FioRe Di BRioCHe aL LIMoNe

Per dare il benvenuto al nuovo anno ho preparato come dessert per il cenone in famiglia un fiore di panbrioche con crema al limone.. Vi assicuro che è un impasto super morbido, delicato e la crema al limone ci sta davvero bene! E quindi… Chi fa dolci il primo dell’anno li farà per tutto l’anno!!

fiore di pan brioche al limone dolcestefania

Per l’impasto:

  • 20 g di lievito di birra
  • 20 g di latte + un pò per spennellare
  • 350 g di farina manitoba + q.b
  • 4 uova
  • 100 g di zucchero
  • 1 pizzico di sale
  • 170 g di burro a pezzi
  • la scorza grattugiata di 1 limone

Per la crema al limone:

  • 3 tuorli
  • 3 cucchiai di zucchero
  • 3cucchiai di farina
  • 500 ml di latte
  • 1 bustina di vanillina
  • la scorza di 1 limone
  • 50 ml di panna montata

Preparare la crema al limone. Mettere il latte in una pentola insieme alla scorza del limone tagliata a fette e farlo scaldare. Sbattere i tuorli con zucchero, farina e vanillina. Versare a filo il latte caldo sui tuorli, mescolare e rimettere il tutto nella pentola. Cuocere a fiamma moderata fino a che la crema si sarà addensata. Spegnere il fuoco e versare la crema in una ciotola. Coprire con carta pellicola e lasciare raffreddare completamente. Una volta fredda togliere le fette di limone.

Sciogliere il lievito nel latte tiepido.  Versarli in una ciotola e aggiungervi lo zucchero, la scorza di limone, il pizzico di sale, la farina e le le uova. Impastare il tutto con le mani e aggiungere il burro poco alla volta. Impastare fino a ottenere un impasto morbido e liscio. Se occorre aggiungere altra farina. Lasciare lievitare l’impasto nella stessa ciotola fino al raddoppio del volume, circa 2 ore. Dividere l’impasto lievitato a metà e spianarlo con l’aiuto di un matterello in due sfoglie non molto sottili. Adagiare una sfoglia su una teglia rotonda rivestita di carta da forno e spalmarvi la crema pasticcera. Adagiarvi la seconda sfoglia sopra e sigillare per bene.  Tagliare ora il cerchio ottenuto in 4 spicchi senza raggiungere la parte centrale. Tagliare ogni spicchio in altre due parti (sempre senza raggiungere il centro) e quindi ogni metà in altre fino ad ottenere tanti triangoli. Prendere adesso una coppia di triangoli vicini e arrotolarli su se stessi andando verso l’esterno. Proseguire in questo modo per arrotolare tutti i triangoli. Spennellare la brioche con del latte e cospargere con della granella di zucchero. Lasciare  lievitare  nuovamente il fiore di brioche per un’altra ora. Infornare a 180 gradi per 30 minuti.

Annunci

LaSaGNe aLLa ZuCCa

Queste lasagne le ho preparate per la prima volta insieme a mia cugina Angela durante le feste natalizie.. Devo dire che sono squisite, delicate, aromatiche.. Un sapore davvero eccezionale!

lasagne alla zucca dolcestefania

  • 250 g di lasagne
  • 700 g di zucca
  • 300 g di scamorza
  • 400 g di besciamella
  • 200 g di speck a fette
  • olio evo
  • sale
  • pepe nero
  • 1/2 cipolla bianca
  • 5 cucchiai di parmigiano grattugiato

Sbucciare la zucca, lavarla e tagliarla a cubetti. Mondare, lavare e tagliare finemente la cipolla e disporla in una pentola con dell’olio evo. Farla rosolare per un minuto e aggiungervi i cubetti di zucca. Aggiungere un bicchiere d’acqua, aggiustare di sale e di pepe e coprire con un coperchio. Lasciare cuocere a fiamma bassa per circa 40 minuti girando ogni tanto. La zucca dovrà essere cotta al punto che girandola diventa una crema. A questo punto assemblare le lasagne. Ricoprire una teglia da forno con un velo di besciamella, posizionate poi il primo strato di lasagne accavallandole un pò le une alle altre, versarvi la crema di zucca, un altro pò di besciamella, delle fettine di speck e la scamorza tagliata a cubetti. Ricoprire con un altro strato di lasagna, ancora zucca, besciamella, speck e scamorza. Proseguire cosi fino a esaurimento degli ingredienti. Finire con l’ultimo strato di sfoglia, ricoprire con abbondante besciamella e spolverizzare il tutto con il parmigiano grattugiato. Infornare le lasagne alla zucca a 180° e cuocere per 30 minuti.

CRoSTaTa NaTaLiZia aL CoCCo

Le feste natalizie sono le mie preferite per impastare frolle e usare le formine tagliabiscotti! Questa crostata decorata con alberi e stelle l’ho fatta per i miei nipotini per il pranzo di Natale! 

crostata natalizia al cocco dolcestefania

Per la frolla:

  • 1 uovo
  • 1 tuorlo
  • 175 g di farina
  • 50 g di burro
  • 50 g di zucchero
  • 1 bustina di vanillina
  • 1/2 bustina di lievito

Per il ripieno:

  • 70 g di zucchero
  • 120 g di cocco rapè
  • 1/2 panna da cucina
  • 1 albume
  • nutella q.b

Preparare la frolla mescolando nell’ordine: uova, tuorlo e zucchero, burro, vanillina, farina e lievito. Impastare e lasciare la frolla in frigorifero per mezz’ora. Nel frattempo montare l’albume a neve, aggiungere lo zucchero e continuare a montare. Infine aggiungere la panna da cucina, il cocco rapè e mescolare per bene. Stendere la frolla su una teglia imburrata e infarinata lasciandone un piccolo pezzetto da parte, circa 1/3 per creare poi le formine sopra. Versare sulla frolla uno strato di crema la cocco e livellarla per bene. Poi versarvi a piccole cucchiaiate la nutella in maniera sparsa. Versarvi la restante crema al cocco e spalmare per bene. Coprire con le formine di pasta frolla disponendole e a piacere. Infornare a 180 gradi per circa 30 minuti nella parte media del forno preriscaldato. Lasciare raffreddare e sformare. Volendo si può anche conservare in frigorifero.

