tipica del Piemonte, un antipasto o secondo piatto da servire quando si vuole fare bella figura e da poter preparare in anticipo! Quello che rende speciale questa ricetta è la tenerezza della carne e il gusto particolare della salsa che insieme hanno un sapore esplosivo!

vitello tonnato dolcestefania

Per la carne:

  • 700 g di girello o magatello di vitello
  • 1 l di acqua
  • 1 costa di sedano
  • 1 carota
  • 1 cipolla
  • sale q.b
  • 4 cucchiai di olio evo
  • 1 tazzina di vino bianco

Per la salsa:

  • 150 g di tonno sott’olio sgocciolato
  • 3 uova sode
  • 25 g di capperi sciacquati
  • 4 filetti d’acciuga sott’olio
  • 130 g di brodo vegetale di cottura
  • Verdure cotte insieme alla carne

Lavare, mondare e tagliare a pezzetti sedano, carota e cipolla. Metterli in una casseruola con l’olio evo e lasciare soffriggere per qualche minuto. Disporvi la carne e farla sigillare da tutti i lati rigirandola spesso. Sfumare col vino bianco e lasciare evaporare. A questo punto aggiungere l’acqua tiepida, salare e lasciare cuocere per circa un’ora. Rimuovere la carne dalla casseruola e lasciarla raffreddare. Lasciare raffreddare anche il fondo di cottura della carne. A questo punto preparare la salsa. Mettere nel boccale di un mixer il tonno, le uova sode,i capperi, le acciughe, le verdure rimaste nel fondo di cottura della carne e i 130 g di brodo di cottura della carne. Tritare il tutto fino ad ottenere una cremina omogenea. Tagliare la carne a fette sottili e disporla su un piatto da portata. Coprire in modo uniforme con la salsa, decorare a piacere con i capperi e mettere a riposare in frigorifero fino al momento di servire.

TaRaLLi SuGNa e PePe

I taralli sugna e pepe sono un prodotto tipico napoletano. Si sbriciolano ad ogni morso, sono friabili, croccanti, saporiti, dal sapore intenso di pepe nero e mandorle tostate. Ideali per un pic nic o una gita fuori porta e come da tradizione vanno gustati con una buona birra!

taralli sugna e pepe dolcestefania

Per il lievitino:

  • 100 g di farina 00
  • 80 ml di acqua
  • 8 g di lievito di birra fresco o 3 g in polvere
  • 1 cucchiaino di zucchero

Per l’impasto:

  • 400 g di farina 00
  • 100 ml di acqua
  • 200 g di strutto
  • 150 g di mandorle + 36 mandorle per decorazione
  • 1 cucchiaino di miele
  • 3 cucchiaini di pepe nero
  • 15 g di sale

Preparare il lievitino miscelando la farina, il lievito, l’acqua e lo zucchero. In pochi secondi si formerĂ  una pastella. Coprire con pellicola e lasciare riposare per 50 minuti. Intanto tostare le mandorle per 5 minuti in forno ben caldo e lasciarle raffreddare. Quando saranno fredde tritarle a farina. Trascorso il tempo aggiungere al lievitino tutti gli altri ingredienti  e impastare velocemente fino ad amalgamare tutto. Non lavorare troppo l’impasto ma giusto il tempo di ottenere un composto omogeneo come una frolla, altrimenti i taralli non saranno friabili ma gommosi. Dividere il composto in 24 pezzi da circa 50 g ciascuno e da ogni pezzo ricavare un filoncino lungo circa 20 cm, senza usare farina. Unire le punte e intrecciare i due filoncini fino ad ottenere una treccia. Chiuderla a ciambella e pressare per unire le due estremitĂ . Posizionare su ciascun tarallo 3 mandorle precedentemente bagnate con acqua pressandole leggermente. Trasferire i 12 taralli cosĂŹ ottenuti su una teglia rivestita di carta da forno a distanza di circa 3 cm gli uni dagli altri. Lasciare lievitare per altre 2 o 3 ore e cuocere in forno giĂ  caldo a 190° per circa 50 minuti.

PiZZa MuFFiN

Una ricetta facile facile per servire la pizza in maniera originale e in versione monoporzione! I pizza muffin sono ideali da preparare per un aperitivo con gli amici o per il buffet di una festa! Sono irresistibili!

pizza muffin dolcestefania

Per l’impasto:

  • 30 g di olio evo
  • 220 g di acqua
  • 15 g di lievito di birra
  • 200 g di farina 0
  • 200 g di farina 00
  • 1 cucchiaino di sale

Per la farcitura:

  • 100 g di polpa di pomodoro a pezzettoni
  • 2 pizzichi di sale
  • origano q.b
  • 200 g di scamorza a pezzi
  • 1 cucchiaio di olio evo
  • 150 g di prosciutto cotto o salame piccante

Disporre la farina in una ciotola e mescolarvi il lievito sciolto nell’acqua tiepida, il sale e l’olio. Impastare con le mani fino a ottenere un panetto morbido e liscio. Rimetterlo nella ciotola infarinata e lasciarlo lievitare per 3 ore in un luogo tiepido. Nel frattempo tagliare la scamorza a cubetti e insaporire la polpa di pomodoro con il cucchiaio di olio evo, il sale e l’origano. Dividere l’impasto in tante palline di uguale dimensione, circa 22, e inserire al centro di ognuna cubetti di scamorza e fettine sminuzzate di prosciutto cotto o salame . Sigillarle per bene e sistemarle nei pirottini di carta alloggiati nelle teglie da muffin. Distribuire un cucchiaino di polpa di pomodoro su ciascun muffin e 2 cubettini di scamorza. Lasciare lievitare per un’altra oretta e infornare a 200 gradi in forno preriscaldato per circa 20 minuti e poi con il grill per altri 5 minuti. Togliere dal forno e servirli tiepidi.

PeSCe FiNTo

Il Pesce finto è un gustoso e scenografico antipasto ed è una di quelle ricette tanto semplici ma che fa fare un figurone se si hanno degli ospiti!

pesce finto dolcestefania

  • 1 kg di patate
  • 500 g di tonno sott’olio
  • 1 cucchiaio di capperi salati
  • la scorza grattugiata di 1 limone
  • prezzemolo q.b
  • 4 cucchiai di maionese + q.b per decorare
  • 1 carota
  • 1 cetriolo
  • ravanello
  • sale q.b
  • pepe nero q.b

Mettere le patate con tutta la buccia in una pentola e ricoprirle di acqua. Farle bollire fino a che saranno cotte. Lasciarle intiepidire, pelarle e schiacciarle con l’aiuto di uno schiacciapatate. Lasciarle raffreddare. Sgocciolare il tonno, lavare i capperi e grattugiare la scorza del limone. Versare questi tre ingredienti in un tritatutto insieme al prezzemolo e tritarli fino a ottenere una purea. Versare tale purea nelle patate schiacciate insieme a 4 cucchiai di maionese, un pizzico di sale e pepe nero e amalgamare il tutto con un cucchiaio di legno fino ad ottenere un composto omogeneo. Versarlo su un vassoio o un piatto da portata e con l’aiuto di un cucchiaio cercare di creare la forma di un pesce livellandolo per bene. Spalmarvi uno strato generoso di maionese e usare le fette di cetriolo e carota e il ravanello per la decorazione. Conservarlo in frigorifero.

