FoCaCCia RiPieNa Di PaRMiGiaNa

Credetemi che questa focaccia è strepitosa!!! Io che adoro le melanzane cucinate in qualsiasi modo e maniera ho trovato questa focaccia davvero superlativa! Grazie alla mia amica Ewa per la ricetta!

focaccia ripiena di parmigiana dolcestefania

Per l’impasto:

  • 400 g di farina 00
  • 25 g di strutto
  • 270 ml di acqua tiepida
  • mezzo cucchiaino di lievito di birra secco
  • 1 cucchiaino di sale

Per la farcitura:

  • 1 melanzana
  • 2 uova sode
  • 100 g di provola
  • 100 ml di passata di pomodoro
  • qualche cucchiaio di formaggio grattugiato
  • 400 ml di olio di semi di arachide
  • sale
  • 100 g di salame affumicato o prosciutto cotto

Versare la farina in una ciotola e unirvi il resto degli ingredienti. Impastare fino ad ottenere un impasto omogeneo e liscio. Dividerlo in due panetti e lasciarli lievitare fino al raddoppio, circa 3 ore. Nel frattempo tagliare le melanzane a fette, cospargerle con del sale e lasciarle in uno scolapasta per mezz’oretta. Sciacquarle, asciugarle e friggerle nell’olio di semi di arachidi ben caldo. Scolarle su carta assorbente. Tagliare la provola, le uova sode e il salame a cubetti.  Trascorso il tempo di lievitazione, prendere una teglia rotonda per pizza, rivestirla di carta da forno e ungerla con un filo d’olio e con le mani unte stendere uno dei due panetti per tutta la larghezza della teglia, facendo risalire leggermente i bordi. Condire con uno strato di melanzane fritte, un pò di passata di pomodoro, un cucchiaio di formaggio grattugiato e qualche cucchiaiata di ripieno giĂ  tagliata a cubetti. Ripetere il ripieno una seconda volta fino ad esaurire gli ingredienti. Sempre con le mani unte, stendere su un piano la seconda metĂ  dell’impasto e sovrapporla delicatamente alla prima metĂ  col condimento. Cucire tutti i bordi con le dita, bucherellare la superficie con una forchetta e cuocere  in forno preriscaldato a 200° per circa 25-30 minuti.

PiaDiNa SeNZa STRuTTo

piadina senza strutto dolcestefania

  • 250 g di latte
  • 500 g di farina 00
  • 50 ml di olio evo
  • 5 g di sale
  • 5 g di bicarbonato

Scaldare leggermente il latte fino a renderlo tiepido. Versarlo in una ciotola e aggiungervi tutti gli altri ingredienti. Impastare fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo. Formare 6 palline e stenderle molto sottilmente. Cuocere le piadine in una padella antiaderente molto calda per pochi minuti per lato. Farcirle a piacere.

PaSTa PaTaTe e PRoVoLa

Questo primo piatto è tipico della cucina napoletana. Anche chiamata pasta e patate azzeccata, è molto molto buona, ricca di sapori e profumi…

pasta patate e provola dolcestefania

  • 170 g di pasta mista
  • 500 g di patate
  • 50 g di guanciale
  • mezza cipolla
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano
  • 5 cucchiai di olio evo
  • 1 crosta di parmigiano reggiano
  • 100 g di salsa di pomodoro
  • 100 g di provola affumicata
  • sale

Lavare, mondare e tagliare a pezzetti sedano, carota e cipolla. Metterli in una casseruola con l’olio evo e fare soffriggere a fiamma bassa. Sbucciare le patate, lavarle e tagliarle a cubetti. Aggiungerle nella casseruola con le verdure. Lasciare  rosolare per un minuto per farle insaporire, poi aggiungere la salsa di pomodoro, il sale e qualche bicchiere d’acqua fino a coprire le patate. Lasciare cuocere per circa mezz’ora o 40 minuti.  A questo punto aggiungere la crosta di parmigiano precedentemente grattata. Ora aggiungere anche la pasta mista. Se necessario aggiungere un altro bicchiere d’acqua. La pasta deve cuocere a fuoco medio e senza coperchio. Deve casciugarsi e impregnarsi della cremositĂ  delle patate. La pasta e patate è pronta quando è cotta al dente e la consistenza è cremosa ma non eccessivamente. Spegnere il fuoco e versarvi la provola affumicata a cubetti. Girare per bene fino a farla sciogliere ed amalgamare.

ViTeLLo ToNNaTo

Il vitello tonnato o vitel tonnè è una ricetta tipica del Piemonte, un antipasto o secondo piatto da servire quando si vuole fare bella figura e da poter preparare in anticipo! Quello che rende speciale questa ricetta è la tenerezza della carne e il gusto particolare della salsa che insieme hanno un sapore esplosivo!

vitello tonnato dolcestefania

Per la carne:

  • 700 g di girello o magatello di vitello
  • 1 l di acqua
  • 1 costa di sedano
  • 1 carota
  • 1 cipolla
  • sale q.b
  • 4 cucchiai di olio evo
  • 1 tazzina di vino bianco

Per la salsa:

  • 150 g di tonno sott’olio sgocciolato
  • 3 uova sode
  • 25 g di capperi sciacquati
  • 4 filetti d’acciuga sott’olio
  • 130 g di brodo vegetale di cottura
  • Verdure cotte insieme alla carne

Lavare, mondare e tagliare a pezzetti sedano, carota e cipolla. Metterli in una casseruola con l’olio evo e lasciare soffriggere per qualche minuto. Disporvi la carne e farla sigillare da tutti i lati rigirandola spesso. Sfumare col vino bianco e lasciare evaporare. A questo punto aggiungere l’acqua tiepida, salare e lasciare cuocere per circa un’ora. Rimuovere la carne dalla casseruola e lasciarla raffreddare. Lasciare raffreddare anche il fondo di cottura della carne. A questo punto preparare la salsa. Mettere nel boccale di un mixer il tonno, le uova sode,i capperi, le acciughe, le verdure rimaste nel fondo di cottura della carne e i 130 g di brodo di cottura della carne. Tritare il tutto fino ad ottenere una cremina omogenea. Tagliare la carne a fette sottili e disporla su un piatto da portata. Coprire in modo uniforme con la salsa, decorare a piacere con i capperi e mettere a riposare in frigorifero fino al momento di servire.

PaSTa CoN i BRoCCoLi

pasta con i broccoli dolcestefania

  • 500 g di broccoli
  • 350 g di spaghetti
  • 4 filetti di acciughe sott’olio
  • 1 spicchio d’aglio
  • 6 cucchiai di olio evo
  • peperoncino q.b

Lavare e pulire bene i broccoli e tagliarli a pezzi. Fare bollire una pentola di acqua leggermente salata e mettere a cuocere i broccoli per 8-10 minuti. Aggiungervi gli spaghetti e cuocere come indicato sulla confezione. Scaldare l’olio aromatizzato all’aglio e mettere i filetti di acciughe facendoli sciogliere a fiamma media. Quando la pasta sarà cotta ma ancora al dente, scolarla  e rimetterla nella pentola con i broccoli e con il soffritto. Saltare la pasta per qualche minuto e aggiungere il peperoncino.

TaRaLLi SuGNa e PePe

I taralli sugna e pepe sono un prodotto tipico napoletano. Si sbriciolano ad ogni morso, sono friabili, croccanti, saporiti, dal sapore intenso di pepe nero e mandorle tostate. Ideali per un pic nic o una gita fuori porta e come da tradizione vanno gustati con una buona birra!

taralli sugna e pepe dolcestefania

Per il lievitino:

  • 100 g di farina 00
  • 80 ml di acqua
  • 8 g di lievito di birra fresco o 3 g in polvere
  • 1 cucchiaino di zucchero

Per l’impasto:

  • 400 g di farina 00
  • 100 ml di acqua
  • 200 g di strutto
  • 150 g di mandorle + 36 mandorle per decorazione
  • 1 cucchiaino di miele
  • 3 cucchiaini di pepe nero
  • 15 g di sale

Preparare il lievitino miscelando la farina, il lievito, l’acqua e lo zucchero. In pochi secondi si formerĂ  una pastella. Coprire con pellicola e lasciare riposare per 50 minuti. Intanto tostare le mandorle per 5 minuti in forno ben caldo e lasciarle raffreddare. Quando saranno fredde tritarle a farina. Trascorso il tempo aggiungere al lievitino tutti gli altri ingredienti  e impastare velocemente fino ad amalgamare tutto. Non lavorare troppo l’impasto ma giusto il tempo di ottenere un composto omogeneo come una frolla, altrimenti i taralli non saranno friabili ma gommosi. Dividere il composto in 24 pezzi da circa 50 g ciascuno e da ogni pezzo ricavare un filoncino lungo circa 20 cm, senza usare farina. Unire le punte e intrecciare i due filoncini fino ad ottenere una treccia. Chiuderla a ciambella e pressare per unire le due estremitĂ . Posizionare su ciascun tarallo 3 mandorle precedentemente bagnate con acqua pressandole leggermente. Trasferire i 12 taralli cosĂŹ ottenuti su una teglia rivestita di carta da forno a distanza di circa 3 cm gli uni dagli altri. Lasciare lievitare per altre 2 o 3 ore e cuocere in forno giĂ  caldo a 190° per circa 50 minuti.

PaNiNi PeR HaMBuRGeR

Questi panini sono sofficissimi e ideali da farcire con Hamburger, sottiletta, patatine e salse varie.. Proprio come quelli di un fast food!

panini per hamburger dolcestefania

Per l’impasto:

  • 180 ml di acqua tiepida
  • 10 g di lievito di birra
  • 30 g di burro
  • 1 uovo
  • 30 g di zucchero
  • 250 g di farina 00
  • 200 g di farina 0

Per spennellare:

  • 1 uovo
  • semi di sesamo q.b

Sciogliere il lievito di birra nell’acqua tiepida. Aggiungervi il resto degli ingredienti e impastare fino ad ottenere un impasto liscio. Lasciare lievitare in una ciotola coperta con pellicola per 4-5 ore. Riprendere l’impasto e dividerlo in 6 o 8 pezzi (a seconda di quanto si vogliano fare grandi i panini) modellarli a pallina e lasciare lievitare su una teglia rivestita di carta da forno per altre due ore. Spennellare i panini ormai lievitati con l’uovo sbattuto e cospargere con i semi di sesamo. Infornare a 190° per circa 15-20 minuti in forno preriscaldato.