PoLPeTTe Di BaCCaLà

polpette di baccalà dolcestefania

  • 700 g di baccalà ammollato privo di lische
  • 300 g di pane raffermo
  • 6 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • 2 uova
  • sale
  • pepe nero
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 1/2 spicchio d’aglio
  • 500 ml di olio di semi di mais

Mettere il pane raffermo in ammollo con acqua. Dissalare il baccalà sciacquandolo bene sotto l’acqua corrente e ponendolo a bagno per due giorni in acqua fredda e cambiando l’acqua almeno due volte al giorno. Passati i due giorni, asciugare bene il baccalà e poi tagliarlo a pezzetti.  Privarlo delle lische con l’aiuto di una pinzetta e metterlo nel mixer per qualche secondo. In una ciotola capiente porre la mollica strizzata e sbriciolata, il prezzemolo e l’aglio tritati , il baccalà e per ultimo il parmigiano grattugiato. Unire quindi due uova e aggiustare di sale e di pepe . Mescolare bene per amalgamare il tutto in modo da ottenere un panetto compatto. Con le mani formare delle piccole polpettine con l’impasto e adagiarle su un vassoio. Friggerle in olio ben caldo, scolarle e servirle ben calde.

SPaGHeTTi aLLa CHiTaRRa

Di origine abruzzese, questa pasta è realizzata ancora oggi a mano con un antico attrezzo che ricorda lo strumento musicale. La chitarra è costituita da un’intelaiatura di legno sulla quale sono inseriti alcuni fili d’acciaio tesi che la fanno assomigliare all’omonimo strumento musicale. È proprio premendo la pasta contro questa intelaiatura che si ottengono grossi spaghetti, porosi e di sezione quadrata.

spaghetti alla chitarra dolcestefania

  • 400 g di farina di grano duro
  • 4 uova

Setacciare la farina sul piano di lavoro, creando la classica forma a fontana nella quale andranno inserite le uova rotte. Sbattere le uova con una forchetta, raccogliere la farina e iniziare ad impastare fino a quando si otterrà un composto liscio ed omogeneo. Più a lungo l’impasto sarà lavorato, più la pasta sarà di buona qualità e resisterà alla cottura. Avvolgerlo in una pellicola trasparente e farlo riposare per circa mezz’ora in un luogo fresco e asciutto. Passato questo tempo è giunto il momento di stendere la pasta con l’aiuto di un mattarello finché si otterrà una sfoglia di circa 5 mm di spessore. Procedere dunque ad ottenere la forma di questi spaghetti utilizzando la macchina tradizionale chiamata “chitarra”.

CRoSTaTa RaGNaTeLa

Una crostata classica resa particolare dal motivo ragnatela, quindi ideale da preparare per la notte di Halloween!

crostata ragnatela dolcestefania

Per la frolla:

  • 2 uova
  • 100 g di zucchero
  • 100 g di burro
  • 1 bustina di vanillina
  • 350 g di farina
  • ½ bustina di lievito

Per la crema:

  • 3 tuorli
  • 4 cucchiai di zucchero
  • 4 cucchiai di farina
  • La scorza di 1 limone
  • 250 g di amarene sciroppate

Preparare la crema. Mettere il latte in una pentola con la scorza del limone e farlo scaldare. Sbattere i tuorli con zucchero, farina e vanillina. Versare a filo il latte caldo sui tuorli, avendo cura di eliminare le scorze del limone,mescolare e rimettere il tutto nella pentola. Cuocere a fiamma moderata fino a che la crema si sarà addensata. Versarla in una ciotola, coprire con carta pellicola e lasciare raffreddare completamente. Preparare la frolla impastando tutti gli ingredienti. Stenderla su una tortiera di circa 36 cm di diametro imburrata e infarinata, lasciandone da parte una piccola parte per creare la ragnatela. Versarvi la crema e distribuirvi le amarene scolate dallo sciroppo. Con la pasta avanzata fare 4 tubolari sottili che andranno posizionate a raggiera sulla crostata. Poi formare altri cordoncini di frolla e metterli ad arco in ogni spicchio ottenuto. Infine formare un ragnetto e poggiarlo al centro della ragnatela ottenuta. Infornare a 200 gradi in forno preriscaldato per 18 minuti. Toglierla dal forno e lasciarla raffreddare.