 

PoLPeTTe Di BaCCaLĂ 

polpette di baccalĂ  dolcestefania

  • 700 g di baccalĂ  ammollato privo di lische
  • 300 g di pane raffermo
  • 6 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • 2 uova
  • sale
  • pepe nero
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 1/2 spicchio d’aglio
  • 500 ml di olio di semi di mais

Mettere il pane raffermo in ammollo con acqua. Dissalare il baccalà sciacquandolo bene sotto l’acqua corrente e ponendolo a bagno per due giorni in acqua fredda e cambiando l’acqua almeno due volte al giorno. Passati i due giorni, asciugare bene il baccalà e poi tagliarlo a pezzetti.  Privarlo delle lische con l’aiuto di una pinzetta e metterlo nel mixer per qualche secondo. In una ciotola capiente porre la mollica strizzata e sbriciolata, il prezzemolo e l’aglio tritati , il baccalà e per ultimo il parmigiano grattugiato. Unire quindi due uova e aggiustare di sale e di pepe . Mescolare bene per amalgamare il tutto in modo da ottenere un panetto compatto. Con le mani formare delle piccole polpettine con l’impasto e adagiarle su un vassoio. Friggerle in olio ben caldo, scolarle e servirle ben calde.

CaRPaCCio Di PoLPo

Il carpaccio di polpo ĂŠ una preparazione molto raffinata da servire come antipasto o secondo. La preparazione è un pò elaborata ma non difficilissima. Io da quando l’ho provato lo rifaccio tradizionalmente ogni anno alla cena della vigilia di Natale o per qualche occasione importante.

carpaccio-di-polpo-dolcestefania

  • 1 polpo da 2 kg
  • 5 grani di pepe nero
  • sale
  • 1 tazza di vino bianco
  • 1/2 bicchiere di olio evo
  • il succo di 1 limone
  • prezzemolo
  • 3 foglie di alloro

Prendete il polpo e con un coltello affilato fare un’incisione lungo la sacca e asportare gli occhi e il rostro e svuotare anche l’interno della sacca. Lavare per bene il polpo per eliminare ogni residuo di terra. Riempire di acqua per ž una pentola capiente, aggiungere le foglie di alloro,  i grani di pepe e il sale. Portare ad ebollizione il tutto, poi calare ed estrarre per 4-5 volte le punte dei tentacoli del polpo nel liquido bollente, in modo che si arriccino. Immergere quindi completamente il polpo nel liquido bollente e lasciarlo cuocere per circa 2 ore. Il polpo dovrĂ  risultare cotto ma ancora sodo, quindi verificarne la cottura affondando una forchetta nelle carni. Quando il polpo sarĂ  cotto, estrarlo dal liquido di cottura, scolarlo, tagliarlo in 4-5 pezzi. Preparare poi la bottiglia di plastica con la quale dare forma cilindrica alle carni del polpo: tagliare la sommitĂ  e inserire all’interno il polpo in modo armonioso, poichĂŠ una volta pressati formeranno un disegno sulla fetta. Quindi bucherellare il fondo con una forbice appuntita (operazione che servirĂ  per fare fuoriuscire il liquido in eccesso mentre si presserĂ  il polpo) e introdurlo nella bottiglia poggiata sopra ad un piatto. Aiutandosi con un pestello o un batticarne di dimensioni leggermente piĂš piccole di quella della bottiglia di plastica, pressare le carni del polpo spingendole verso il basso. Dai buchi presenti sul fondo della bottiglia, fuoriuscirĂ  parecchio liquido di cottura. Con le forbici tagliare le estremitĂ  della bottiglia per formare delle linguette e richiuderle su se stesse verso il centro della bottiglia. Avvolgere la bottiglia con il polpo con carta pellicola ben stretta e porci un altro peso sopra. CosĂŹ pressato, porre il polpo nella parte piĂš fredda del frigorifero per almeno 24 ore, dopodichĂŠ, al momento di servirlo, tagliare la bottiglia di plastica, estrarre il polpo in un unico blocco cilindrico ed affettarlo finemente con un coltello o, meglio ancora, con una affettatrice. Quindi preparare la citronette che servirĂ  per insaporire il polpo, emulsionando succo di limone e olio evo.  Disporre le fette di polpo su di un piatto da portata, cospargerle con del prezzemolo tritato e condire con la citronette.

CoNi Di PaNBRioCHe SaLaTi

coni-di-panbrioche-salati-dolcestefania

Per l’impasto:

  • 250 g di latte
  • 1/2 cubetto di lievito di birra
  • 250 g di farina “00”
  • 300 g di farina manitoba
  • 50 g di olio evo
  • 1 uovo
  • 10 g di sale

Per il ripieno:

  • 200 g di salame piccante
  • 100 g di provola a cubetti

Disporre le farine a fontana e sciogliere il lievito nel latte tiepido. Versare il latte nella fontana e aggiungervi l’olio evo, l’uovo, il sale e impastare il tutto fino a ottenere un impasto morbido e liscio. Lasciarlo lievitare in una ciotola coperto da un canovaccio per circa 1 ora o comunque fino al raddoppio del volume. Nel frattempo foderare 14 coni di acciaio con la carta stagnola. Sgonfiare l’impasto con le mani, trasferirlo sulla spianatoia e stenderlo in una sfoglia rettangolare con l’aiuto di  un matterello. Tagliarlo a strisce di circa 4 cm di larghezza  e avvolgere ciascuna striscia a spirale attorno ai coni foderati di stagnola. Infornare a 200 gradi per circa 18 minuti in forno preriscaldato. Lasciare intiepidire ed estrarre i coni di pasta molto delicatamente. Riempirli con il salame e la provola e rimettere in forno ben caldo fino a che la provola inizierà a sciogliersi. Servire ben caldi.

img_20161119_190832

GiRaSoLe Di iNSaLaTa RuSSa

A tavola anche l’occhio vuole la sua parte! Ho preparato una classica insalata russa ma l’ho servita in maniera particolare.. A forma di girasole! Una bella idea estiva secondo me!

insalata-russa-girasole-dolcestefania

  • 700 g di acqua
  • 20 g di aceto
  • 1 cucchiaino di sale
  • 300 g di piselli surgelati o freschi
  • 400 g di patate a dadini
  • 300 g di carote a dadini
  • 100 g di sottaceti misti
  • 250 g di maionese
  • 150 g di mais cotto (1 scatoletta)
  • patatine salate q.b

Versare l’acqua e l’aceto in una pentola. Posizionarvi all’interno il cestello e inserirvi  le verdure. Cuocere  a vapore per circa 20 minuti. A cottura ultimata togliere le verdure dal cestello e lasciarle raffreddare completamente. Una volta fredde miscelarle con la maionese e con i sottaceti tagliati a pezzetti. Foderare uno stampo a cupola con carta pellicola e versarvi l’insalata russa. Livellare per bene e mettere in frigorifero per un paio d’ore. Capovolgerla poi su un piatto da portata e e togliere la carta pellicola. Decorare con il mais sgocciolato e le patatine .

aLBeRi Di NaTaLe

Questa è una idea furba e simpatica per preparare in poco tempo e in anticipo, un antipasto particolare, da servire durante i buffet delle feste natalizie!

alberi di natale dolcestefania.