ToRTa aNGeLiCa CoN FRuTTa SeCCa

La torta angelica è una soffice treccia di panbrioche dolce molto scenografica! Si può farcire a proprio piacimento.. Con gocce di cioccolato, con la frutta secca come ho fatto io, con la crema pasticcera, con la marmellata ecc ecc… Fidatevi che è meravigliosa nell’aspetto e nel gusto!

torta angelica con frutta secca dolcestefania

Per l’impasto:

  • 300 g di farina 00
  • 250 g di farina 0
  • 1 uovo
  • 100 g di zucchero
  • 80 g di burro
  • 250 g di latte
  • la scorza grattugiata di 1 limone
  • 10 g di lievito di birra (o 6 g secco)
  • 1 pizzico di sale

Per farcire:

  • 50 g di noci sgusciate
  • 50 g di nocciole sgusciate
  • 50 g di mandorle
  • 80 g di burro
  • 2 cucchiai di zucchero
  • 30 g di uvetta sultanina
  • 1 bicchierino di rum
  • 1 bicchierino di acqua

Sciogliere il lievito nel latte tiepido e versarlo in una ciotola insieme allo zucchero, la scorza di limone, il pizzico di sale, le farine e l’uovo. Impastare il tutto con le mani e aggiungere il burro poco alla volta. Impastare fino a ottenere un impasto morbido e liscio. Se occorre aggiungere altra farina. Lasciare lievitare l’impasto nella stessa ciotola fino al raddoppio del volume, circa 2-3 ore. Nel frattempo mettere in ammollo l’uva sultanina nel rum diluito con l’acqua per circa 1 oretta, poi sgocciolare. Tritare la frutta secca in maniera grossolana e tenere da parte. Spianare l’impasto ormai lievitato con l’aiuto di un matterello in un rettangolo con uno spessore di circa 3 mm. Spennellare la pasta con il burro fuso e cospargere con zucchero semolato. A questo punto distribuirvi la frutta secca tritata e l’uva sultanina ammollata e sgocciolata. Arrotolare la pasta dal lato piĂš lungo mettendo la chiusura verso il basso. Tagliare il rotolo cosĂŹ ottenuto in due, nel senso della lunghezza. Intrecciare i due pezzi e chiudere a ciambella congiungendo le estremitĂ . Disporre la torta angelica su una teglia rivestita di carta da forno e lasciare lievitare per un’altra ora. Infornare a 200° per circa 20 minuti in forno preriscaldato.

FaGoTTiNi CoN WuRSTeL e PaTaTiNe

Un’idea originale per mangiare come in un fast food… Wurstel e patatine tutti insieme! 😀

fagottini con wurstel e patatine dolcestefania

Per l’impasto:

  • 30 g di olio evo
  • 220 g di acqua
  • 10 g di lievito di birra
  • 300 g di farina 0
  • 100 g di farina 00
  • 1 cucchiaino di sale

Per la farcitura:

  • 400 g di patatine surgelate
  • 12 wurstel
  • 100 g di scamorza
  • 300 ml di olio di semi di arachide

Disporre le farine in una ciotola e mescolarvi il lievito sciolto nell’acqua tiepida, il sale e l’olio. Impastare con le mani fino a ottenere un panetto morbido e liscio. Rimetterlo nella ciotola infarinata e lasciarlo lievitare per circa 3 ore. Nel frattempo friggere le patatine in olio caldo fino a metĂ  cottura e scolarle su carta assorbente. Dividere l’impasto lievitato in 12 pezzi e stendere ognuno di essi come una pizzetta tonda. Posizionare al centro di ognuna 1 wurstel diviso a metĂ ,una una decina di patatine e una fettina di scamorza. Chiudere formando un fagottino e posizionare su una teglia da forno, rivestita di carta da forno. Lasciare lievitare per un’altra ora e poi infornare a 200° in forno giĂ  caldo per circa 20 minuti. Sfornare e servire con salsa a piacere, tipo mayonnaise, ketchup, senape ecc ecc.

fagottini con patatine e wurstel dolcestefania

PaNiNi aRRoToLaTi

Questi panini arrotolati sono un mio ricordo del <3. Mi ricordano un negozio di alimentari vicino casa di mia nonna dove andavo da bambina per farmi fare il panino con la mortadella tutte le volte che andavo a trovarla. 🙂

panini arrotolati dolcestefania

  • 100 g di latte tiepido
  • 5 g di lievito di birra
  • 200 g di acqua tiepida
  • 500 g di farina 00
  • 20 g di olio evo
  • 15 g di sale

Versare la farina in una ciotola, creare un buco al centro e inserirvi l’olio evo, l’acqua e il latte tiepidi con il lievito sciolto e iniziare a impastare. A questo punto aggiungere il sale e continuare a impastare fino a ottenere un composto liscio e omogeneo. Se occorre aggiungere altra farina. A questo punto lasciare lievitare l’impasto nella stessa ciotola coperto da un canovaccio o da carta pellicola per circa 7 ore.  Versare l’impasto sulla spianatoia infarinata, dividerlo lo in 2 parti e stirarlo con il mattarello in una sfoglia rettangolare. Ricavare 8 strisce di larghezza di circa 8 centimetri, arrotolare ogni striscia su se stessa e posizionare su una teglia da forno foderata con carta forno. Lasciare lievitare per un’altra ora. Infornare a 180 gradi in forno preriscaldato per circa 20 minuti nel ripiano piĂš basso del forno, poi per altri 10 minuti nel ripiano piĂš alto. Togliere dal forno e lasciarli raffreddare su una gratella.

PiZZa MuFFiN

Una ricetta facile facile per servire la pizza in maniera originale e in versione monoporzione! I pizza muffin sono ideali da preparare per un aperitivo con gli amici o per il buffet di una festa! Sono irresistibili!

pizza muffin dolcestefania

Per l’impasto:

  • 30 g di olio evo
  • 220 g di acqua
  • 15 g di lievito di birra
  • 200 g di farina 0
  • 200 g di farina 00
  • 1 cucchiaino di sale

Per la farcitura:

  • 100 g di polpa di pomodoro a pezzettoni
  • 2 pizzichi di sale
  • origano q.b
  • 200 g di scamorza a pezzi
  • 1 cucchiaio di olio evo
  • 150 g di prosciutto cotto o salame piccante

Disporre la farina in una ciotola e mescolarvi il lievito sciolto nell’acqua tiepida, il sale e l’olio. Impastare con le mani fino a ottenere un panetto morbido e liscio. Rimetterlo nella ciotola infarinata e lasciarlo lievitare per 3 ore in un luogo tiepido. Nel frattempo tagliare la scamorza a cubetti e insaporire la polpa di pomodoro con il cucchiaio di olio evo, il sale e l’origano. Dividere l’impasto in tante palline di uguale dimensione, circa 22, e inserire al centro di ognuna cubetti di scamorza e fettine sminuzzate di prosciutto cotto o salame . Sigillarle per bene e sistemarle nei pirottini di carta alloggiati nelle teglie da muffin. Distribuire un cucchiaino di polpa di pomodoro su ciascun muffin e 2 cubettini di scamorza. Lasciare lievitare per un’altra oretta e infornare a 200 gradi in forno preriscaldato per circa 20 minuti e poi con il grill per altri 5 minuti. Togliere dal forno e servirli tiepidi.

CaVoLiNi Di BRuXeLLeS e WuRSTeL

Questo piatto è davvero molto sfizioso e molto veloce da preprare. Si può servire secondo me sia come contorno che come secondo ed è davvero gustosissimo.

cavolini di bruxelles e wurstel dolcestefania

  • 500 g di cavolini di bruxelles
  • 8 wurstel piccoli
  • 1 cipolla bianca
  • 50 ml di olio evo
  • sale q.b
  • 1 cucchiaio di aceto bianco

Pulire i cavolini di bruxelles  dalle foglie esterne, lavarli e tagliarli a metĂ . Pulire la cipolla, lavarla e tagliarla a fette sottili. Rosolarla in una padella con l’olio evo e il cucchiaio di aceto. Quando sarĂ  imbiondita, versarvi i cavolini  e un bicchiere d’acqua. Cuocere a fuoco medio-basso per circa 20 minuti. A questo punto aggiungervi i wurstel tagliati a pezzi e continuare la cottura per altri 5 minuti o comunque finchè i cavolini saranno morbidi. Se necessario aggiungere un altro poco di acqua.

MaXi CoRNeTTo BRioCHe SaLaTo

Adoro il panbrioche sia in versione dolce che salata e mi piace creare delle forme particolari per poter portare in tavola qualcosa di buono ma anche di effetto! Questa volta ho creato un maxi cornetto farcito con melanzane fritte, provola affumicata e salame piccante!

maxi cornetto brioche salato dolcestefania

Per l’impasto:

  • 250 g di latte
  • 1/2 cubetto di lievito di birra
  • 250 g di farina “00”
  • 300 g di farina manitoba
  • 50 g di olio evo
  • 1 uovo
  • 10 g di sale

Per il ripieno:

  • 200 g di salame piccante a fette
  • 200 g di provola affumicata a fette
  • 1 melanzana
  • 300 ml di olio di semi di arachide

Lavare la melanzana, tagliarla a fette e friggerla in olio caldo. Scolare su carta assorbente e lasciare raffreddare. Disporre le farine a fontana e sciogliere il lievito nel latte tiepido. Versare il latte nella fontana e aggiungervi l’olio evo, l’uovo, il sale e impastare il tutto fino a ottenere un impasto morbido e liscio. Lasciarlo lievitare in una ciotola coperto da un canovaccio per circa 2 ore o comunque fino al raddoppio del volume. Sgonfiare l’impasto con le mani, trasferirlo sulla spianatoia e stenderlo in una forma triangolare. Adagiarvi le fette di melanzana fritte, le fettine di provola e le fettine di salame piccante. Arrotolare il tutto fino ad ottenere la classica forma di un cornetto. Adagiarlo delicatamente su una teglia rivestita di carta da forno e lasciare lievitare per un’altra ora. Infornare il maxi cornetto a 180 gradi per 30 minuti in forno preriscaldato.