IMG_20171030_192606

FaVe Dei MoRTi

Le fave dei morti sono dei deliziosi biscottini alle mandorle e devono il loro nome così strano e particolare ad una “leggenda” e ad una “tradizione”. La “leggenda” narra che in occasione della festa di Ognissanti, in particolare nella notte tra l’uno e il due Novembre, i defunti vengano a visitare il mondo dei vivi, e questi preparano dei dolcetti per i loro cari defunti, da cui nasce il nome “dei morti”. La “tradizione” invece vuole che in occasione di un lutto, immediatamente dopo il funerale, si consumino delle preparazioni a base di fave. Le fave infatti sono ritenute una via di comunicazione tra il mondo dei morti e il mondo dei vivi. Da qui nasce il nome “fave”.

fave dei morti dolcestefania

  • 200 g di mandorle
  • 1 bicchierino di grappa
  • 150 g di farina
  • 100 g di zucchero
  • 30 g di burro
  • 1 uovo
  • 1 pizzico di cannella
  • 1 bustina di vanillina

Tritare le mandorle nel boccale del mixer fino a polverizzarle. In una terrina versare la farina, lo zucchero, la cannella, le mandorle polverizzate, la vanillina, il burro a pezzetti,  l’uovo e il liquore. Impastare il tutto a mano, ottenendo così un panetto morbido e compatto. Dal panetto ottenuto staccare dei pezzi con i quali formare dei filoncini che andranno poi tagliati a tocchetti. Modellare poi i tocchetti con le mani formando delle palline e metterli uno accanto all’altro, leggermente distanziati, su una teglia rivestita con della carta forno. Infornare i biscotti in forno preriscaldato a 180° per 10 minuti circa. A fine cottura le fave dei morti dovranno presentarsi ancora un po’ biancastre.

BiSCoTTi Di FRoLLa MoNTaTa

Questi biscotti sono friabili e deliziosi. Sono ideali per accompagnare il tè o la cioccolata calda o comunque per concedersi una pausa relax in piacevole compagnia.

biscotti di frolla montata dolcestefania

  • 150 g di burro
  • 80 g di zucchero a velo vanigliato
  • 1 uovo
  • 220 g di farina
  • 5 g di lievito per dolci
  • 1 bustina di vanillina
  • 100 g di cioccolato fondente
  • farina di cocco q.b
  • granella di pistacchio q.b

 In una ciotola montare il burro ammorbidito con lo zucchero.
Aggiungere l’uovo e continuare a montare. Versare la farina mescolata con il lievito e la vanillina e montare ancora. Lavorare l’impasto fino a che sia omogeneo. Versare il composto in una sacca da pasticceria con beccuccio a stella grande e formare dei biscottini di diverse forme sulla teglia ricoperta da carta forno. Infornare i biscotti di frolla montata in forno già caldo a 200° e cuocere per 10 minuti. Lasciarli raffreddare. Sciogliere il cioccolato a bagnomaria e intingervi i biscotti per metà. Decorare con la farina di cocco e la granella di pistacchio. Posizionare i biscotti su una teglia rivestita di carta da forno e lasciarli asciugare. Una volta asciutti disporli su un vassoio.

ToRTa PeR CoMPLeaNNo

Questa torta l’ho preparata in occasione di una festa di compleanno ed è stata definita dal festeggiato non wow nella forma… ma wow nel sapore! Gli invitati invece hanno detto wow in tutti i sensi!! 🙂

Torta per compleanno dolcestefania

Per la base:

  • 300 g di farina+q.b
  • 300 g di zucchero
  • 6 uova
  • 200 g di olio di mais
  • 80 g di acqua
  • 75 g di cacao amaro
  • 1 bustina di lievito
  • 1 bustina di vanillina
  • 1 noce di burro

Per la farcitura:

  • nutella q.b
  • 400 ml di panna già zuccherata

Per la decorazione:

  • 400 ml di panna già zuccherata
  • 200 g di cioccolato fondente
  • bignè q.b

Versare uova, zucchero e vanillina in una ciotola e sbattere con una frusta elettrica fino a ottenere un composto spumoso. Aggiungere l’olio, l’acqua e il cacao e la farina a cucchiaiate e continuare a sbattere. Infine aggiungere il lievito e mescolare. Imburrare e infarinare uno stampo di 30 cm di diametro e versarvi il composto. Infornare a 180 gradi per 25 minuti in forno preriscaldato. Lasciarla raffreddare, sformare la torta dallo stampo e posizionarla su un vassoio. Montare la panna e con una parte farcire i bignè. Con un coltello seghettato tagliare la torta in tre strati uguali. Appoggiare le due metà su un altro vassoio e farcire la prima base con uno strato generoso di nutella e 200 ml di panna montata. Coprire con il secondo disco e farcire sempre con nutella e 200 ml di panna montata. Coprire con il terzo strato e spalmare la panna montata su tutta la torta. Livellare per bene e decorare dai lati con l’aiuto di una sac a poche. Tagliare il cioccolato fondente a scaglie sottili e versarlo sulla superficie centrale. Posizionare i bignè riempiti di panna montata in maniera circolare e spalmare le punte con un cucciaino di nutella. Conservare la torta in frigorifero.

SPaGHeTTi aLLa CaRBoNaRa a MoDo Mio

Spaghetti alla carbonara a modo mio dolcestefania

  • 350 g di spaghetti
  • 200 g di guanciale
  • 3 uova
  • olio evo
  • pepe nero
  • 1 cucchiaio di aceto di vino bianco

Tagliare il guanciale  a pezzetti e soffriggerlo con dell’olio evo. Sfumare con l’aceto di vino e lasciare soffriggere fino a che il guanciale inizia a dorarsi. Rompere le uova in una ciotola, salarle e peparle, e sbatterle con una forchetta. Cuocere gli spaghetti in acqua bollente salata. Scolarli e rimetterli nella pentola, versarvi il guanciale soffritto e le uova sbattute e mescolare a fiamma bassa per circa 2 minuti o comunque fino a che l’uovo inizierà a stracciarsi. Servire subito.