  • 1 confezione di Pane per tramezzini
  • 4 cucchiai di mayonnaise
  • 1 scatoletta di tonno sott’olio
  • pomodoro a pezzetti q.b

Ritagliare il pane per tramezzini con delle formine a stella di misura decrescente. Sgocciolare il tonno, versarlo in una ciotola  e schiacciarlo con una forchetta. Aggiungervi la mayonnaise e mescolare il tutto. Disporre su un piatto da portata le stelle di dimensione piÚ grande. Farcirle con un pò della salsa tonnata preparata, e ricoprire con le stelle di dimensione decrescente. Procedere cosi fino a ricoprire con la stellina piÚ piccola, sulla quale adagiare un pezzettino di pomodoro.

alberi di natale dolcestefania

MaRMeLLaTa Di PePeRoNCiNi

La marmellata di peperoncini è una preparazione tipica della mia regione, la Calabria.. Ideale da servire con formaggi stagionati e vini strutturati.. Questa fatta da me contiene diversi tipi di peperoncini, habanero red,orange e chocolate,cayenne red, trinidad moruga scorpion red e tanti altri che hanno un elevatissimo grado di piccantezza.. Quindi questa marmellata è very very hot!

marmellata di peperoncini dolcestefania

  • 300 g di peperoncini piccanti
  • 200 g di peperoni rossi dolci
  • 500 g di zucchero

Lavare i peperoncini, asciugarli, tagliarli a metà ed eliminare i semi e i filamenti interni. Frullarli in un mixer e metterli in una pentola con lo zucchero. Accendere il fuoco e fare cuocere a fiamma moderata per circa 1 oretta, mescolando spesso. verificare la cottura della marmellata mettendone un cucchiaino al centro di un piatto. lasciarla raffreddare e toccarla con un dito. Se la marmellata si raggrinza vuol dire che è cotta. Versare la marmellata ancora calda in vasetti di vetro sterilizzati, chiudere immediatamente e rovesciare i vasetti. Lasciare i vasetti rovesciati fino a che si saranno raffreddati e poi conservare in luogo fresco e asciutto.

marmellata di peperoncini dolcestefania.

CoCKTaiL Di GaMBeRi

Il cocktail di gamberi è un antipasto di pesce ideale per il menĂš delle feste… A me piace servirlo nella coppa Martini, vicino al piatto dell’antipasto… È molto scenografico servire un antipasto nel bicchiere!! Io ho usato dei gamberoni, perchè mi piaceva l’idea di lasciargli la coda.. ma è possibile sostituirli con dei gamberetti.. Ovviamente aumentandone la quantitĂ !

cocktail-di-gamberi-dolcestefania

  • 12 gamberoni
  • 5 cucchiai di mayonnaise
  • 1 cucchiaio di ketchup
  • Sale q.b
  • Qualche foglia di lattuga
  • Qualche foglia di rucola

Pulire i gamberoni, eliminare la testa, sgusciarli e mantenere però la coda. Eliminare l’intestino e lavarli. Sbollentarli per circa 5 minuti in un pentolino di acqua bollente salata. Scolarli e lasciarli raffreddare. Nel frattempo mescolare in una ciotola la mayonnaise e il ketchup. Coprire con della pellicola e mettere in frigorifero per 1 Oretta. Lavare la lattuga e la rucola, tagliarle a strisce sottili e metterle nel fondo di 6 coppe Martini. Posizionarvi due gamberoni e distribuirvi la salsa cocktail.

UoVa FuNGHeTTo

Una simpatica idea per servire in tavola delle gustose uova ripiene!!

uova ripiene dolcestefania

  • 5 uova sode
  • 2 cucchiai di maionese
  • 5 pomodori
  • 15 capperi sotto sale
  • ½ scatoletta di tonno al naturale
  • 2 foglie di lattuga per decorare

Sbucciare le uova sode e tagliare la parte superiore di circa 1,5 cm e cercare di rendere piatta la base, in maniera tale che si possano mettere in posizione verticale su di un piatto.  Con l’aiuto di un coltellino affilato cercare di estrarre il tuorlo sodo interno,ovviamente in vari pezzettini perché non serve toglierlo integro. Riunire i tuorli nel boccale di un mixer e aggiungervi il tonno sgocciolato, i capperi lavati dall’eccesso di sale e la maionese e frullare per qualche secondo. Con l’impasto ottenuto riempire il guscio scavato delle uova e adagiarvi mezzo pomodoro in maniera da creare il cappello del fungo. Con l’aiuto di uno stuzzicadenti e della maionese cercare di formare dei puntini sulla cappella del fungo. Disporre su un piatto la lattuga tagliata a julienne e adagiarvi le uova a forma di fungo. Conservare in frigorifero fino al momento di servire.

QuiCHe ai FuNGHi PiNaRoLi e PRoVoLa aFFuMiCaTa

Il Suillus granulatus, comunemente chiamato Pinarolo, è un fungo edule appartenente alla famiglia delle Suillaceae. Si tratta di funghi molto profumati e di cui sono ricche le mie zone… Il mio boy me ne ha portato un bel cestino e io li ho adoperati subito!! 😉

Quiche ai funghi pinaroli e provola affumicata dolcestefania

  • 1 disco di pasta brisee
  • 500 g di funghi pinaroli
  • 200 g di provola affumicata
  • Olio evo
  • Sale
  • 1 pizzico di pepe nero
  • 1 ciuffo di prezzemolo

Pulire i funghi Pinaroli dai residui di terra e spellare i cappelli. Pulirli per bene e sbollentarli in acqua bollente salata per circa 6 minuti. Versarli  in uno scolapasta e lasciarli scolare fino a che perderanno tutta la loro acqua. A questo punto tagliarli a fette e metterli in padella con un filo di olio evo, 1 spicchio d’aglio, del sale e del pepe nero. Coprire col coperchio e lasciare cuocere per circa 10 minuti mescolando ogni tanto. Spegnere il fuoco e aggiungere il prezzemolo tritato al coltello. Lasciarli intiepidire. Stendere il disco di pasta brisee con la sua stessa carta da forno in una tortiera e ripiegare i bordi. Punzecchiare la base con i rebbi di una forchetta e versarvi i funghi ormai intiepiditi. Completare con fette di provola affumicata. Infornare a 200 gradi in forno preriscaldato, per circa 30 minuti.

CoCCiNeLLe

Si mangiano in un sol boccone…. ma  sono cosĂŹ  graziose che dispiacerebbe pure farlo?! Sono ideali come antipasto o aperitivo… Io le ho preparate per un buffet salato… Hanno fatto centro!!! 😉coccinelle dolcestefania

  • Pomodorini q.b
  • Olive nere denocciolate q.b
  • Formaggio spalmabile q.b
  • Biscotti salati tondi (tipo ritz) q.b

Dividere i pomodorini in due praticare un taglio a V. Su ciascuna metà applicare con un po’ di formaggio spalmabile mezza oliva denocciolata. Spalmare sul biscotto salato un cucchiaino di formaggio spalmabile e adagiarvi il pomodorino. Creare i puntini neri con pezzettini di olive nere e cercare di attaccarli sempre con il formaggio spalmabile.