PeSCe FiNTo

Il Pesce finto è un gustoso e scenografico antipasto ed è una di quelle ricette tanto semplici ma che fa fare un figurone se si hanno degli ospiti!

pesce finto dolcestefania

  • 1 kg di patate
  • 500 g di tonno sott’olio
  • 1 cucchiaio di capperi salati
  • la scorza grattugiata di 1 limone
  • prezzemolo q.b
  • 4 cucchiai di maionese + q.b per decorare
  • 1 carota
  • 1 cetriolo
  • ravanello
  • sale q.b
  • pepe nero q.b

Mettere le patate con tutta la buccia in una pentola e ricoprirle di acqua. Farle bollire fino a che saranno cotte. Lasciarle intiepidire, pelarle e schiacciarle con l’aiuto di uno schiacciapatate. Lasciarle raffreddare. Sgocciolare il tonno, lavare i capperi e grattugiare la scorza del limone. Versare questi tre ingredienti in un tritatutto insieme al prezzemolo e tritarli fino a ottenere una purea. Versare tale purea nelle patate schiacciate insieme a 4 cucchiai di maionese, un pizzico di sale e pepe nero e amalgamare il tutto con un cucchiaio di legno fino ad ottenere un composto omogeneo. Versarlo su un vassoio o un piatto da portata e con l’aiuto di un cucchiaio cercare di creare la forma di un pesce livellandolo per bene. Spalmarvi uno strato generoso di maionese e usare le fette di cetriolo e carota e il ravanello per la decorazione. Conservarlo in frigorifero.

 

aRRoSTo Di MaiaLe CoN Le CaSTaGNe

L’arrosto di maiale con le castagne è un piatto che sa d’autunno, di caldo, di famiglia riunita ed è perfetto infatti da servire la domenica quando a tavola si riuniscono amici e parenti. La carne tenera e saporita si sposa benissimo con il sapore e la dolcezza delle castagne. 

arrosto con le castagne dolcestefania

  • 800 g di Lonza di maiale
  • 3 rametti di rosmarino
  • 2 spicchi d’aglio
  • 2 foglie di alloro
  • 2 bicchieri di brodo vegetale
  • pepe nero q.b.
  • 1 bicchierino di vino bianco
  • 150 g di castagne essiccate
  • sale q.b
  • olio evo q.b

Mettere le castagne secche in ammollo in acqua fredda per una notte. Cuocerle a fuoco lento fino a che saranno morbide e l’acqua di cottura sarĂ  diventata piĂš densa. Avvolgere la lonza con lo spago da cucina. Scottarla da tutti i lati in una padella antiaderente ben calda. A questo punto trasferirla in una casseruola con del’olio evo, il sale, il pepe nero, l’aglio, l’alloro, il rosmarino e un bicchiere di brodo. Infornare in forno preriscaldato a 190 gradi per circa 1 ora aggiungendo lentamente e regolarmente il bicchiere di brodo rimasto. A questo punto aggiungere le castagne insieme a qualche mestolo della loro acqua di cottura e continuare a cuocerlo finchè si creerĂ  un bel fondo di cottura denso ma non troppo. Togliere lo spago da cucina dall’arrosto, tagliarlo a fette e servire ben caldo.

GNoCCHi Di ZuCCa

gnocchi di zucca dolcestefania

  • 900 g di zucca mantovana
  • 450 g di farina
  • 130 g di burro
  • salvia q.b

Per prima cosa, pulire e tagliare la zucca rimuovendo semi e filamenti interni. Ridurre la zucca a fette, disporla su una leccarda foderata con carta forno. Farlea cuocere in forno statico preriscaldato a 200° per 15-20 minuti, coprendole con un foglio di alluminio. Schiacciare la zucca ancora calda nello schiacciapatate e metterla in uno scolapasta. Lasciarla raffreddare. A questo punto preparare gli gnocchi. Aggiungere alla purea di zucca la farina poca per volta, iniziando a impastare con le mani. Trasferire il tutto su una spianatoia e lavorare bene l’impasto fino a ottenere un panetto morbido e sodo. Dividerlo in 10 parti, formando con ciascuna un lungo cilindro dello spessore di 3 cm circa. Con la lama infarinata di un coltello tagliare ciascun cilindro in pezzetti di 2 cm circa. Cospargere con abbondante farina e premere con il pollice ciascun pezzetto sui rebbi infarinati di una forchetta o sul crivu per gnocchi. Ripetere l’operazione fino all’esaurimento dell’impasto. Cuocere gli gnocchi in abbondante acqua bollente salata e, appena tornano a galla scolarli con un mestolo forato e mantecarli nel burro fuso e la salvia.

BaBBo NaTaLe PaNBRioCHe

Questa è un’idea molto carina per servire un panbrioche salato sulle vostre tavole natalizie!

babbo natale panbrioche dolcestefania

babbo natale panbrioche dolcestefania.

Per l’impasto:

  • 250 g di latte
  • 1/2 cubetto di lievito di birra
  • 250 g di farina “00”
  • 300 g di farina manitoba
  • 50 g di olio evo
  • 1 uovo
  • 10 g di sale

Per il ripieno:

  • 200 g di salamino milano
  • 300 g di ricotta
  • 200 g di provola affumicata a fette

Per decorare:

  • 3 cucchiai di passata di pomodoro
  • 2 olive nere o verdi denocciolate

Disporre le farine a fontana e sciogliere il lievito nel latte tiepido. Versare il latte nella fontana e aggiungervi l’olio evo, l’uovo, il sale e impastare il tutto fino a ottenere un impasto morbido e liscio. Lasciarlo lievitare in una ciotola coperto da un canovaccio per circa 1 ora o comunque fino al raddoppio del volume. Sgonfiare l’impasto con le mani, trasferirlo sulla spianatoia, dividerlo in due parti e stenderle a forma di pera o comunque tagliarlo a forma di pera e lasciare da parte l’eccesso di pasta (servirĂ  per fare il naso e parte del cappello). Stendere su una delle due basi la ricotta, disporvi il salamino e le fette di provola e coprire con la seconda base sigillando bene i bordi. Dare forma al cappello risvoltandolo un po’ su se stesso. Formare anche una pallina con la pasta avanzata e posizionarla alla punta. Adagiare una striscia di pasta nella parte bassa del cappello per creare un risvolto. Con un’altra pallina fare un piccolo naso, con le olive denocciolate formare gli occhi. A questo punto creare la barba. Tagliare tante striscioline larghe circa 1 centimetro, lasciandole unite al bordo superiore. Attorcigliarle ora su se stesse. Con la pasta avanzata creare due torciglioni che andrete ad utilizzare per formare i baffi. Trasferire Babbo Natale con la carta forno in una leccarda.
Con il la salsa di pomodoro dare colore al cappello ed al naso. Cuocere quindi a 190 °C in forno preriscaldato per 25-30 minuti circa.

TiMBaLLo Di aNeLLeTTi aLLa SiCiLiaNa

Il timballo di anelletti alla siciliana  è uno dei tipici primi piatti della Sicilia. E’ il classico cibo dei pranzi domenicali, perfetto anche da portare in una gita fuori porta. Per preparare questa piatto  si utilizza un formato di pasta particolare: gli Anelletti,  piccola pasta tonda a forma di anello. E’ un timballo ricco e gustoso,  racchiuso in un guscio di fette di melanzane fritte.

timballo di anelletti alla siciliana dolcestefania

timballo di anelletti alla siciliana dolcestefania.

  • 400 g carne macinata
  • Olio evo q.b
  • Olio di semi di arachide q,b
  • 1 Cipolla
  • 1 carota
  • 1 foglia Alloro
  • 1 l Passata di pomodoro
  • 200 g Piselli
  • 150 g Scamorza (provola) (o caciocavallo)
  • 100 g Prosciutto cotto
  • 5 Melanzane (ovali)
  • Sale q b
  • 1 cucchiaio Parmigiano reggiano grattugiato
  • 500 g Anelli Siciliani

In una pentola versare un filo d’olio d’oliva e in questo fare soffriggere la cipolla e la carota tritata. Dopo unire la carne macinata e fare cuocere a fiamma moderata per qualche minuto. Successivamente unire i piselli, la passata di pomodoro e l’alloro. Salare e pepare e continuate la cottura per circa 60 minuti. ( Se serve unire un po’ di acqua). Tagliare le melanzane a fette sottili, nel senso della lunghezza e metterle sotto sale per 20 minuti. In questo modo perderanno l’acqua amara di vegetazione. Dopo, strizzare le fette e friggerle in olio di arachide caldo. Fare scolare su carta assorbente. Mentre le melanzane cuociono, mettere a bollire l’acqua per la cottura della pasta e lessarla per il tempo indicato sulla confezione. Dopo scolarla e condirla con una parte del ragu’ preparato. Oleare una tortiera per bene e rivestire ogni parte dello stampo con le fette di melanzana fritta. Fare uscire parte di ogni fetta fuori dallo stampo. Riempire lo stampo con un po’ degli anelletti. Con l’aiuto di un cucchiaio formare un leggero incavo nello strato di pasta e riempirlo con del ragu’, le fette di scamorza e il prosciutto cotto a pezzi. Richiudere il ripieno con la rimanente pasta condita. Adesso girare le fette di melanzana, richiudendo il ripieno del vostro Timballo di Anelletti alla Siciliana. Cospargere la superficie con del pangrattato e poco formaggio grattugiato. Trasferire lo stampo in forno caldo a 190° per circa 25 minuti. Dopo la cottura,  sfornare il Timballo di Anelletti alla Siciliana  e farlo intiepidire, qualche minuto, a temperatura ambiente. Dopo, capovolgerlo su un piatto da portata e togliere, delicatamente, lo stampo di alluminio.

oReCCHieTTe TRiCoLoRe CoN SaLSiCCia e CiMe Di RaPa

orecchiette tricolori con salsiccia e cime di rapa dolcestefania

  • 500 g di orecchiette tricolore
  • 500 g di cime di rapa
  • 1 spicchio d’aglio
  • olio evo
  • 2 salsicce bianche
  • sale

Privare le salsicce del loro budello, sgranarle e metterle in una padella insieme all’olio evo e ad uno spicchio d’aglio e lasciare soffriggere. dovrĂ  diventare leggermente croccante. Nel frattempo lessare in abbondante acqua salata le orecchiette. Dopo qualche minuto gettare insieme alle orecchiette le cime di rapa (che sono piĂš rapide in cottura). Scolare le orecchiette e versarvi la salsiccia soffritta con tutto l’olio e senza lo spicchio d’aglio. Mescolare per fare amalgamare i sapori e servire calda.