ToRTa Di MeLe Di aNGeLa

La torta di mele è un classico che piace sempre a tutti.. Ideale per colazione o per merenda. Grazie Angela per la ricetta!

torta di mele di Angela dolcestefania

  • 600 g di mele renette
  • 200 g di farina+ un pò per la tortiera
  • 150 g di zucchero
  • 50 g di latte
  • 2 uova
  • succo e scorza di 1 limone
  • 1 bustina di lievito
  • 1 noce di burro

Sbucciare e affettare le mele, poi irrorarle con succo di limone e un cucchiaio di zucchero. Sbattere le uova con lo zucchero e la scorza del limone fino a renderle schiumose. Aggiungere il latte e la farina e continuare a sbattere. Infine aggiungere il lievito e mescolare. Versarvi le fettine di mele, lasciandone un pò da parte per la decorazione, e mescolare con una spatola per farle amalgamare al composto. Imburrare e infarinare una tortiera di 26 cm di diametro e versarvi il composto. Decorare in superficie con le mele lasciate da parte e infornare a 180 gradi per 30 minuti circa in forno preriscaldato.

TeTTe DeLLe MoNaCHe

Finalmente le ho fatte! Le tette delle monache o sospiri sono dei piccoli pan di spagna farciti con crema pasticcera tipiche di Altamura.  Vi assicuro che sono soffici come una nuvola!! Il segreto per farle bene è quello di usare la farina “ Mix Africano”. 

tette delle monache dolcestefania

Per le tette delle monache:

  • 200 g di Mix Africano
  • 260 g di uova (4 o 5)
  • 50 g di zucchero a velo vanigliato + un pò per spolverarle
  • 2 bustine di vanillina

Per la crema:

  • 500 ml di latte
  • 3 cucchiai di zucchero
  • 3 cucchiai di farina
  • la scorza grattugiata di 1 limone
  • 200 ml di panna già zuccherata e montata
  • 3 tuorli

Preparare la crema. Mettere il latte a scaldare. Sbattere con la frusta i tuorli con lo zucchero, la farina e la vanillina. Versarvi il latte caldo a filo e mescolare. Rimettere il tutto sul fuoco e lasciare cuocere, sempre mescolando, finché la crema si addenserà. Lasciarla raffreddare e aggiungervi la panna montata. Preparare le tette delle monache. Versare tutti gli ingredienti nella ciotola della planetaria e azionarla per circa 10 minuti o comunque fino a che il composto risulta spumoso, sodo e gonfio. Foderare una teglia con la carta da forno. Trasferire il composto in una sac a poche con becco grande e creare delle palline sulla teglia. Infornare a 180 gradi per circa 25 minuti, nella parte media del forno preriscaldato. Sfornare, lasciare raffreddare, tagliarle a metà o forarle dal basso e farcire con la crema pasticcera. spolverizzare con zucchero a velo vanigliato e conservarle in frigorifero.

planetaria

CRoSTaTa aL CaCao CoN RiCoTTa e CioCCoLaTo

Questa ricetta l’ho provata a fare una di queste sere per passare il tempo.. Il miglior modo per passare il mio tempo libero infatti è preparare un dolce! Ed ecco che con gli ingredienti che avevo in casa ho preparato questa crostata buonissima che già con la prima colazione è andata a ruba!

crostata al cacao con ricotta e cioccolato dolcestefania

Per la frolla:

  • 270 g di farina
  • 2 uova
  • 120 g di burro
  • 100 g di zucchero
  • 1 bustina di vanillina
  • 40 g di cacao amaro
  • mezza bustina di lievito

Per il ripieno:

  • 500 g di ricotta
  • 1 tuorlo
  • 1 fialetta di aroma rum oppure 1 tazzina di rum
  • 7 cucchiai di zucchero
  • 1 bustina di vanillina
  • 80 g di gocce di cioccolato
  • nutella q.b

Preparare la frolla impastando tutti gli ingredienti. Se l’impasto risulta appiccicoso aggiungere altra farina fino a ottenere un panetto morbido e liscio. Mettere in frigorifero per 15 minuti avvolta dalla pellicola. Nel frattempo preparare il ripieno. Mettere la ricotta in una ciotola e schiacciarla con una forchetta. Aggiungervi lo zucchero, il tuorlo, la vanillina, la fialetta oppure il rum e le gocce di cioccolato. Mescolare per bene fino ad ottenere un composto omogeneo. Estrarre la frolla dal frigo e stenderla su una teglia imburrata e infarinata, avendo cura di lasciarne un piccolo pezzo per fare le strisce di copertura. Versare sulla base della frolla uno strato di nutella e poi versarvi il ripieno alla ricotta. Completare con le strisce e infornare a 180 gradi per 25 minuti circa.

ToRTa ai Due CioCCoLaTi

Questa torta ai due cioccolati l’ho realizzata per il mio compleanno! Mi piace da impazzire perche è fresca ed è strepitosamente golosa come una cramella mou! 😀torta ai due cioccolati dolcestefania

  • 300 g di biscotti secchi
  • 150 g di burro fuso
  • 500 g di cioccolato a latte
  • 250 g di cioccolato fondente
  • 600 ml di panna già zuccherata
  • 600 ml di latte
  • 3 bustine di tortagel