PaSTiCCio Di ZuCCHiNe e FioRi Di ZuCCa

pasticcio di zucchine dolcestefania

  • 400 g di zucchine tenere piccole
  • 80 g di fiori di zucca
  • 200 g di farina
  • 420 ml di latte
  • 4 cucchiai di olio evo
  • 3 cucchiai di grana grattugiato
  • 2 pizzichi di sale

Lavare e spuntare le zucchine e tagliarle a rondelle di 3 mm di spessore. Pulire i fiori di zucca eliminando il gambo e i filamenti e tagliarli a striscioline. A questo punto preparare la pastella. Mescolare in una ciotola la farina, il sale 2 cucchiai di olio evo e il grana grattugiato. Aggiungere il latte poco per volta e mescolare con una frusta. Aggiungere ora le zucchine e i fiori alla pastella. Ungere con l’olio evo rimasto una teglia antiaderente e versare il composto in modo da formare uno strato alto massimo 2 cm. Cuocere il pasticcio in forno preriscaldato a 200 gradi per circa 40 minuti. Togliere il pasticcio dal forno, sformarlo, tagliarlo a spicchi e servirlo caldo o tiepido.

SPieDiNi Di PoLeNTa

spiedini-di-polenta-dolcestefania

  • 180 g di farina di mais
  • 750 ml di acqua
  • Sale
  • Pangrattato q.b
  • 3 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • 1 rametto di rosmarino
  • 3 uova
  • Olio evo q.b

Mettere a bollire l’acqua. Salare e quando l’acqua bolle versare a pioggia tutta la farina di mais, mescolando per bene. Continuare a mescolare per dieci minuti. Versare la polenta ancora calda in una pirofila di vetro e lasciarla raffreddare. A questo punto tagliarla a cubetti regolari e infilzarne 5 o 6 in uno stecco di legno. Sbattere le uova in una ciotola con una forchetta e in un’altra ciotola versare il pangrattato e il formaggio e mescolarli insieme. Passare gli spiedini di polenta prima nelle uova sbattute e poi nel pangrattato. Disporre gli spiedini in una padella con un filo d’olio d’oliva e il rametto di rosmarino. Farli dorare da tutti i lati per circa 10 minuti e scolarli su un foglio di carta assorbente.

CaRaMeLLe Di SFoGLia ai WuRSTeL

Solo due ingredienti… E un pò di fantasia… ^-^
caramelle-di-sfoglia-ai-wurstel-dolcestefania

  • 1 pasta sfoglia rettangolare
  • 8 wurstel piccoli

Dividere i wurstel a metĂ . Stendere il rettangolo di pasta sfoglia e tagliarlo in altrettanti 8 rettangoli di 12 cm per 6cm. Disporre al centro di ciascun rettangolo mezzo wurstel, avvolgere e richiudere la pasta e fare ruotare le estremitĂ  come per avvolgere una caramella. Allineare le caramelle su un foglio di carta da forno e cuocerle in forno giĂ  caldo a 200 gradi per 15 minuti.

iNVoLTiNi PRiMaVeRa

Esistono diverse versioni degli involtini primavera… La mia è totalmente vegetariana.. Grazie ai consigli della mia amica Valeria sono riuscita a prepararli con molta soddisfazione!! Non li avevo mai assaggiati… Ma sono un’antipasto Cinese molto sfizioso! 😉 

involtini primavera dolcestefania

  • 30 fogli di pasta fillo
  • 5 carote
  • 1 cipollotto
  • 1 costa di sedano
  • 1 cavolo verza di media grandezza
  • 5 cucchiai di salsa di soia
  • 6 cucchiai di olio evo
  • 500 ml di olio di semi di mais

Lavare il sedano, togliere i filamenti e tagliarlo a listarelle. Sbucciare le carote e tagliarle a listarelle. Pulire il cipollotto, lavarlo e tagliarlo a fettine non molto spesse. Lavare il cavolo verza e tagliarlo a listarelle. Mettere l’olio in un wok e versarvi tutte le verdure. Coprire col coperchio e lasciare cuocere per 5 minuti, mescolando ogni tanto. Versare la salsa di soia e lasciare insaporire le verdure per 1 minuto. Spegnere il fuoco e mettere le verdure a scolare (devono rimanere croccanti). Lasciarle intiepidire e poi mettere un cucchiaio di ripieno nella metĂ  bassa di ogni foglio (io su suggerimento di Valeria ho usato 2 fogli di pasta fillo per ciascun involtino e li ho uniti spennellandoli con dell’acqua). Coprire con la pasta il ripieno e ripiegare in seguito i lati destro e sinistro verso il centro e arrotolare dal basso verso l’alto. Sigillare bene l’involtino con un pennellino intinto nell’acqua. Scaldare l’olio di semi nel wok e friggere gli involtini primavera pochi alla volta. Scolarli su carta assorbente e servirli ben caldi accompagnati da salsa di soia o salsa agrodolce.

GiRaSoLe SaLaTo

Un’idea per il pic-nic di Pasquetta? Una focaccia con ricotta e spinaci… Non la classica!! Ma a forma di girasole… Non dobbiamo soddisfare solo il palato.. Ma anche gli occhi!! ^_^

Girasole salato dolcestefania

Per la base:

  • 500 g di farina “00”
  • 150 g di farina manitoba
  • 350 ml di acqua tiepida
  • ½ cubetto di lievito di birra (12 g)
  • 2 cucchiaini rasi di sale

Per il ripieno:

  • 350 g di ricotta
  • 500 g di spinaci lessati e strizzati
  • 1 pizzico di noce moscata
  • 1 pizzico di pepe nero
  • Sale q.b.
  • 1 uovo

Per la decorazione:

  • Semi di sesamo q.b.
  • Olio evo q.b.
  • Pepe nero q.b.

Per il ripieno mescolare gli spinaci raffreddati, strizzati e sminuzzati con la ricotta, l’uovo, la noce moscata, il sale e il pepe nero. Amalgamare il tutto con una forchetta e lasciare in frigorifero per 1 ora. Versare le farine in una ciotola, e creare un buco al centro. Inserirvi il lievito sbriciolato e l’acqua tiepida; iniziare a impastare il tutto e aggiungere il sale. Dividere l’impasto in 2 parti, modellarle fino a renderle lisce e morbide e porle a lievitare per 2 ore. Stendere i due impasti in due sfoglie non molto sottili. Adagiarne una su una teglia rivestita con un foglio di carta forno. Formare la corolla del fiore distribuendo 4-5 cucchiai di ripieno nella parte centrale con un diametro di 6 cm. Distribuire il resto del ripieno in maniera circolare avendo cura di lasciare un anello di 2-3 cm di spazio senza ripieno. Adagiare dunque la seconda sfoglia stesa sulla prima ormai farcita e pressare bene ai lati. Tagliare la pasta in eccesso e sigillare bene. Per dare forma alla corolla, capovolgere una tazza sul centro della focaccia e praticare dei tagli in maniera regolare formando strisce di circa 4 cm di larghezza. Torcere le strisce e legarle le une alle altre. Spennellare con olio d’oliva e cospargere il centro del girasole con semi di sesamo e pepe nero. Infornare a 200 gradi, in forno preriscaldato, per 35-40 minuti.dolcestefania girasole salato

FRiTTeLLe Di PaTaTe SPiNoSe ” CHaYoTe “

Ringrazio la mamma di Marzia per le patate spinose.. Questa volta le ho fatte a frittelle.. Buonissime..frittelle di patate spinose dolcestefania

  • 3 patate spinose
  • 180 g di farina
  • 250 ml d’acqua gassata
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 2 cucchiai di grana grattugiato
  • Sale
  • Pepe nero
  • 5 g di lievito di birra
  • 400 ml di olio di semi d’arachide

Sbucciare le patate spinose, tagliarle a metà e eliminare il seme interno. Tagliarle a pezzettini, lavarle e asciugarle. Mettere in una ciotola il lievito sbriciolato e l’acqua gassata e mescolare con una frusta. Aggiungere poi la farina, il grana grattugiato, il sale, un pizzico di pepe nero, e il prezzemolo tritato al coltello. Sbattere con la frusta per ottenere una pastella omogenea e versarvi i pezzettini di patate. Mescolare e lasciare lievitare per 1 oretta. Scaldare l’olio in una padella e friggere le frittelle poco alla volta. scolare l’olio in eccesso su carta assorbente.