TReCCia Di PaNe aL LaTTe

Ideale da mangiare la mattina a colazione con una farcitura di marmellata e crema spalmabile alla nocciola!

treccia di pane al latte dolcestefania

  • 50 g di burro
  • 300 ml di latte intero + un pò per spennellare
  • 1 cubetto di lievito di birra
  • 60 g di zucchero + un pò per la superficie
  • 550 g di farina manitoba
  • 1 pizzico di sale

Scaldare il latte col burro e sciogliervi il lievito di birra. In una ciotola capiente versare la farina miscelata col pizzico di sale e lo zucchero e creare un buco al centro. Versarvi il latte con il burro e il lievito sciolto e iniziare ad impastare il tutto con le mani fino a che si ottiene un composto liscio e omogeneo. Lasciare lievitare per circa 2 ore. Dividere l’impasto in 3 parti uguali e formare 3 rotoli lunghi circa 45 cm. Intrecciare i 3 rotoli unendoli alle due estremitĂ . Trasferire la treccia su una lastra da forno rivestita di carta da forno e lasciare lievitare per altri 40 minuti. Spennellare la superficie con del latte e dello zucchero e infornare a 180 gradi in forno preriscaldato per circa 25-30 minuti.

CoNCHiGLioNi RiPieNi CoN RiCoTTa e SPiNaCi

Questa per me è una ricetta da preparare in occasione di un pranzo domenicale o per fare una bella figura se si hanno degli ospiti! Si tratta di una preparazione un pò elaborata ma vi assicuro che ne vale la pena.. 😀

conchiglioni ripieni con spinaci e ricotta dolcestefania

  • 1 confezione di conchiglioni (500 g)
  • 1 l di salsa di pomodoro
  • ½ cipolla rossa
  • 4 foglie di basilico
  • Olio evo
  • sale
  • 500 g di besciamella
  • 50 g di parmigiano grattugiato per cospargere

Per il ripieno:

  • 500 g di ricotta
  • 1 kg di spinaci lessati e strizzati
  • 1 pizzico di noce moscata
  • 1 pizzico di pepe nero
  • 100 g di parmigiano grattugiato
  • Sale q.b.
  • 1 uovo

Preparare il sugo facendo soffriggere la cipolla in olio evo. Poi aggiungere la salsa, il sale e il basilico. Lasciare cuocere a fuoco medio per circa 30 minuti. a questo punto sciogliervi tutta la besciamella. Per il ripieno mescolare gli spinaci raffreddati, strizzati e sminuzzati con la ricotta, l’uovo, la noce moscata, il parmigiano grattugiato, il sale e il pepe nero. Amalgamare il tutto con una forchetta e lasciare in frigorifero per mezz’ora. Lessare i conchiglioni in acqua bollente salata per circa 10 minuti (devono cuocere metĂ  del tempo di cottura indicato sulla confezione), scolarli e passarli sotto l’acqua fredda per bloccarne la cottura.Riempire i conchiglioni con il ripieno di ricotta e spinaci. Disporli in una teglia uno accanto all’altro, coprire completamente di sugo e spolverare con il parmigiano grattugiato. Infornare a 200 gradi per circa 30 minuti o comunque fino a che il sugo si sarĂ  asciugato e il formaggio avrĂ  creato una leggera crosticina in superficie.

 

LaSaGNe aLLa ZuCCa

Queste lasagne le ho preparate per la prima volta insieme a mia cugina Angela durante le feste natalizie.. Devo dire che sono squisite, delicate, aromatiche.. Un sapore davvero eccezionale!

lasagne alla zucca dolcestefania

  • 250 g di lasagne
  • 700 g di zucca
  • 300 g di scamorza
  • 400 g di besciamella
  • 200 g di speck a fette
  • olio evo
  • sale
  • pepe nero
  • 1/2 cipolla bianca
  • 5 cucchiai di parmigiano grattugiato

Sbucciare la zucca, lavarla e tagliarla a cubetti. Mondare, lavare e tagliare finemente la cipolla e disporla in una pentola con dell’olio evo. Farla rosolare per un minuto e aggiungervi i cubetti di zucca. Aggiungere un bicchiere d’acqua, aggiustare di sale e di pepe e coprire con un coperchio. Lasciare cuocere a fiamma bassa per circa 40 minuti girando ogni tanto. La zucca dovrĂ  essere cotta al punto che girandola diventa una crema. A questo punto assemblare le lasagne. Ricoprire una teglia da forno con un velo di besciamella, posizionate poi il primo strato di lasagne accavallandole un pò le une alle altre, versarvi la crema di zucca, un altro pò di besciamella, delle fettine di speck e la scamorza tagliata a cubetti. Ricoprire con un altro strato di lasagna, ancora zucca, besciamella, speck e scamorza. Proseguire cosi fino a esaurimento degli ingredienti. Finire con l’ultimo strato di sfoglia, ricoprire con abbondante besciamella e spolverizzare il tutto con il parmigiano grattugiato. Infornare le lasagne alla zucca a 180° e cuocere per 30 minuti.

PoLPeTTe Di BaCCaLĂ 

polpette di baccalĂ  dolcestefania

  • 700 g di baccalĂ  ammollato privo di lische
  • 300 g di pane raffermo
  • 6 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • 2 uova
  • sale
  • pepe nero
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 1/2 spicchio d’aglio
  • 500 ml di olio di semi di mais

Mettere il pane raffermo in ammollo con acqua. Dissalare il baccalà sciacquandolo bene sotto l’acqua corrente e ponendolo a bagno per due giorni in acqua fredda e cambiando l’acqua almeno due volte al giorno. Passati i due giorni, asciugare bene il baccalà e poi tagliarlo a pezzetti.  Privarlo delle lische con l’aiuto di una pinzetta e metterlo nel mixer per qualche secondo. In una ciotola capiente porre la mollica strizzata e sbriciolata, il prezzemolo e l’aglio tritati , il baccalà e per ultimo il parmigiano grattugiato. Unire quindi due uova e aggiustare di sale e di pepe . Mescolare bene per amalgamare il tutto in modo da ottenere un panetto compatto. Con le mani formare delle piccole polpettine con l’impasto e adagiarle su un vassoio. Friggerle in olio ben caldo, scolarle e servirle ben calde.

SPaGHeTTi aLLa CHiTaRRa

Di origine abruzzese, questa pasta è realizzata ancora oggi a mano con un antico attrezzo che ricorda lo strumento musicale. La chitarra è costituita da un’intelaiatura di legno sulla quale sono inseriti alcuni fili d’acciaio tesi che la fanno assomigliare all’omonimo strumento musicale. È proprio premendo la pasta contro questa intelaiatura che si ottengono grossi spaghetti, porosi e di sezione quadrata.

spaghetti alla chitarra dolcestefania

  • 400 g di farina di grano duro
  • 4 uova

Setacciare la farina sul piano di lavoro, creando la classica forma a fontana nella quale andranno inserite le uova rotte. Sbattere le uova con una forchetta, raccogliere la farina e iniziare ad impastare fino a quando si otterrĂ  un composto liscio ed omogeneo. PiĂš a lungo l’impasto sarĂ  lavorato, piĂš la pasta sarĂ  di buona qualitĂ  e resisterĂ  alla cottura. Avvolgerlo in una pellicola trasparente e farlo riposare per circa mezz’ora in un luogo fresco e asciutto. Passato questo tempo è giunto il momento di stendere la pasta con l’aiuto di un mattarello finchĂŠ si otterrĂ  una sfoglia di circa 5 mm di spessore. Procedere dunque ad ottenere la forma di questi spaghetti utilizzando la macchina tradizionale chiamata “chitarra”.

SPaGHeTTi aLLa CaRBoNaRa a MoDo Mio

Spaghetti alla carbonara a modo mio dolcestefania

  • 350 g di spaghetti
  • 200 g di guanciale
  • 3 uova
  • olio evo
  • pepe nero
  • 1 cucchiaio di aceto di vino bianco

Tagliare il guanciale  a pezzetti e soffriggerlo con dell’olio evo. Sfumare con l’aceto di vino e lasciare soffriggere fino a che il guanciale inizia a dorarsi. Rompere le uova in una ciotola, salarle e peparle, e sbatterle con una forchetta. Cuocere gli spaghetti in acqua bollente salata. Scolarli e rimetterli nella pentola, versarvi il guanciale soffritto e le uova sbattute e mescolare a fiamma bassa per circa 2 minuti o comunque fino a che l’uovo inizierĂ  a stracciarsi. Servire subito.