Tritare i biscotti nel mixer, metterli in una ciotola e amalgamarli col burro fuso. Usarli per foderare il fondo di uno stampo a cerniera; compattarli per bene e livellarli. Mettere la base così ottenuta in frigorifero. A questo punto preparare i tre strati di cioccolato. Sciogliere 250 g di cioccolato a latte a bagnomaria, aggiungervi poi (una volta sciolto) 200 ml di latte, 200 ml di panna liquida e la bustina di tortagel; porre il pentolino sul fuoco e portare al bollore. Spegnere il fuoco e mescolare il composto di cioccolato continuamente per farlo raffreddare un po’. Versarlo sulla base di biscotti, livellare e porre in freezer per mezz’ora.  Sciogliere il cioccolato fondente a bagnomaria, aggiungervi poi (una volta sciolto) 200 ml di latte, 200 ml di latte e la bustina di tortagel; porre il pentolino sul fuoco e portare al bollore. Spegnere il fuoco e mescolare il composto di cioccolato continuamente per farlo raffreddare un po’. Versarlo sulla base di cioccolato al latte indurita e riporre in freezer per mezz’ora. Nel frattempo sciogliere il cioccolato a latte a bagnomaria, aggiungervi poi (una volta sciolto) 200 ml di latte, 200 ml di panna liquida e la bustina di tortagel.; porre il pentolino sul fuoco e portare al bollore. Spegnere il fuoco e mescolare il composto di cioccolato continuamente per farlo raffreddare un po’. Versarlo sulla base di cioccolato fondente indurita e riporre in freezer per una nottata. Estrarre la torta dal freezer circa 3 ore prima di servirla e metterla in frigorifero. Passare la lama di un coltello intorno ai bordi della torta e aprire la cerniera. Decorarla a piacere in superficie (io in questo caso ho semplicemente grattugiato del cioccolato fondente!).

TReCCia BRioCHe aLLa NuTeLLa

Ottima per la colazione… Bella morbida e golosa… vi assicuro che piace sia ai grandi che ai bambini!

treccia brioche alla nutella dolcestefania

  • 350 g di farina manitoba
  • 300 g di farina “00”
  • 250 ml di latte intero
  • 3 uova
  • 120 g di zucchero
  • 1 bustina di vanillina
  • 1 pizzico di sale
  • 150 g di burro
  • 1 cubetto di lievito di birra
  • nutella q.b

Sciogliere il lievito nel latte tiepido.  Versarli in una ciotola e aggiungervi lo zucchero, la vanillina, il pizzico di sale, le uova e il burro. Mescolare il tutto e versarvi le due farine. Iniziare a impastare il tutto con le mani per almeno 10 minuti fino a ottenere un impasto morbido e liscio. Se occorre aggiungere altra farina. Lasciare lievitare l’impasto nella stessa ciotola fino al raddoppio del volume, circa 2 ore. Spianare l’impasto con l’aiuto di un matterello in una sfoglia non molto sottile e spalmarvi un generoso strato di nutella. Arrotolare la sfoglia su se stessa fino a formare un rotolo e adagiarlo su carta da forno. Dividere il rotolo a metà nel senso della lunghezza e intrecciare le duè metà tra di loro. Adagiare la treccia così ottenuta con la stessa carta da forno in uno stampo da plumcake. Lasciarla lievitare per altri 50 minuti. Infornare a 200 gradi per circa 35 minuti nella parte media del forno preriscaldato.

treccia brioche alla nutella dolcestefania.

CoPPa MaLù

Semplicemente una goduria! Uguale all’originale!

coppa malù dolcestefania

  • 1 l di latte intero
  • 80 g di cacao amaro
  • 150 g di zucchero
  • 120 g di farina
  • 80 g di burro
  • 400 ml di panna montata

Setacciare la farina, lo zucchero e il cacao in una ciotola. Versare il latte e il burro in un pentolino e farli scaldare. Aggiungere il latte e burro caldi a filo nella ciotola con la farina, lo zucchero e il cacao e mescolare energicamente per evitare che si formino grumi. Trasferire il tutto nuovamente nel pentolino e cuocere a fuoco medio baso per circa 10 minuti fino a completo addensamento e mescolando continuamente. Lasciare intiepidire e versare nei bicchieri o nelle coppette e conservarle in frigorifero per almeno 4-5 ore. Una volta fredde, riempire una sac a poche di panna montata e decorare ciascuna coppa o bicchiere.

 

BaCi Di DaMa aLLe NoCCioLe

I baci di dama sono dei dolcetti tipici del Piemonte esattamente della città di Tortona dove nacquero un secolo fa e si chiamano così perché composti da due calotte di pasta simile alla frolla unite dal cioccolato che richiamano due labbra intente a baciare.

baci di dama alle nocciole dolcestefania

  • 100 g di nocciole
  • 90 g di zucchero
  • 300 g di farina
  • 200 g di burro
  • nutella q.b

Tritare nel boccale del mixer le nocciole e lo zucchero. Aggiungervi poi la farina e il burro. Lasciare impastare il tutto e mettere l’impasto in frigorifero per mezz’oretta. Con l’impasto ottenuto formare tante palline e disporle su una placca da forno ricoperta di carta da forno e infornare a 180 gradi per 15 minuti circa, in forno preriscaldato. Sfornare, lasciare raffreddare completamente  e incollare la palline a due a due con la nutella per formare i baci di dama.