FioRi Di ZuCCa iN PaSTeLLa

Questo slideshow richiede JavaScript.

Fiori di zucca dolcestefania Fiori di zucca in pastella Fiori di zucca dolcestefania 2

Questo meraviglioso bouquet ci è stato donato da una coppia di simpatici romantici vicini.. Il mastro pizzaiolo Vincenzo e sua moglie Anna Maria.. Grazie… 😀

  • 100 g di farina rimacinata di grano duro
  • 100 g di farina “00”
  • Sale
  • 200 ml di acqua gassata
  • 10 g di lievito di birra
  • 100 g di scamorza affumicata a cubetti
  • 500 ml di olio di semi di mais

Mettere il lievito in una ciotola e scioglierlo nell’acqua gassata. Aggiungere poi le farine e il sale, sbattere per bene con una frusta e lasciare lievitare per un’oretta. Nel frattempo, pulire i fiori di zucca, eliminando il picciolo interno e i filamenti esterni, avendo cura di non romperli. Mettervi al centro qualche cubetto di scamorza e arrotolare il fiore su se stesso. Passare ciascun fiore ripieno nella pastella e friggerli pochi alla volta in olio caldo. Far dorare da entrambi i lati e scolare l’olio in eccesso su carta assorbente.

PoLPeTTe Di RiSo aLLa ‘NDuJa

La ‘nduja è un salume di consistenza morbida e dal gusto particolarmente piccante.La ‘nduja è tipica del paese di Spilinga, in Calabria. Preparata con le parti grasse del maiale, con l’aggiunta del peperoncino piccante calabrese, è insaccata nel budello cieco, per poi essere affumicata.polpette di riso alla nduja dolcestefania

  • 600 g di riso originario
  • 3 uova
  • 4 cucchiai di formaggio grana grattugiato
  • 2 cucchiai di peperoncino piccante macinato
  • ‘nduja q.b.
  • 200 g di pangrattato
  • 500 ml di olio di semi di mais

Lessare il riso in acqua salata per 20 minuti. Scolarlo e lasciarlo raffreddare. Una volta freddo aggiungervi le uova, il peperoncino macinato e il grana grattugiato e impastare il tutto. Modellare con le mani le polpette e mettervi al centro un cucchiaino di ‘nduja. Sigillare per bene e rotolare le polpette nel pangrattato. Friggerle in olio di semi ben caldo e scolare l’olio in eccesso su carta assorbente.

TRaMeZZiNi iNFRaDiTo

tramezzini infradito dolcestefania

  • 4 fette di pancarrĂŠ
  • Foglie di lattuga
  • 4 striscioline di peperone verde
  • 30 g di prosciutto crudo
  • Qualche pomodorino

 

Eliminare i bordi delle fette di pancarré e cercare di dare a ciascuna fetta una forma allungata da infradito. Farcire 2 fette con la lattuga, i pomodorini tagliati a fette e il prosciutto crudo. Coprire con le altre 2 fette e creare 3 piccoli buchi per posizionare le striscioline di peperone sui tramezzini, in modo da dare la tipica forma dell’infradito.

 

FRiTTeLLe Di PaTaTe

frittelle di patate dolcestefania

 

  • 500 g di patate
  • 4 cucchiai di grana grattugiato
  • 5 cucchiai di farina
  • 2 uova
  • 2 cucchiai di latte
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 1 pizzico di pepe nero
  • 2 pizzichi di sale
  • 300 ml di olio di semi d’arachidi

 

Sbucciare le patate, lavarle e grattugiarle oppure frullarle nel mixer. Metterle in una ciotola e unirvi le uova, la farina, il sale, il grana grattugiato, il pepe nero, il latte e il prezzemolo tritato al coltello. Bisogna ottenere un composto morbido ma non troppo liquido, quindi nel caso aggiungere ulteriore farina o latte per raggiungere la giusta densità. Mettere l’olio in una padella e farlo scaldare. Versare cucchiaiate del composto nell’olio caldo e cuocere le frittelle fino a farle dorare. Scolare l’olio in eccesso su carta assorbente.

 

MuFFiN aLLo SPeCK eD eMMeNTHaL

muffin allo speck ed emmentha dolcestefanial

  • 250 g di farina + un po’ per lo stampo
  • 200 ml di latte
  • 2 uova
  • 50 g di burro + un po’ per lo stampo
  • 100 g di speck a fette
  • 100 g di emmenthal
  • 3 cucchiai di grana grattugiato
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 bustina di lievito istantaneo per torte salate

Sbattere con una frusta le uova, il burro liquefatto e il latte. Aggiungere poi la farina, il grana grattugiato, il sale, il lievito, lo speck tagliato a striscioline e l’emmenthal tagliato a cubetti. Mescolare il tutto per far amalgamare. Imburrare e infarinare uno stampo da muffin. Distribuire il composto nei 12 spazi e infornare a 190 gradi per 20 minuti, in forno preriscaldato. Lasciare leggermente intiepidire ed estrarre i muffin dallo stampo.

CRoCCHeTTe Di PuRè Di PaTaTe

La ricetta per realizzare queste golose crocchette di patate  mi è stata regalata da Debby M.. Grazie… 🙂crocchette di patatae veloci dolcestefania

  • 2 buste di purè di patate
  • 1 uovo + 2 uova per la panatura
  • 100 g di burro
  • 300 ml di latte
  • 150 ml di acqua
  • 100 g di grana grattugiato
  • 1 pizzico di noce moscata
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • Sale
  • 100 g di farina
  • 150 g di pangrattato
  • 400 ml di olio di semi di mais

Mettere l’acqua, il latte, il burro, e il sale in una pentola e portare a bollore. Versarvi le due buste di purè e mescolare con una frusta. Bisogna ottenere un purè denso e corposo. Metterlo in una ciotola e lasciarlo raffreddare. Aggiungerci la noce moscata, il prezzemolo tritato, l’uovo e il grana grattugiato. Mescolare il tutto per amalgamarlo e mettere in frigorifero per un paio d’ore. Creare tante piccole crocchette con le mani, della forma desiderata e passarle prima nella farina, poi nelle uova sbattute e poi nel pangrattato. Disporre le crocchette su un vassoio e rimetterle in frigorifero. Scaldare l’olio in una padella e friggere le crocchette poche per volta. Scolarle e asciugarle su carta assorbente.

CRoSToNi aPPeTiToSi

Facili facili…e buoni buoni buoni.. 😛 parola di dolcestefania!!!

crostoni appetitosi dolcestefania

  • 8 fettine di pane casereccio
  • 100 g di stracchino
  • 300 g di salsiccia bianca
  • Rosmarino
  • Pepe nero

Mescolare lo stracchino in una ciotola con la salsiccia sbriciolata, privata del suo budello. Mescolare per bene fino a rendere il tutto omogeneo. Distribuire questo composto sulle fettine di pane e completare con un pizzico di pepe nero e qualche ago di rosmarino su ogni fettina di pane. Infornare a 220 gradi per 18 minuti nella parte superiore del forno preriscaldato e per 3 minuti nella parte inferiore. Servire ben caldi.