CaNNeLLoNi CoN SPiNaCi e RiCoTTa

Classico primo piatto della domenica al Sud!! 

cannelloni con ricotta e spinaci dolcestefania

  • 1 confezione di cannelloni
  • 2 l di salsa di pomodoro
  • ½ cipolla rossa
  • 5 foglie di basilico
  • Olio evo
  • sale
  • 500 g di besciamella
  • 50 g di parmigiano grattugiato per cospargere

Per il ripieno:

  • 700 g di ricotta
  • 1 kg di spinaci lessati e strizzati
  • 1 pizzico di noce moscata
  • 1 pizzico di pepe nero
  • 100 g di parmigiano grattugiato
  • Sale q.b.
  • 1 tuorlo

Preparare il sugo facendo soffriggere la cipolla in olio evo. Poi aggiungere la salsa, il sale e il basilico. Lasciare cuocere a fuoco medio per circa 30 minuti. a questo punto sciogliervi circa 200 ml di besciamella. Per il ripieno mescolare gli spinaci raffreddati, strizzati e sminuzzati con la ricotta, il tuorlo, la noce moscata, il parmigiano grattugiato, il sale e il pepe nero. Amalgamare il tutto con una forchetta e lasciare in frigorifero per 1 ora. Riempire i cannelloni con le mani o con l’aiuto di un cucchiaino. Disporli in una teglia uno accanto all’altro, coprire completamente di sugo, versarvi la besciamella rimasta in superficie e completare con il parmigiano grattugiato. Infornare a 200 gradi per circa 30 minuti o comunque fino a che il sugo si sarĂ  asciugato e il formaggio avrĂ  creato una leggera crosticina in superficie.

TaGLiaTeLLe CoN PoRCiNi e SaLSiCCia

Questo è un primo piatto che racchiude tutto il sapore della Calabria! I funghi porcini della Sila e la salsiccia, che è una preparazione tipica di questa regione, sono il condimento ideale per preparare un primo piatto favoloso!

tagliatelle con porcini e salsiccia dolcestefania

Per le tagliatelle:

  • 100 g di farina “00”
  • 450 g di farina “di grano duro rimacinata”
  • 370 ml di acqua

Per il condimento:

  • 350 g di funghi porcini
  • 2 salsicce fresche
  • olio evo q.b
  • sale
  • pepe nero
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1/2 cipolla
  • prezzemolo
  • 200 ml di passata di pomodoro

Mescolare su una spianatoia le due farine e creare un buco al centro. Versare l’acqua e iniziare a impastare con le mani. Bisogna ottenere un impasto liscio e sodo. Lasciare riposare la pasta per 10 minuti coperta da un canovaccio. A questo punto bisogna stendere la pasta; si può fare con la Nonna Papera, ovvero la macchinetta con la manovella, ed è la soluzione piĂš facile, oppure usare il matterello, un pò piĂš difficile. Allargare le tagliatelle su una spianatoia cosparsa di abbondante farina, ed allargarle bene. Nel frattempo preparare il condimento.  Pulire i funghi porcini e tagliarli a cubetti o fettine. Metterli in una padella con dell’olio evo, la cipolla tagliata finemente, lo spicchio d’aglio  e fare soffriggere il tutto. Aggiungere un bicchiere d’acqua, il sale, il pepe nero e cuocere per circa 15 minuti a fiamma moderata. Togliere l’aglio e aggiungere la salsa di pomodoro e la salsiccia sbriciolata e privata del budello. Lasciare cuocere per altri 10-15 minuti circa fino a che il sugo sarĂ  ristretto. Cuocere le tagliatelle per qualche minuto in acqua bollente salata, scolarle e amalgamarle al condimento. Completare con il prezzemolo tritato e servire le tagliatelle ben calde.

FaRFaLLe aL SaLMoNe

farfalle al salmone dolcestefania

  • 500 g di farfalle
  • 250 g di salmone affumicato
  • 1/2 cipolla
  • olio evo
  • 500 ml di salsa di pomodoro
  • sale
  • 125 ml di panna al salmone
  • prezzemolo

Tagliare finemente la cipolla e metterla in una padella con dell’olio evo. Farla soffriggere per qualche minuto e aggiungere il salmone affumicato tagliato a pezzetti. Lasciare soffriggere per qualche altro minuto e aggiungere la salsa di pomodoro. Lasciare cuocere a fiamma moderata per circa 10 minuti mescolando di tanto in tanto. Aggiungere la panna al salmone e fare amalgamare il tutto sul fuoco per 1 minuto. (Io evito di salare il sugo perchè il salmone affumicato è giĂ  di per se abbastanza sapido). Cuocere la pasta in abbondante acqua salata, scolarla e versarla nel sugo. Spegnere il fuoco e amalgamare la pasta al condimento. A piacere spolverare con prezzemolo tritato.

PiPi e PaTaTi

Pipi e patati è il nome che si usa comunemente in Calabria per indicare una frittura di patate e peperoni da assaggiare almeno una volta nella vita se si viene da queste parti! 🙂

pipi e patate dolcestefania

  • 8 patate medie “pasta gialla”
  • 2 peperoni verdi
  • 1 peperone rosso o giallo
  • sale
  • olio evo

Pelare le patate e lavarle.  Lavare i peperoni e ricordare di eliminare i semi e i filamenti interni. Tagliare sia le patate che i peperoni a pezzi irregolari. Nel frattempo mettere a scaldare l’olio in una padella capiente a fiamma media. Appena l’olio sarà abbastanza caldo aggiungere peperoni e patate, salarli e lasciarli cuocere per circa 20 minuti girandoli ogni tanto con un cucchiaio di legno. Appena saranno dorate scolarle in un piatto da portata e servirli ben caldi come contorno.

CaLZoNi NaPoLeTaNi

Sono semplicemente una bomba!! Troppo buoni!

calzoni-napoletani-dolcestefania

  • 700 g di farina “00”
  • 300 g di farina di grano duro
  • 1 cubetto di lievito di birra
  • 500 ml di acqua tiepida
  • Sale q.b
  • 200 g di provola
  • 300 g di salame
  • pepe nero q.b
  • 600 g di ricotta
  • 1 l di olio di semi di mais

Disporre le farine e il sale, miscelati tra loro, a fontana su una spianatoia e sbriciolarvi il lievito di birra al centro. Versarvi l’acqua tiepida e iniziare a impastare fino a ottenere un impasto morbido e liscio. Dividerlo in circa 12 palline e lasciarle lievitare sulla spianatoia infarinata per circa 2 ore. Nel frattempo inserire nel boccale del mixer il salame tagliato a pezzi e tritarlo grossolanamente, poi aggiungervi la ricotta e il pepe nero e tritare per qualche altro secondo. Versare il tutto in una ciotola e aggiungervi la provola tagliata a cubetti. A questo punto appiattire le palline di impasto e farcirle nel centro con una cucchiaiata di ripieno. Chiuderle a mezzaluna, sigillare per bene i bordi con le dita, ripiegarli verso l’alto e passare con i rebbi di una forchetta. Friggere i calzoni pochi alla volta in olio di semi caldo. Farli dorare da ambo i lati e scolarli su carta assorbente.

CaRPaCCio Di PoLPo

Il carpaccio di polpo ĂŠ una preparazione molto raffinata da servire come antipasto o secondo. La preparazione è un pò elaborata ma non difficilissima. Io da quando l’ho provato lo rifaccio tradizionalmente ogni anno alla cena della vigilia di Natale o per qualche occasione importante.

carpaccio-di-polpo-dolcestefania

  • 1 polpo da 2 kg
  • 5 grani di pepe nero
  • sale
  • 1 tazza di vino bianco
  • 1/2 bicchiere di olio evo
  • il succo di 1 limone
  • prezzemolo
  • 3 foglie di alloro

Prendete il polpo e con un coltello affilato fare un’incisione lungo la sacca e asportare gli occhi e il rostro e svuotare anche l’interno della sacca. Lavare per bene il polpo per eliminare ogni residuo di terra. Riempire di acqua per ž una pentola capiente, aggiungere le foglie di alloro,  i grani di pepe e il sale. Portare ad ebollizione il tutto, poi calare ed estrarre per 4-5 volte le punte dei tentacoli del polpo nel liquido bollente, in modo che si arriccino. Immergere quindi completamente il polpo nel liquido bollente e lasciarlo cuocere per circa 2 ore. Il polpo dovrĂ  risultare cotto ma ancora sodo, quindi verificarne la cottura affondando una forchetta nelle carni. Quando il polpo sarĂ  cotto, estrarlo dal liquido di cottura, scolarlo, tagliarlo in 4-5 pezzi. Preparare poi la bottiglia di plastica con la quale dare forma cilindrica alle carni del polpo: tagliare la sommitĂ  e inserire all’interno il polpo in modo armonioso, poichĂŠ una volta pressati formeranno un disegno sulla fetta. Quindi bucherellare il fondo con una forbice appuntita (operazione che servirĂ  per fare fuoriuscire il liquido in eccesso mentre si presserĂ  il polpo) e introdurlo nella bottiglia poggiata sopra ad un piatto. Aiutandosi con un pestello o un batticarne di dimensioni leggermente piĂš piccole di quella della bottiglia di plastica, pressare le carni del polpo spingendole verso il basso. Dai buchi presenti sul fondo della bottiglia, fuoriuscirĂ  parecchio liquido di cottura. Con le forbici tagliare le estremitĂ  della bottiglia per formare delle linguette e richiuderle su se stesse verso il centro della bottiglia. Avvolgere la bottiglia con il polpo con carta pellicola ben stretta e porci un altro peso sopra. CosĂŹ pressato, porre il polpo nella parte piĂš fredda del frigorifero per almeno 24 ore, dopodichĂŠ, al momento di servirlo, tagliare la bottiglia di plastica, estrarre il polpo in un unico blocco cilindrico ed affettarlo finemente con un coltello o, meglio ancora, con una affettatrice. Quindi preparare la citronette che servirĂ  per insaporire il polpo, emulsionando succo di limone e olio evo.  Disporre le fette di polpo su di un piatto da portata, cospargerle con del prezzemolo tritato e condire con la citronette.