ToRTa CaNNoLo

Questa torta l’ho pensata e creata per il compleanno del mio fidanzato.. Diciamo che avrei voluto fargli una sorpresa ma ormai dopo tanti anni non mi riesce più! Lo sa che gliela preparo ogni anno una! Super contento e io… Soddisfatta! ❤

torta cannolo dolcestefania

Per la base:

  • 2 uova
  • 75 g di zucchero
  • 100 g di farina
  • 50 g di frumina
  • 1/2 bustina di lievito
  • 50 g di burro
  • 2 cucchiai di acqua bollente

Per farcire:

  • 500 g di ricotta
  • 150 g di zucchero a velo vanigliato
  • 200 ml di panna montata
  • 100 g di gocce di cioccolato
  • 1 pizzico di cannella

Per la bagna:

  • 150 ml di latte
  • 30 ml di amaretto disaronno

Per decorare:

  • 200 ml di panna già zuccherata
  • granella di pistacchio q.b
  • 1 cannolo medio
  • cacao amaro q.b
  • ciliege candite verdi

In una terrina sbattere a schiuma i tuorli con l’acqua bollente e aggiungere gradatamente 50 g di zucchero, sbattendo fino a ottenere una massa cremosa. Montare le chiare a neve durissima aggiungendo gradatamente lo zucchero rimasto, metterle sopra i tuorli e setacciarvi sopra la farina mescolata con la frumina e il lievito. incorporare i bianchi mescolando dal basso verso l’alto  e aggiungere a piccole dosi il burro liquefatto. Mettere l’impasto in uno stampo a cerchio apribile di 24 cm di diametro (io ne ho usato uno rettangolare) foderato con carta da forno e cuocere per 25 minuti a 180 gradi in forno preriscaldato. Lasciare raffreddare.  Frullare la ricotta e aggiungervi il resto degli ingredienti (è preferibile far riposare il ripieno in frigo per qualche ora, meglio preparalo la sera precedente). Mettere il ripieno in una sac a poche e farcire il cannolo. Dividere la torta a metà, inzupparla con il latte e l’amaretto e farcire con la ricotta. Coprire con lo strato superiore della torta, inzuppare anch’essa e metterla in frigo per qualche ora. Nel frattempo montare la panna e  metterne da parte qualche cucchiaio in un’altra ciotola. Coprire la torta con la panna montata, farvi aderire lateralmente la granella di pistacchio, appoggiarvi lo stencil e spolverare con abbondante cacao. Togliere delicatamente lo stencil, decorare con una sac a poche, con le ciliege candite, e il cannolo farcito. Conservare la torta in frigorifero.

CaNNeLLoNi CoN SPiNaCi e RiCoTTa

Classico primo piatto della domenica al Sud!! 

cannelloni con ricotta e spinaci dolcestefania

  • 1 confezione di cannelloni
  • 2 l di salsa di pomodoro
  • ½ cipolla rossa
  • 5 foglie di basilico
  • Olio evo
  • sale
  • 500 g di besciamella
  • 50 g di parmigiano grattugiato per cospargere

Per il ripieno:

  • 700 g di ricotta
  • 1 kg di spinaci lessati e strizzati
  • 1 pizzico di noce moscata
  • 1 pizzico di pepe nero
  • 100 g di parmigiano grattugiato
  • Sale q.b.
  • 1 tuorlo

Preparare il sugo facendo soffriggere la cipolla in olio evo. Poi aggiungere la salsa, il sale e il basilico. Lasciare cuocere a fuoco medio per circa 30 minuti. a questo punto sciogliervi circa 200 ml di besciamella. Per il ripieno mescolare gli spinaci raffreddati, strizzati e sminuzzati con la ricotta, il tuorlo, la noce moscata, il parmigiano grattugiato, il sale e il pepe nero. Amalgamare il tutto con una forchetta e lasciare in frigorifero per 1 ora. Riempire i cannelloni con le mani o con l’aiuto di un cucchiaino. Disporli in una teglia uno accanto all’altro, coprire completamente di sugo, versarvi la besciamella rimasta in superficie e completare con il parmigiano grattugiato. Infornare a 200 gradi per circa 30 minuti o comunque fino a che il sugo si sarà asciugato e il formaggio avrà creato una leggera crosticina in superficie.

CaNTuCCi aLLe NoCCioLe

Ho provato a fare questa nuova ricetta dei cantucci ma al posto delle classiche mandorle ho utilizzato le nocciole.. Risultato strepitoso! Non vi dico che profumino nella mia cucina appena li ho sfornati!

cantucci alle nocciole dolcestefania

  • 200 g di nocciole
  • 140 g di zucchero
  • 50 g di burro
  • 2 uova
  • 250 g di farina
  • 1 pizzico di sale
  • 1 bustina di vanillina

Tritare grossolanamente le nocciole nel boccale di un mixer e metterle da parte. Mettere nel boccale vuoto lo zucchero, il burro, le uova, la farina, il pizzico di sale e la vanillina. Azionare il mixer e lasciare impastare il tutto fino a ottenere una palla. A questo punto disporre l’impasto su una spianatoia e inserirvi le nocciole tritate e tenute da parte. Impastare fino ad amalgamare il tutto. Se occorre aggiungere altra farina. Dividere l’impasto in tre panetti e disporli su una placca da forno e infornare a 180 gradi per circa 20 minuti, in forno preriscaldato. Sfornare e tagliare i filoncini in diagonale in fettine e infornare nuovamente alla stessa temperatura fino a farli dorare, per circa 20 minuti.

ToRTa HaPPY BiRTHDaY aL CioCCoLaTo

Questa torta di compleanno per la mia mamma  l’ho pensata così.. In maniera semplice e diversa dalle solite che faccio.. rigorosamente con la crema e tutte belle decorate! Questa volta ho preparato una classica torta al cioccolato e decorata con uno stencil festoso! 

torta happy birthday al cioccolato dolcestefania

  • 200 g di cioccolato fondente
  • 250 g di burro
  • 4 uova
  • 200 g di zucchero
  • 200 g di farina
  • 1 cucchiaino di lievito
  • 1 bustina di vanillina
  • zucchero a velo q.b

Sciogliere il burro e il cioccolato insieme a bagnomaria e lasciare intiepidire. Sbattere i tuorli con lo zucchero e la vanillina fino a renderli cremosi. Montare gli albumi a neve. Aggiungere ai tuorli il cioccolato e il burro fusi, mescolare per bene e versarvi la farina e il lievito. Amalgamare il tutto e per ultimi aggiungere gli albumi montati a neve, mescolando dal basso verso l’alto per non far smontare il composto. Versare in una teglia rotonda di 28 cm di diametro precedentemente imburrata e infarinata o rivestita di carta da forno e infornare a 180 gradi in forno preriscaldato per circa 35 minuti. Lasciare raffreddare, disporre su un vassoio, adagiarvi lo stencil e spolverare con abbondante zucchero a velo.