ToRTiNo Di PaTaTe SPiNoSe (CHaYoTe)

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il Chayote (Sechium edule), comunemente chiamato zucca centenaria, zucchina spinosa, patata spinosa, melanzana spinosa, melanzana americana, lingua di lupo, fa parte della famiglia delle Cucurbitacee (zucche).

Questo ortaggio, dal sapore dolciastro, contiene molta vitamina C e numerosi amminoacidi; ha effetti diuretici, previene l’arteriosclerosi, l’ipertensione e dunque gli infarti. Favorisce lo scioglimento dei calcoli renali.

Grazie a Marzia per avermi regalato questo ortaggio che non conoscevo. 😀 :mrgreen:

  • 2 patate spinose
  • 4 fettine di schiacciata dolce o piccante
  • 1 fettina di scamorza
  • Rosmarino
  • Pepe nero
  • Sale
  • Olio di semi di mais
  • 5 cucchiai di farina

Sbucciare le patate, togliere il nocciolo centrale, lavarle e tagliarle a fette. Infarinarle, disporle su una teglia rivestita con carta forno, salarle peparle, irrorare con un filo d’olio di semi e cospargere con aghi di rosmarino. Infornare a 200 gradi per circa 10 minuti o comunque fino a che le patate risulteranno dorate. Lasciarle raffreddare e poi distribuirle in 3 pirottini di alluminio. Foderare prima la base e poi i lati dei pirottini. Porre al centro di ognuno un pezzetto di scamorza e una fettina di schiacciata e chiudere con le patate. Pressare bene con le mani. Infornare a 200 gradi per 10 minuti. Lasciare leggermente intiepidire e capovolgere.

CHaMPiGNoN GRaTiNaTi

champignon gratinati

  • 12 funghi champignon
  • 3 cucchiai di pangrattato
  • 2 cucchiai di grana grattugiato
  • Sale
  • Pepe nero
  • Olio evo
  • Prezzemolo
  • 1 spicchio d’aglio

Pulire i funghi spellando le cappelle, estraendo il gambo ed eliminando la parte nera interna con l’aiuto di un coltellino. Lavarli per bene e disporre le cappelle in una pirofila insieme a 1 spicchio d’aglio diviso a metà. Tagliare i gambi a pezzetti e mescolarli con pangrattato, grana grattugiato, sale, prezzemolo tritato e pepe nero. Amalgamare il tutto e distribuirlo nelle cappelle. Irrorare con olio evo e infornare a 200 gradi per 20 minuti.

STRuDeL Di MeLaNZaNe

  • 1 disco di pasta sfoglia
  • 1 grossa melanzana viola
  • 1 cipolla rossa
  • 1 peperone rosso
  • 5 cucchiai di olio evo
  • 2 cucchiai di pangrattato
  • 1 cucchiaio di parmigiano grattugiato
  • 100 g di scamorza affumicata

Lavare la melanzana e il peperone e tagliarli a dadini piuttosto piccoli. Affettare la cipolla e farla rosolare nell’ olio evo, poi unire le verdure. Cuocere a fuoco basso con il coperchio per 15 minuti girando ogni tanto. Lasciare intiepidire e aggiungere il pangrattato, il parmigiano grattugiato e la scamorza affumicata tagliata a cubetti. Srotolare la pasta sfoglia e versare il ripieno al centro. Avvolgere la pasta su se stessa, formando un rotolo. Sigillare bene le estremità e adagiare il rotolo cosi ottenuto con la stessa carta forno su una teglia. Infornare a 200 gradi per 30 minuti, in forno preriscaldato. Lasciare intiepidire e servire tagliato a fette.

TaRTiNe Di PoLeNTa CoN GoRGoNZoLa e NoCi

  • 180 g di farina di mais
  • 750 ml di acqua
  • Sale
  • 100 g di gorgonzola dolce
  • 10 gherigli di noce

Mettere a bollire l’acqua. Salare e quando l’acqua bolle versare a pioggia tutta la farina di mais, mescolando per bene. Continuare a mescolare per dieci minuti. Versare la polenta ancora calda in una pirofila di vetro e lasciarla raffreddare. A questo punto ricavare le diverse formine e adagiarle su una teglia ricoperta di carta forno. Distribuire su ognuna pezzetti di gorgonzola e i gherigli di noce sbriciolati grossolanamente. Infornare a 200 gradi per 5 minuti in forno preriscaldato.

TeGLia Di PaNiNi RiPieNi

Vi assicuro che uno tira l’altro!

  • 550 g di farina
  • 400 ml di acqua tiepida
  • ½ cubetto di lievito di birra
  • Sale
  • 100 g di olive verdi denocciolate
  • 12 filetti d’acciuga sott’olio
  • 100 g di gorgonzola
  • 4 cucchiai di latte

Mettere in una ciotola la farina a fontana. Sbriciolare al centro il lievito e scioglierlo con l’acqua tiepida. Iniziare a impastare e aggiungere il sale. Creare un panetto morbido e liscio e lasciarlo lievitare nella stessa ciotola per 1 ora. A questo punto dividere l’impasto in circa 22 porzioni e mettere al centro di ognuno pezzetti di gorgonzola oppure i filetti di acciughe con le olive verdi. Sigillare per bene i panini cosi ottenuti e disporli, leggermente distanziati, su una teglia ricoperta di carta forno. Lasciare lievitare per altri 50 minuti. Spennellarli con il latte e infornarli a 190 gradi per 30 minuti circa, nel forno preriscaldato.

 

iNSaLaTa Di PoLPo e PaTaTe

  • 2 kg di polpo
  • 3 patate medie
  • Origano secco
  • Sale
  • Prezzemolo
  • Olio evo
  • Il succo di 1 limone
  • 1 cucchiaio d’aceto
  • 1 tazzina di vino bianco

Lavare i polpi, pulirli e metterli in una pentola ricoprendoli d’acqua. Aggiungere il vino bianco e mettere sul fuoco. (Per accorciare il tempo di cottura e rendere il polpo tenerissimo, il mio segreto è di aggiungere 1 tappo di sughero nella pentola). Lasciare cuocere per almeno 40 minuti e comunque infilzarlo con una forchetta per regolarsi sulla cottura. Ovviamente i tempi possono variare secondo la grandezza dei polpi. Lasciarli raffreddare nella stessa acqua di cottura. Nel frattempo bollire le patate con la buccia, sbucciarle, lasciarle raffreddare e tagliarle a cubetti. Scolare i polpi e tagliarli a pezzetti. Riunire in una ciotola insieme ai cubetti di patate e condire con olio evo, succo di limone, aceto, sale, pepe nero, prezzemolo e origano.

BRuSCHeTTe FiLaNTi ai WuRSTeL

  • ½ pacco di pane in cassetta
  • 100 g di provola affumicata
  • 2 wurstel piccoli

Eliminare i bordi del pane in cassetta con il coltello oppure utilizzare delle formine tagliabiscotti. Tagliare la provola e i wurstel a piccoli cubetti. Riunirli insieme e disporre sul pane in cassetta. Adagiare su una teglia ricoperta di carta forno e infornare a 200 gradi per 8 minuti.

CaVoLFioRe DoRaTo

Anche questa è una ricetta della mia nonna materna… facile e appetitosa!!