GaMBeRoNi iN PaDeLLa

Questa è una ricetta della mia mamma.. A casa mia i gamberoni si mangiano sempre e solo cosÏ, e in particolar modo alla cena della vigilia di Natale. Vi assicuro che sono spettacolari!

gamberoni-dolcestefania

  • 2 kg di gamberoni L2
  • olio evo
  • sale
  • 1 peperone verde
  • 1 tazzina di vino bianco
  • pepe nero
  • prezzemolo
  • 1 spicchio d’aglio

Lavare i gamberoni e togliere i filamenti. Disporli in una larga padella con olio evo, sale, pepe nero, uno spicchio d’aglio, il peperone verde tagliato in 4 pezzi e il prezzemolo. Iniziare a cuocerli a fiamma moderata e sfumare col vino bianco. Lasciare evaporare e coprire con il coperchio. Lasciare cuocere e girarli di tanto in tanto. Lasciarli cuocere fino a che si saranno ben dorati esternamente e il lliquido sarĂ  evaporato. Servire ben caldi.

LiNGuiNe aLLo SCoGLio

Un classico primo piatto che racchiude tutto il sapore del mar Mediterraneo! A casa mia è tradizione prepararla alla cena della vigilia di Natale.. Questa è stata fotografata direttamente nella stessa pentola di cottura prima di servirla ai miei ospiti!

linguine-allo-scoglio-dolcestefania

  • 1 kg di linguine
  • 1 kg di vongole veraci
  • 1/2 kg di cozze
  • 1 kg di misto scoglio fresco
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • sale
  • pepe nero
  • prezzemolo q.b
  • 1 peperone verde
  • 300 ml di salsa di pomodoro
  • 10 pomodorini pachino
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1/2 cipolla bianca
  • olio evo

Pulire le cozze sotto l’acqua corrente ed eliminare tutti i filamenti esterni. Versarle all’interno di una pentola coprire con un coperchio e lasciarle aprire a fiamma vivace. Mettere le vongole in ammollo  con mezzo bicchiere di sale per circa 2 ore. Poi sciacquarle sotto l’acqua corrente e rimetterle in ammollo con sola acqua per altre 3 ore cambiando l’acqua per un paio di volte. Tagliare la cipolla e il peperone verde molto finemente e metterla in un largo tegame con lo spicchio d’aglio e abbondante olio evo. Lasciare soffriggere per qualche minuto, togliere l’aglio e aggiungere il misto scoglio, le vongole e le cozze. Lasciare cuocere per qualche minuto e sfumare col vino bianco. Una volta evaporato il vino coprire col coperchio e lasciare cuocere. A questo punto quando i pesci saranno ben teneri aggiungere la salsa di pomodoro, i pomodorini tagliati a metĂ , il sale e il pepe. Continuare la cottura fino a ottenere un bel sughetto cremoso. Cuocere le linguine in abbondante acqua bollente salata, scolarla sal dente e versarla nel tegame dove c’ĂŠ il sugo dei pesci. Mantecare per bene, spolverare con il prezzemolo tritato  e servire ben calda.

RoLLò CoN WuRSTeL

rollo-ai-wurstel-dolcestefania

  • 250 g di latte
  • 1/2 cubetto di lievito di birra
  • 250 g di farina “00”
  • 300 g di farina manitoba
  • 50 g di olio evo
  • 1 uovo
  • 10 g di sale
  • wurstel grandi q.b

Disporre le farine a fontana e sciogliere il lievito nel latte tiepido. Versare il latte nella fontana e aggiungervi l’olio evo, l’uovo, il sale e impastare il tutto fino a ottenere un impasto morbido e liscio. Lasciarlo lievitare in una ciotola coperto da un canovaccio per circa 1 ora o comunque fino al raddoppio del volume. Nel frattempo foderare 14 coni di acciaio con la carta stagnola. Sgonfiare l’impasto con le mani, trasferirlo sulla spianatoia e stenderlo in una sfoglia rettangolare con l’aiuto di  un matterello. Tagliarlo a strisce di circa 4 cm di larghezza  e avvolgere ciascuna striscia a spirale attorno ai wurstel. Infornare a 220 gradi per circa 20 minuti in forno preriscaldato.

HoT DoG oN a STiCK

hot-dog-on-a-stick-dolcestefania

  • 1 bicchiere di farina
  • ½ bicchiere di farina fioretto
  • 2 tuorli d’uovo
  • sale
  • 1 cucchiaino di lievito
  • 1 bicchiere di latte
  • 4 wurstel grandi di pollo e tacchino
  • olio di  semi di mais q.b

Mescolare in una ciotola il latte con i torli e il sale. Aggiungere poi le farine  e il lievito e mescolare fino a ottenere una pastella ben omogenea e fluida e versarla in un Bicchiere lungo tipo quello della Coca cola. Infilzare i wurstel con uno spiedo di legno e tuffarli nella pastella. Friggere in olio ben caldo fino a completa doratura. Scolarli su carta assorbente e servirli ben caldi accompagnati da salsa barbecue o mayonnaise o ketchup.

CoNi Di PaNBRioCHe SaLaTi

coni-di-panbrioche-salati-dolcestefania

Per l’impasto:

  • 250 g di latte
  • 1/2 cubetto di lievito di birra
  • 250 g di farina “00”
  • 300 g di farina manitoba
  • 50 g di olio evo
  • 1 uovo
  • 10 g di sale

Per il ripieno:

  • 200 g di salame piccante
  • 100 g di provola a cubetti

Disporre le farine a fontana e sciogliere il lievito nel latte tiepido. Versare il latte nella fontana e aggiungervi l’olio evo, l’uovo, il sale e impastare il tutto fino a ottenere un impasto morbido e liscio. Lasciarlo lievitare in una ciotola coperto da un canovaccio per circa 1 ora o comunque fino al raddoppio del volume. Nel frattempo foderare 14 coni di acciaio con la carta stagnola. Sgonfiare l’impasto con le mani, trasferirlo sulla spianatoia e stenderlo in una sfoglia rettangolare con l’aiuto di  un matterello. Tagliarlo a strisce di circa 4 cm di larghezza  e avvolgere ciascuna striscia a spirale attorno ai coni foderati di stagnola. Infornare a 200 gradi per circa 18 minuti in forno preriscaldato. Lasciare intiepidire ed estrarre i coni di pasta molto delicatamente. Riempirli con il salame e la provola e rimettere in forno ben caldo fino a che la provola inizierà a sciogliersi. Servire ben caldi.

img_20161119_190832

CeLLeNTaNi CoN GoRGoNZoLa e SPeCK CRoCCaNTe

cellentani-con-gogonzola-e-speck-croccante-dolcestefania

  • 300 g di cellentani
  • 150 g di gorgonzola
  • 80 g di speck
  • 1 tazzina di latte
  • parmigiano grattugiato q.b
  • sale
  • olio evo q.b

Cuocere la pasta in acqua bollente salata secondo il tempo indicato sulla confezione. Nel frattempo mettere il gorgonzola tagliato a pezzi in una padella insieme al latte e farlo sciogliere a fuoco lento. Tagliare lo speck a pezzettini e versarlo in una padella calda con un filo d’olio e farlo tostare per qualche minuto a fiamma moderata. scolare i cellentani al dente e versarli nella padella con il condimento. Saltare energicamente e servire ben calda con lo speck croccante e il parmigiano grattugiato.

 

PaNiNi Di HaLLoWeeN

Zucche a gogo!! Vi propongo un’idea per preparare dei fantasiosi panini di Halloween!

panini-di-halloween-dolcestefania

  • 10 g di lievito di birra
  • 250 g di farina “00” + q.b
  • 600 g di acqua
  • 300 g di zucca a pezzi (2-3cm)
  • 300 g di farina manitoba
  • 50 g di latte
  • 50 g di burro
  • 15 g di sale
  • 2 cucchiai di olio evo

Mettere in un a ciotola 100 g di farina “00”, 100 g di acqua tiepida e il lievito di birra. Amalgamare il tutto, coprire con pellicola trasparente e lasciare riposare per 30 minuti. Nel frattempo cuocere la zucca a vapore per circa 30 minuti, poi scolarla e frullarla nel mixer. Aggiungere alla zucca frullata 150 g di farina “00”, la farina manitoba, il latte e il preimpasto e iniziare a impastare con le mani. Aggiungere a questo punto il burro morbido e il sale e continuare a impastare. Se occorre aggiungere altra farina fino a ottenere un impasto  morbido e liscio. Dividere l’impasto in 6 palline di egual peso. Con uno spago da cucina legare ogni pallina di impasto prima in quarti con una legatura a croce e terminare  dividendo la pallina  in ottavi, con un’ultima legatura  ad “X”. Foderare una teglia con carta da forno e sistemarvi i panini. Coprire con un canovaccio e lasciare lievitare per 1 ora e 30 minuti. Spennellare con olio evo la superficie dei panini e cuocere in forno caldo a 200 gradi per 20-25 minuti. Lasciare raffreddare i panini su una gratella  e una volta freddi eliminare delicatamente lo spago.

panini-di-halloween-dolcestefania

TReCCia DaNeSe SaLaTa

La Treccia Danese si presenta molto bene, fa molta scena per via di questo particolare intreccio molto facile da realizzare. Il ripieno può variare in base ai propri gusti. Io vi propongo la mia versione!

treccia-danese-salata-dolcestefania

Per l’impasto:

  • 250 g di latte
  • 1/2 cubetto di lievito di birra
  • 250 g di farina “00”
  • 300 g di farina manitoba
  • 50 g di olio evo
  • 1 uovo
  • 10 g di sale

Per il ripieno:

  • 200 g di prosciutto cotto
  • 200 g di gorgonzola
  • 100 g di provola a cubetti