CRoSTaTa Di FRaGoLe

La crostata di fragole è un dolce fresco e goloso che può essere preparato in anticipo. Si tratta di una base di pasta frolla farcita con crema pasticcera e decorata con le fragole fresche. Credo che oltre ad essere buono  sia anche un dolce bello da presentare!

crostata-di-fragole-dolcestefania

Per la frolla:

  • 2 uova
  • 100 g di zucchero
  • 100 g di burro
  • 1 bustina di vanillina
  • 350 g di farina
  • ½ bustina di lievito

Per la crema:

  • 3 tuorli
  • 4 cucchiai di zucchero
  • 4 cucchiai di farina
  • La scorza di 1 limone
  • 100 ml di panna montata

Per la decorazione:

  • 3 vaschette di fragole
  • gelatina spray o classico torta gel (facoltativo)

 Preparare la frolla impastando tutti gli ingredienti. Stenderla su una tortiera di circa 36 cm di diametro imburrata e infarinata, bucherellare il fondo, coprire con un foglio di carta forno e cospargere di fagioli secchi. Infornare a 200 gradi in forno preriscaldato per 10 minuti. Toglierla dal forno, eliminare la carta e i fagioli e lasciarla raffreddare. Preparare la crema. Mettere il latte in una pentola con la scorza del limone e farlo scaldare. Sbattere i tuorli con zucchero, farina e vanillina. Versare a filo il latte caldo sui tuorli, avendo cura di eliminare le scorze del limone,mescolare e rimettere il tutto nella pentola. Cuocere a fiamma moderata fino a che la crema si sarà addensata. Versarla in una ciotola, coprire con carta pellicola e lasciare raffreddare completamente. Montare la panna e aggiungerla alla crema, quando questa sarà fredda. Versarla sulla base di frolla, disporvi le fragole tagliate a fettine a raggiera su tutta la crostata. Se si prepara con largo anticipo usare il torta gel o la gelatina spray per evitare che le fragole anneriscano. Conservare la crostata in frigorifero.

CRoSTaTa BaRReTTa KiNDeR

L’idea di preparare una crostata con le barrette kinder direttamente sulla frolla mi è stata suggerita da mio fratello! Lui è golosissimo di cioccolato e mi ha chiesto di preparargli questa crostata che devo dire… è stata una bella invenzione! Super golosa!

crostata barretta kinder dolcestefania

  • 1 uovo + 1 tuorlo
  • 90 g di zucchero
  • 150 g di burro
  • 300 g di farina
  • 1 bustina di vanillina
  • nutella q.b

Sbattere l’uovo, il tuorlo, lo zucchero e la vanillina. Aggiungere poi il burro e la farina e iniziare a impastare il tutto con le mani. Bisogna ottenere un panetto liscio e morbido. Stendere la frolla su un foglio di carta da forno della stessa dimensione della tortiera (circa 28 cm). (Quella che vedete in foto è più piccola perchè con queste dosi ne ho preparate 2 piccole invece che una grande). Adagiarla con tutta la carta da forno nella tortiera e adagiarvi le barrette kinder in maniera circolare.  Infornare a 180 gradi per circa 15 minuti in forno preriscaldato. Lasciare raffreddare e adagiare su un piatto da portata.

TaGLiaTeLLe CoN PoRCiNi e SaLSiCCia

Questo è un primo piatto che racchiude tutto il sapore della Calabria! I funghi porcini della Sila e la salsiccia, che è una preparazione tipica di questa regione, sono il condimento ideale per preparare un primo piatto favoloso!

tagliatelle con porcini e salsiccia dolcestefania

Per le tagliatelle:

  • 100 g di farina “00”
  • 450 g di farina “di grano duro rimacinata”
  • 370 ml di acqua

Per il condimento:

  • 350 g di funghi porcini
  • 2 salsicce fresche
  • olio evo q.b
  • sale
  • pepe nero
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1/2 cipolla
  • prezzemolo
  • 200 ml di passata di pomodoro

Mescolare su una spianatoia le due farine e creare un buco al centro. Versare l’acqua e iniziare a impastare con le mani. Bisogna ottenere un impasto liscio e sodo. Lasciare riposare la pasta per 10 minuti coperta da un canovaccio. A questo punto bisogna stendere la pasta; si può fare con la Nonna Papera, ovvero la macchinetta con la manovella, ed è la soluzione più facile, oppure usare il matterello, un pò più difficile. Allargare le tagliatelle su una spianatoia cosparsa di abbondante farina, ed allargarle bene. Nel frattempo preparare il condimento.  Pulire i funghi porcini e tagliarli a cubetti o fettine. Metterli in una padella con dell’olio evo, la cipolla tagliata finemente, lo spicchio d’aglio  e fare soffriggere il tutto. Aggiungere un bicchiere d’acqua, il sale, il pepe nero e cuocere per circa 15 minuti a fiamma moderata. Togliere l’aglio e aggiungere la salsa di pomodoro e la salsiccia sbriciolata e privata del budello. Lasciare cuocere per altri 10-15 minuti circa fino a che il sugo sarà ristretto. Cuocere le tagliatelle per qualche minuto in acqua bollente salata, scolarle e amalgamarle al condimento. Completare con il prezzemolo tritato e servire le tagliatelle ben calde.