  • 1 cavolfiore
  • 3 uova
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • 150 g di pangrattato
  • Sale
  • Olio di semi di mais

Pulire il cavolfiore, tagliarlo e lavarlo. Cucinarlo a vapore per 20 minuti. Lasciarlo raffreddare. Sbattere le uova con qualche pizzico di sale e metterci i pezzi di cavolfiore. Passarli poi nel pangrattato, mescolato al parmigiano grattugiato, pressando bene per far aderire la panatura. Disporli su una teglia rivestita con carta forno, irrorarli con un filo d’olio e infornarli a 200 gradi per 15 minuti.

ToRReTTe Di PaTaTe

  • 3 grosse patate
  • 10 cucchiai di olio di semi d’arachide
  • 200 g di scamorza
  • 3 fettine di speck
  • 3 fettine di prosciutto cotto
  • Sale
  • Pepe nero
  • Rosmarino q.b.

Sbucciare le patate, lavarle e tagliarle a fette di almeno ½ cm. Disporle su una teglia rivestita con carta da forno. In una terrina miscelare l’olio, un po’ di pepe nero, il sale e il rosmarino tritato al coltello. Versare la miscela sulle fette di patate e infornare a 200 gradi per 20 minuti. Scolarle su un foglio di carta assorbente e lasciarle intiepidire. Su ogni fetta di patata mettere un pezzetto di prosciutto cotto o speck, e una piccola fetta di scamorza. Chiudere con un’altra fetta di patata e ripetere il ripieno. Completare con un’altra fetta di patata e fissare il tutto con uno stuzzicadenti. Ripetere l’operazione fino a esaurimento degli ingredienti. Disporre su una teglia tutte le torrette di patate ottenute e infornare a 220 gradi per 5 minuti, finché la scamorza sarà filante.

BRuSCHeTTe Di MeLaNZaNe

  • 1 melanzana viola
  • 2 pomodori
  • 4 foglie di basilico
  • 6 cucchiai di farina
  • Sale
  • Origano secco
  • Olio evo
  • 1 filo di olio di semi di girasole

Lavare la melanzana e tagliare le due estremità. Tagliarla a fette grossolana di almeno 1 cm. Mettervi un pizzico di sale, infarinarle e disporle su una teglia con un filo d’olio di semi di girasole. Infornarle a 250 gradi per 10 minuti. Lavare e tagliare i pomodori a pezzetti. Condirli con olio evo, sale e origano. Distribuirli sulle fette di melanzane e servire tiepide o fredde.

CoRNuCoPie aLLa PiZZaioLa

  • 1 rotolo di pasta brisee
  • 100 g di scamorza
  • 300 ml di pomodori pelati
  • Olio evo
  • Sale
  • Origano secco

Schiacciare i pomodori pelati e metterli in un pentolino con sale e un filo di olio evo. Farli cuocere per circa 10 minuti, in modo da ottenere un sugo molto ristretto. Lasciare raffreddare e aromatizzare con l’origano. Srotolare la pasta brisee e tagliarla in 6 triangoli. Avvolgerli negli appositi tubi d’acciaio a forma di cono, sigillarli per bene e porli su una teglia foderata con carta forno. Infornarli a 180 gradi per 20 minuti. Lasciarli intiepidire, sfilarli dai tubi e farcirli con il sugo e i cubetti di scamorza. Infornarli nuovamente a 140 gradi per circa 10 minuti, o comunque fino a che la scamorza sarà filante.

BaSToNCiNi Di ZuCCHiNe aRoMaTiCi

  • 2 zucchine di media grandezza
  • 180 g di farina
  • Foglie di menta
  • 300 ml di olio di semi d’arachide
  • Sale
  • 1 cucchiaino di origano secco
  • Aceto q.b.

Lavare le zucchine, eliminare le due estremità e tagliarle a listarelle. Metterle in una ciotola con qualche pizzico di sale e lasciarle riposare per 10 minuti. Asciugarle con carta assorbente e infarinarle. Friggerle poco alla volta nell’olio caldo. Scolarle dall’olio in eccesso e condirle con foglie di menta. Origano e qualche cucchiaio d’aceto. Servire tiepide.

GRiSSiNi Di PaSTa SFoGLia

  • 1 rotolo di pasta sfoglia
  • 1 uovo
  • Pasta di acciughe q.b.
  • 50 g di parmigiano grattugiato

Srotolare la pasta sfoglia. Sbattere un uovo e spennellarlo sulla metà. Cospargere questa metà con il parmigiano e la pasta di acciughe e ricoprire con l’altra parte di sfoglia. Appiattire con il matterello per far aderire bene il ripieno. Tagliare tante strisce di circa 2 cm di larghezza e arrotolarle su se stesse. Disporle su una teglia rivestita con carta forno, spennellarle con l’uovo sbattuto rimasto e infornare a 200 gradi per 15 minuti.

CoZZe GRaTiNaTe

  • 1 kg di cozze
  • 150 g di pancarrĂŠ
  • 3 cucchiai di pangrattato
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 cucchiai di formaggio grattugiato
  • Sale
  •  Pepe nero
  • Prezzemolo
  • 6 o 7 cucchiai di olio evo

Pulire per bene le cozze. Metterle in una pentola chiusa con il coperchio, porre sul fuoco per farle aprire. Scolarle e farle raffreddare e tenere da parte l’acqua residua. Dividerle a metà eliminando il guscio vuoto. Tritare nel robot da cucina, il pancarré, il pangrattato, il prezzemolo, l’aglio e il formaggio. Mettere il tutto in una ciotola e aggiungere 1 pizzico di sale, un po’ di pepe nero, l’olio evo e un po’ di acqua di cottura delle cozze. L’impasto deve essere ben amalgamato ma leggermente farinoso. Riempire ciascuna cozza con tale composto, disporre su una teglia e gratinare in forno a 250 gradi per 5 minuti circa.

MeLaNZaNe aL PRoFuMo Di MeNTa E aCeTo

  • 2 melanzane nere grandi
  • Sale
  • Olio evo
  • Origano secco
  • Aceto q.b.
  • Foglie di menta
  • 1 spicchio d’aglio

Tagliare le melanzane a liste lunghe e spesse. Sbollentarle per 10 minuti circa in acqua bollente salata. Scolarle, farle raffreddare e strizzarle un pò con le mani. Metterle in una ciotola e condirle con aceto, origano secco, foglie di menta e lo spicchio d’aglio tagliato a pezzi. Si conservano in frigorifero anche per 5 o 6 giorni.

MeLaNZaNe aLLa CaLaBReSe

  • 9 melanzane nere piccole
  • 20 olive verdi
  • 18 filetti di acciuga sott’olio
  • 20 pomodorini pachino
  • Origano
  • 8 foglie di basilico
  • 1 peperone verde piccolo
  • Olio evo
  • Sale
  • 1 spicchio d’aglio

Tagliare le melanzane a metà, inciderle con dei tagli nella parte centrale e sbollentarle in abbondante acqua salata per circa 10 minuti. Scolarle e lasciarle raffreddare per almeno 3 ore. Mettere in una ciotola i pomodorini tagliati a pezzi, il basilico spezzettato, l’origano, le olive verdi tagliate a metà, il peperone tagliato a cubetti, i filetti di acciuga e l’aglio tagliato molto sottilmente. Condire con un po’ d’olio evo e riempire ogni mezza melanzana con tale composto, cercando di inserirlo nei tagli fatti in precedenza. Disporle in una pirofila da forno, condire con olio evo e infornare a 200 gradi per circa 20 minuti. Da servire tiepide.