Disporre le farine a fontana e sciogliere il lievito nel latte tiepido. Versare il latte nella fontana e aggiungervi l’olio evo, l’uovo, il sale e impastare il tutto fino a ottenere un impasto morbido e liscio. Lasciarlo lievitare in una ciotola coperto da un canovaccio per circa 1 ora o comunque fino al raddoppio del volume. Sgonfiare l’impasto con le mani, trasferirlo sulla spianatoia e stenderlo in una sfoglia rettangolare con l’aiuto di  un matterello. Tagliare il rettangolo da entrambi i lati in strisce trasversali e lasciare integro il rettangolo al centro dove si andrĂ  a disporre il ripieno. A questo punto iniziare l’intreccio, sovrapponendo semplicemente una fascia sull’altra. Posizionare la treccia Danese cosĂŹ ottenuta  su una teglia rivestita di carta da forno e lasciare lievitare per altri 30 minuti. Spennellare la treccia lievitata con un  pochino di olio evo e infornare a 200 gradi per circa 25 minuti in forno preriscaldato.

treccia-danese-salata-dolcestefania

LaSaGNe VeGeTaRiaNe

lasagne-vegetariane-dolcestefania

  • 1 confezione di lasagne
  • 150 g di parmigiano grattugiato
  • 1 l di besciamella
  • 2 melanzane nere
  • 200 g di scamorza a cubetti
  • 4 zucchine
  • 1 peperone verde
  • mezza cipolla bianca
  • 5 foglie di basilico
  • olio evo
  • sale
  • pepe nero

Lavare tutte le verdure e mondare le estremitĂ . Tagliarle a cubetti e versarle in una padella con l’olio evo, il basilico, il sale e il pepe nero. Iniziare a cuocerle saltandole spesso.Cuocerle fino a che saranno ben dorate e croccanti. Lasciarle raffreddare. sporcare il fondo di una teglia con della besciamella e adagiare un primo strato di lasagne. Coprire con altra besciamella, un terzo delle verdure saltate, metĂ  della scamorza a cubetti e qualche cucchiaio di parmigiano grattugiato. Coprire con un altro strato di lasagne e ripetere l’operazione. Completare con uno strato di lasagne, la besciamella rimasta, le verdure e il parmigiano grattugiato rimasti. Infornare a 240 gradi nella parte media del forno, per circa 35 minuti. Lasciare fuori dal forno per circa 15 minuti e servire.

lasagne-vegetariane-dolcestefania-2

GiRaSoLe Di iNSaLaTa RuSSa

A tavola anche l’occhio vuole la sua parte! Ho preparato una classica insalata russa ma l’ho servita in maniera particolare.. A forma di girasole! Una bella idea estiva secondo me!

insalata-russa-girasole-dolcestefania

  • 700 g di acqua
  • 20 g di aceto
  • 1 cucchiaino di sale
  • 300 g di piselli surgelati o freschi
  • 400 g di patate a dadini
  • 300 g di carote a dadini
  • 100 g di sottaceti misti
  • 250 g di maionese
  • 150 g di mais cotto (1 scatoletta)
  • patatine salate q.b

Versare l’acqua e l’aceto in una pentola. Posizionarvi all’interno il cestello e inserirvi  le verdure. Cuocere  a vapore per circa 20 minuti. A cottura ultimata togliere le verdure dal cestello e lasciarle raffreddare completamente. Una volta fredde miscelarle con la maionese e con i sottaceti tagliati a pezzetti. Foderare uno stampo a cupola con carta pellicola e versarvi l’insalata russa. Livellare per bene e mettere in frigorifero per un paio d’ore. Capovolgerla poi su un piatto da portata e e togliere la carta pellicola. Decorare con il mais sgocciolato e le patatine .

ToRTa RuSTiCa CoN TReCCe

Torta rustica con trecce dolcestefania

  • 250 g di farina manitoba
  • 250 g di farina “00”
  • 250 ml di latte
  • 50 ml di olio evo
  • 1 cucchiaino di sale
  • ½ cubetto di lievito di birra fresco
  • 1 uovo

Per il ripieno:

  • 300 g di salame piccante affumicato
  • 300 g di provola
  • 1 uovo per spennellare

Mettere in una ciotola l’uovo con il latte tiepido, l’olio evo e il sale  e mescolare con una forchetta. Versare a pioggia la farina miscelata con il lievito di birra secco e iniziare a impastare. Formare un panetto morbido e liscio e lasciare lievitare nella ciotola fino al raddoppio del volume, circa 2 ore. Nel frattempo mettere la ricotta in una ciotola e aggiungere il pepe nero e mescolare con una forchetta. Aggiungere poi il pecorino a cubetti e il salame tagliato a pezzettini. Amalgamare il tutto e coprire fino a che l’impasto sarà lievitato. Spianare l’impasto ormai lievitato e con una rotella per pizza ricavare tante strisce senza andare fino in fondo. La parte iniziale sarà quella da farcire con il salame e la provola tagliati a pezzettini. Arrotolare per prima la parte iniziale ( quella senza frange) e poi una ad una avvolgere anche le frange intrecciate intorno al rotolo. Infine girare il rotolo a cerchio e sigillare i due bordi uno nell’altro. Lasciare lievitare per altri 30 minuti. Spennellare le frange con un uovo sbattuto. Infornare a 180 gradi per 30 minuti nella parte media del forno preriscaldato.

LaSaGNe CoN PoLPeTTiNe

Questo è il primo piatto che dalle mie parti si chiama tradizionalmente “pasta china”. Si tratta di lasagne condite con un classico sugo e farcite di polpettine, salame calabrese uova sode e provola! Una ricetta della cucina tradizionale calabrese!

lasagne con polpettine dolcestefania

Per le polpettine:

  • 200 g di carne macinata di vitello
  • 400 g di pane raffermo
  • 5 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • 2 uova
  • sale
  • pepe nero
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 4 foglie di basilico
  • 1/2 spicchio d’aglio
  • 500 ml di olio di semi di mais

Per il condimento:

  • 1 confezione di lasagne all’uovo
  • 2 l di salsa di pomodoro
  • 1/2 cipolla rossa
  • 4 foglie di basilico
  • olio evo
  • sale

Per il ripieno:

  • 3 uova sode
  • 200 g di parmigiano
  • 400 g di provola a cubetti
  • 300 g di salame a cubetti

Mettere il pane raffermo in una ciotola piena d’acqua e lasciarlo in ammollo per circa mezz’oretta. Strizzarlo bene bene con le mani e sbriciolarlo in una ciotola. Aggiungervi le uova, il pepe nero, il sale, il parmigiano grattugiato, la carne macinata, l’aglio tritato e il prezzemolo e basilico tritati. Impastare il tutto con le mai fino a ottenere un composto omogeneo. Con l’impasto ottenuto ricavare tante polpettine piccole e friggerle in olio di semi di mais ben caldo. Scolarle su carta assorbente e tenerle da parte. Sbucciare, lavare e tagliare la cipolla molto finemente. Versarla in una pentola con dell’olio evo e farla soffriggere per qualche minuto a fuoco lento. A questo punto versarvi la salsa di pomodoro, il sale e il basilico. Coprire col coperchio e lasciare cuocere per circa 1 ora e 30 minuti a fuoco lento, fino a che il sugo sarĂ  ben cotto.  Nel frattempo tagliare a cubetti la provola, le uova sode e il salame. Sporcare il fondo di una teglia rettangolare di 20cmx 40cm con qualche mestolo di sugo e disporre un primo strato di sfoglie di lasagne. Coprire con altro sugo, con qualche cucchiaio di parmigiano grattugiato e con parte del ripieno e delle polpettine fritte. Coprire con un altro strato di lasagne, altro sugo, altro parmigiano, altro ripieno e altre polpettine fritte. Ripetere di nuovo questa operazione e completare con uno strato di lasagne e il sugo rimasto. Cospargere con il parmigiano grattugiato rimasto e infornare a 200 gradi per circa 30-40 minuti. Dopo i primi 20 minuti coprire in superficie con della carta stagnola per evitare che si secchi la superficie. Togliere le lasagne dal forno e lasciare riposare per circa 15 minuti. A questo punto servire.

PaSTa aLLa NoRMa

La pasta alla Norma è un piatto di origine siciliana, in particolare è una specialità catanese  che racchiude tutti i profumi mediterranei in un solo piatto!

pasta alla norma dolcestefania

  • 500 g di rigatoni
  • 1 l di salsa di pomodori
  • 2 grosse melanzane
  • 200 g di ricotta salata
  • sale
  • basilico
  • olio evo
  • 600 ml di olio di semi di mais
  • 1/2 cipolla

Lavare le melanzane, spuntarle e tagliarle a fettine di 0,5 cm di spessore con un coltello. Porle a strati in un colino appoggiato su di una ciotola e  cospargere con sale ogni strato di melanzane. Coprire con un piatto o con un peso sistemato sopra per eliminare l’acqua in eccesso e per togliere il retrogusto amarognolo: lasciarle da parte per almeno 1-2 ore. Nel frattempo tagliare la cipolla molto finemente e versarla in una padella con un pò di olio evo e farla soffriggere per qualche minuto. Versarvi la salsa di pomodoro, aggiustare di sale, aggiungere il basilico e far cuocere per 15-20 minuti. A questo punto, riprendere le melanzane, sciacquarle sotto abbondante acqua per togliere il sale  e successivamente tamponarle con un panno pulito ben asciutto. Prendete un tegame dai bordi alti, riempire con l’olio di semi, farlo scaldare e friggervi le melanzane. Scolarle su carta assorbente e tagliarle a listarelle lasciandone da parte alcune fettine per la decorazione del piatto. Aggiungerle al sugo preparato in precedenza. Far cuocere la pasta in acqua bollente salata, scolarla e farla saltare qualche minuto  per amalgamarla al sugo per insaporire. Grattugiare la ricotta salata a lamelle sottili; servire la pasta alla Norma, aggiungendo qualche cucchiaio di salsa messo da parte, e terminare con una spolverizzata di ricotta, con qualche fettina di melanzana e qualche fogliolina di basilico.

aLBeRi Di NaTaLe

Questa è una idea furba e simpatica per preparare in poco tempo e in anticipo, un antipasto particolare, da servire durante i buffet delle feste natalizie!

alberi di natale dolcestefania.

  • 1 confezione di Pane per tramezzini
  • 4 cucchiai di mayonnaise
  • 1 scatoletta di tonno sott’olio
  • pomodoro a pezzetti q.b

Ritagliare il pane per tramezzini con delle formine a stella di misura decrescente. Sgocciolare il tonno, versarlo in una ciotola  e schiacciarlo con una forchetta. Aggiungervi la mayonnaise e mescolare il tutto. Disporre su un piatto da portata le stelle di dimensione piÚ grande. Farcirle con un pò della salsa tonnata preparata, e ricoprire con le stelle di dimensione decrescente. Procedere cosi fino a ricoprire con la stellina piÚ piccola, sulla quale adagiare un pezzettino di pomodoro.

alberi di natale dolcestefania

CiaMBeLLa SaLaTa

ciambella salata dolcestefania

  • 350 g di farina 00
  • 200 g di farina manitoba
  • 400 ml di acqua tiepida
  • ½ cubetto di lievito di birra
  • Sale
  • 100 g di salame piccante
  • 1 scatoletta di tonno sott’olio
  • 200 g di scamorza a cubetti

Mettere in una ciotola le due farine a fontana. Sbriciolare al centro il lievito e scioglierlo con l’acqua tiepida. Iniziare a impastare e aggiungere il sale. Creare un panetto morbido e liscio e lasciarlo lievitare nella stessa ciotola per 1 ora. A questo punto dividere l’impasto in circa 2o porzioni e mettere al centro di ognuno pezzetti di salame piccante e scamorza oppure i filetti di tonno e scamorza Sigillare per bene i panini cosi ottenuti e disporli, leggermente distanziati, in uno stampo a ciambella leggermente oleato. Lasciare lievitare per altri 50 minuti. Infornare a 190 gradi per 30 minuti circa, nel forno preriscaldato.

STRoZZaPReTi ai PoRCiNi e SPeCK CRoCCaNTe

strozzapreti con porcini e speck croccante dolcestefania

Per la pasta:

  • 200 g di farina “00”
  • 350 g di farina “di grano duro rimacinata”
  • 370 ml di acqua

Per il condimento:

  • 350 g di funghi porcini
  • 100 g di speck
  • olio evo q.b
  • sale
  • pepe nero
  • 1 spicchio d’aglio
  • prezzemolo
  • 1 dado ai fughi porcini

Mescolare su una spianatoia le due farine e creare un buco al centro. Versare l’acqua e iniziare a impastare con le mani. Bisogna ottenere un impasto liscio e sodo. Lasciare riposare la pasta per 10 minuti coperta da un canovaccio. Nel frattempo preparare il condimento. Pulire i funghi porcini e tagliarli a cubetti. Metterli in una padella con dell’olio evo, il dado, lo spicchio d’aglio  e fare soffriggere il tutto. Aggiungere un bicchiere d’acqua, il sale, il pepe nero e cuocere per circa 15 minuti a fiamma moderata. Tagliare lo speck a listarelle e metterlo in una padella con dell’olio evo. Farlo cuocere fino a renderlo croccante. Dividere l’impasto in tante parti e allungarle in rotoli lunghi e sottili. Tagliare col coltello in rotolini piĂš piccoli, lunghi circa 7 cm. Arrotolare ognuno su uno spiedino di legno, e allungarlo col palmo delle mani. Tirarlo via dallo spiedino e metterlo sulla spianatoia cosparsa di farina. Cuocere gli strozzapreti in abbondante acqua salata per 10 minuti circa e mantecare nel condimento. Spolverare con prezzemolo tritato e servire con lo speck croccante.

MaRMeLLaTa Di PePeRoNCiNi

La marmellata di peperoncini è una preparazione tipica della mia regione, la Calabria.. Ideale da servire con formaggi stagionati e vini strutturati.. Questa fatta da me contiene diversi tipi di peperoncini, habanero red,orange e chocolate,cayenne red, trinidad moruga scorpion red e tanti altri che hanno un elevatissimo grado di piccantezza.. Quindi questa marmellata è very very hot!

marmellata di peperoncini dolcestefania

  • 300 g di peperoncini piccanti
  • 200 g di peperoni rossi dolci
  • 500 g di zucchero

Lavare i peperoncini, asciugarli, tagliarli a metà ed eliminare i semi e i filamenti interni. Frullarli in un mixer e metterli in una pentola con lo zucchero. Accendere il fuoco e fare cuocere a fiamma moderata per circa 1 oretta, mescolando spesso. verificare la cottura della marmellata mettendone un cucchiaino al centro di un piatto. lasciarla raffreddare e toccarla con un dito. Se la marmellata si raggrinza vuol dire che è cotta. Versare la marmellata ancora calda in vasetti di vetro sterilizzati, chiudere immediatamente e rovesciare i vasetti. Lasciare i vasetti rovesciati fino a che si saranno raffreddati e poi conservare in luogo fresco e asciutto.

marmellata di peperoncini dolcestefania.

PaNe aRCoBaLeNo

Questo pane è davvero bellissimo da presentare quando si hanno degli ospiti..è ideale per accompagnare l’antipasto… proprio come è stato servito a me.. Ebbene si.. Perchè non l’ho fatto io.. Ma mia suocera… E quindi ho ben pensato di pubblicarlo e condividerlo sul blog!

pane arcobaleno dolcestefania

Per il pane bianco

  • 150 g di farina
  • 75 g di lievito madre
  • 75 g di acqua
  • sale

Per il pane arancione

  • 150 g di farina
  • 75 g di lievito madre
  • 75 g di acqua
  • sale
  • qualche cucchiaio di salsa di pomodoro

Per il pane verde

  • 150 g di farina
  • 75 g di lievito madre
  • 75 g di acqua
  • sale
  • 100 g di spinaci tritati

Per il pane giallo

  • 150 g di farina
  • 75 g di acqua
  • 75 g di lievito madre
  • sale
  • 1 bustina di zafferano

Preparare 4 diverse ciotole e riunirvi gli ingredienti. Iniziare a impastare il pane bianco. Poi quello arancione aggiungendo la salsa di pomodoro. Se occorresse aggiungere altra farina. Proseguire con il pane verde, aggiungendo gli spinaci e all’impasto e se occorresse aggiungere altra farina. Concludere con il pane giallo facendo sciogliere lo zafferano nell’acqua tiepida. Lasciare lievitare i 4 impasti nelle loro ciotole fino al raddoppio del volume;circa 4 ore in luogo tiepido. Spianare a questo punto i 4 impasti lievitati e adagiarli uno sull’altro bagnando magari uno strato e l’altro con un pò di acqua per favorire l’adesione. Arrotolare le sfoglie su se stesse dando una leggera torsione e adagiare il pane arcobaleno su una teglia rivestita di carta da forno. Lasciare lievitare per un’altra mezz’oretta. Infornare a 200 gradi per circa 40 minuti in forno preriscaldato.

GiRaNDoLa Di PaN BrioCHe CoN SaLaMe e PRoVoLa


Mi piace quando ho ospiti a casa… Preparare e presentare delle torte di pan brioche salate che oltre a essere buone e appetitose.. Siano anche belle da vedere! Per cui cerco di creare sempre delle forme diverse e di colpire gli occhi oltre che il palato! 😉

GiRaNDoLa Di PaN BrioCHe CoN SaLaMe e PRoVoLa - dolcestefania

  • 250 g di farina manitoba
  • 250 g di farina “00”
  • 250 ml di latte
  • 50 ml di olio evo
  • 1 cucchiaino di sale
  • ½ cubetto di lievito di birra fresco
  • 1 uovo

Per il ripieno:

  • 300 g di salame piccante affumicato
  • 300 g di provola
  • 1 uovo per spennellare

Mettere in una ciotola l’uovo con il latte tiepido, l’olio evo e il sale  e mescolare con una forchetta. Versare a pioggia la farina miscelata con il lievito di birra secco e iniziare a impastare. Formare un panetto morbido e liscio e lasciare lievitare nella ciotola fino al raddoppio del volume, circa 2 ore. Nel frattempo mettere la ricotta in una ciotola e aggiungere il pepe nero e mescolare con una forchetta. Aggiungere poi il pecorino a cubetti e il salame tagliato a pezzettini. Amalgamare il tutto e coprire fino a che l’impasto sarà lievitato. Spianare l’impasto ormai lievitato e con una rotella per pizza ricavare tante strisce senza andare fino in fondo. La parte iniziale sarà quella da farcire con il salame e la provola tagliati a pezzettini. Arrotolare per prima la parte iniziale ( quella senza frange) e poi una ad una avvolgere anche le frange intorno al rotolo. Infine girare il rotolo a cerchio e sigillare i due bordi uno nell’altro. Lasciare lievitare per altri 30 minuti. Spennellare le frange con un uovo sbattuto. Infornare a 180 gradi per 30 minuti nella parte media del forno preriscaldato.

Voci precedenti piĂš vecchie

SeGuiMi Su iNSTaGRaM

Non sono state trovate immagini Instagram.

LE RECENSIONI DI ROMINA

LEGGERE FA BENE ALL'ANIMA

Noi Facciamo Tutto In Casa

Ricette di casa nostra, tradizionali e innovative

semplicemente homemade

Your Home Decor Gifts

capelli che passione

La bellezza è come una ricca gemma, per la quale la migliore montatura è la piÚ semplice. Francesco Bacone

Giusy in cucina

Tante Ricette - tanto buon cibo - tante curiositĂ  e informazioni

sweetalisea

•AMARE VUOL DIRE CHE CI ANDAVA PIU' ZUCCHERO•

Vivere in Forma

Per vivere una vita sana dobbiamo imparare ad amare noi stessi!

La Pentolina Rosa

Scatti in Cucina con Ricetta

le due cucine

I buoni sapori di una volta

NON METTERMI PRESSIONE

Cosmesi senza trucchi!

Il sabato mattina

...storia di un libro che verrĂ !

Chocolate Spoon

Bilingual blog: food recipes in English and Italian

La cucina delle meraviglie

Un blog, qualche idea, colori, sorrisi e cibo buono.