CuoRi Di CaRCioFo e MeLaNZaNe iN PaSTeLLa

  • 1 melanzana nera
  • 10 cuori di carciofo surgelati
  • 250 g di farina
  • 40 cl di acqua gassata
  • 2 cucchiai di grana grattugiato
  • ½ bustina di lievito di birra o ½ cubetto
  • Sale q.b.
  • Olio di semi di girasole q.b.

Lasciar scongelare i carciofi e asciugarli con carta assorbente. Affettare la melanzana e cospargere con un po’ di sale. Preparare la pastella mescolando con una frusta: farina, sale, grana grattugiato, lievito e acqua. Lasciare riposare per 20 minuti. Scaldare l’olio e friggerci i cuori di carciofo e le fette di melanzana ricoperte di pastella. Scolare l’olio in eccesso.

FRiTTeLLe Di ZuCCHiNe e FioRi Di ZuCCa

  • 2 zucchine
  • 2 mazzetti di fiori di zucca
  • 200 g di farina
  • 2 cucchiai di grana grattugiato
  • Sale
  • 20 cl di acqua gassata + acqua di vegetazione
  • olio di semi di mais q.b.

Pulire i fiori di zucca, lavarli leggermente e strizzarli. Tagliare le zucchine a rondelle e metterle in una ciotola insieme ai fiori di zucca con 4 pizzichi di sale. Lasciarle nella ciotola per almeno 1 ora. Trascorso questo tempo strizzare per bene lasciando da parte la restante acqua. Preparare la pastella mettendo in un’altra ciotola la farina, il formaggio, l’acqua gassata e l’acqua di vegetazione delle zucchine. Mescolare per bene con una frusta e infine aggiungere i fiori e le zucchine strizzati. Scaldare l’olio in una padella e friggere le frittelle a cucchiaiate. Scolare l’olio in eccesso su carta assorbente e servire calde o leggermente tiepide.

CaRCioFi RiPieNi

  • 8 carciofi
  • 100 g di pane duro
  • 3 cucchiai di grana grattugiato
  • 3 cucchiai di olio evo + quello per la teglia
  • 1 pizzico di pepe nero
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • Sale
  • 100 g di scamorza
  • 1 spicchio d’aglio

Pulire i carciofi per ottenere la parte interna più tenera. Lavarli e cucinarli a vapore per 30 minuti. Fare raffreddare e tagliare il gambo, da utilizzare per il ripieno. Intanto ammollare in acqua fredda il pane duro, per circa 15 minuti. Cercare di allargare le foglie dei carciofi molto delicatamente, ed eliminare la parte più interna in modo da creare un incavo. Strizzare il pane per bene e unire i gambi dei carciofi tritati, il grana grattugiato, i 3 cucchiai di olio, il pepe nero, il prezzemolo e l’aglio tritati, il sale, e la scamorza a cubetti. Impastare il tutto e distribuire negli 8 carciofi, precedentemente scavati. Disporli in una teglia, cospargerli con un filo d’olio, un pizzico di sale e qualche cucchiaio d’acqua. Infornare a 230 gradi per 30 minuti circa.

RoToLo Di PaSTa SFoGLia

  • 1 pasta sfoglia
  • 1 busta di spinaci surgelati (450 g)
  • 250 g di ricotta
  • 1 uovo
  • 2 cucchiai di grana grattugiato
  • 1 fetta di scamorza
  • 1 pizzico di sale
  • 1 pizzico di pepe nero
  • 1 pizzico di noce moscata

Sbollentare gli spinaci in acqua bollente salata per 5 minuti. Scolarli e lasciarli raffreddare. Schiacciare la ricotta con una forchetta e aggiungerci il pepe nero, la noce moscata, la scamorza tagliata a cubetti e il grana grattugiato. Aggiungerci poi gli spinaci strizzati e l’uovo. Amalgamare il tutto. Srotolare la pasta sfoglia e spalmarla con il ripieno. Arrotolare, sigillando per bene le estremità e fare dei piccoli tagli in superficie per evitare che gonfi troppo durante la cottura. Disporre su una teglia con la sua stessa carta forno e infornare a 170 gradi per 30 minuti e a 230 per altri 10 minuti. Lasciare intiepidire e servire tagliata a fette.

CaVoLFioRe GRaTiNaTo

  • 1 grosso cavolfiore
  • 2 cucchiai di pangrattato
  • 1 cucchiaio di grana grattugiato
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • Olio evo
  • Sale
  • 1 pizzico di pepe nero
  • 1 grossa fetta di scamorza affumicata

Pulire il cavolfiore e lavarlo. Cucinarlo a vapore per circa 15 minuti o comunque fino a quando sarĂ  cotto. Lasciarlo raffreddare e disporlo in una teglia con olio evo, 2 pizzichi di sale, pepe nero e prezzemolo tritato al coltello. Cospargere la superficie con pangrattato e grana grattugiato e infornare per 20 minuti a 200 gradi. Togliere dal forno e Distribuire la fetta di scamorza tagliata a pezzetti. Rimettere in forno a gratinare con la funzione grill fino a quando la scamorza si sarĂ  sciolta e sarĂ  filante.

CaRCioFi SFiZioSi

 

carciofi sfiziosi olio e aceto

  • 10 carciofi
  • 1 litro d’acqua
  • 250 ml di aceto bianco
  • Sale
  • Foglie di menta
  • 1 spicchio d’aglio
  • Origano
  • Olio di semi

Pulire i carciofi per ricavarne la parte centrale. Tagliarla in 4 o 5 spicchi e metterli in acqua e succo di limone per non farli scurire. Lavarli per bene e sbollentarli per circa 30 minuti in acqua, aceto e sale già calda. (ovviamente la cottura può variare in base alla grandezza degli spicchi di carciofo). Devono essere cotti ma non troppo. Devono rimanere integri. Scolarli, lasciarli raffreddare e condirli con abbondante olio, foglie di menta, un po’ di origano e lo spicchio d’aglio a pezzetti. Si conservano in frigo anche per una settimana.

SeGuiMi Su iNSTaGRaM

Non sono state trovate immagini Instagram.

LE RECENSIONI DI ROMINA

LEGGERE FA BENE ALL'ANIMA

Noi Facciamo Tutto In Casa

Ricette di casa nostra, tradizionali e innovative

semplicemente homemade

Your Home Decor Gifts

capelli che passione

La bellezza è come una ricca gemma, per la quale la migliore montatura è la piÚ semplice. Francesco Bacone

Giusy in cucina

Tante Ricette - tanto buon cibo - tante curiositĂ  e informazioni

sweetalisea

•AMARE VUOL DIRE CHE CI ANDAVA PIU' ZUCCHERO•

Vivere in Forma

Per vivere una vita sana dobbiamo imparare ad amare noi stessi!

La Pentolina Rosa

Scatti in Cucina con Ricetta

le due cucine

I buoni sapori di una volta

NON METTERMI PRESSIONE

Cosmesi senza trucchi!

Il sabato mattina

...storia di un libro che verrĂ !

Chocolate Spoon

Bilingual blog: food recipes in English and Italian

La cucina delle meraviglie

Un blog, qualche idea, colori, sorrisi e cibo buono.