TaGLiaTeLLe

Fare la pasta in casa è più facile di quello che si pensa! Basta un pò di farina e di acqua per preparare con le proprie mani un primo piatto sano.. Le mie tagliatelle le preparo con acqua e farina soltanto, non aggiungo uova perchè le preferisco senza e perchè mia mamma le ha sempre fatte così!

tagliatelle dolcestefania

  • 100 g di farina “00”
  • 450 g di farina “di grano duro rimacinata”
  • 370 ml di acqua

Mescolare su una spianatoia le due farine e creare un buco al centro. Versare l’acqua e iniziare a impastare con le mani. Bisogna ottenere un impasto liscio e sodo. Lasciare riposare la pasta per 10 minuti coperta da un canovaccio. A questo punto bisogna stendere la pasta; si può fare con la Nonna Papera, ovvero la macchinetta con la manovella, ed è la soluzione più facile, oppure usare il matterello, un pò più difficile. Allargare le tagliatelle su una spianatoia cosparsa di abbondante farina, ed allargarle bene. A questo punto lasciarle riposare un pochino prima di cuocerle, oppure si possono lasciare asciugare completamente e poi si conservano coperte da uno strofinaccio per un paio di giorni in un posto fresco.

CoPPa DeL NoNNo

La coppa del nonno è un dessert irresistibile per gli amanti del caffè.. Ha un sapore intenso e deciso e vi assicuro che prepararla in casa è davvero un gioco da ragazzi! Io ho stupito i miei ospiti servendola con dei simpatici cucchiaini di cioccolato!

coppa del nonno dolcestefania

  • 500 ml di panna da montare già zuccherata
  • 20 g di caffè solubile/istantaneo gusto classico
  • 200 g di zucchero

Versare nel boccale del mixer il caffè e lo zucchero e polverizzarli. Montare la panna ben fredda in una ciotola. Unirvi poi il caffè e lo zucchero polverizzati e continuare a montare fino a fare amalgamare il tutto. Versare la mousse ottenuta in una sac a poche con bocchetta liscia e riempire delle tazzine o dei bicchierini. Conservare in frigorifero.

FaRFaLLe aL SaLMoNe

farfalle al salmone dolcestefania

  • 500 g di farfalle
  • 250 g di salmone affumicato
  • 1/2 cipolla
  • olio evo
  • 500 ml di salsa di pomodoro
  • sale
  • 125 ml di panna al salmone
  • prezzemolo

Tagliare finemente la cipolla e metterla in una padella con dell’olio evo. Farla soffriggere per qualche minuto e aggiungere il salmone affumicato tagliato a pezzetti. Lasciare soffriggere per qualche altro minuto e aggiungere la salsa di pomodoro. Lasciare cuocere a fiamma moderata per circa 10 minuti mescolando di tanto in tanto. Aggiungere la panna al salmone e fare amalgamare il tutto sul fuoco per 1 minuto. (Io evito di salare il sugo perchè il salmone affumicato è già di per se abbastanza sapido). Cuocere la pasta in abbondante acqua salata, scolarla e versarla nel sugo. Spegnere il fuoco e amalgamare la pasta al condimento. A piacere spolverare con prezzemolo tritato.

PiPi e PaTaTi

Pipi e patati è il nome che si usa comunemente in Calabria per indicare una frittura di patate e peperoni da assaggiare almeno una volta nella vita se si viene da queste parti! 🙂

pipi e patate dolcestefania

  • 8 patate medie “pasta gialla”
  • 2 peperoni verdi
  • 1 peperone rosso o giallo
  • sale
  • olio evo

Pelare le patate e lavarle.  Lavare i peperoni e ricordare di eliminare i semi e i filamenti interni. Tagliare sia le patate che i peperoni a pezzi irregolari. Nel frattempo mettere a scaldare l’olio in una padella capiente a fiamma media. Appena l’olio sarà abbastanza caldo aggiungere peperoni e patate, salarli e lasciarli cuocere per circa 20 minuti girandoli ogni tanto con un cucchiaio di legno. Appena saranno dorate scolarle in un piatto da portata e servirli ben caldi come contorno.

CoLoMBa SaLaTa

Siccome amo preparare i dolci ma adoro mangiare il salato.. Questa volta ho fatto la colomba di Pasqua in versione salata! Credo sia una bella idea per l’aperitivo o l’antipasto di Pasqua o da portare per una gita fuori porta il giorno di Pasquetta!

colomba-salata-di-pasqua-dolce-stefania

Per il pan brioche:

  • 250 g di latte
  • 15 g di lievito di birra
  • 550 g di farina “00”
  • 50 g di olio evo
  • 1 uovo
  • 10 g di sale

Per la farcitura:

  • 200 g di salame
  • 4 uova sode
  • 200 g di scamorza
  • 30 g di parmigiano grattugiato
  • 200 g di ricotta

Per la decorazione:

  • granella di pistacchio
  • 20 g di latte
  • 2 fette spesse di scamorza
  • pezzetti di carota

Sciogliere il lievito nel latte tiepido e versarlo in una ciotola insieme agli altri ingredienti del pan brioche. Impastare il tutto con le mani fino a ottenere un impasto liscio e sodo. Lasciarlo lievitare nella stessa ciotola coperto da un canovaccio per circa 2 ore o comunque fino al raddoppio del volume. A lievitazione terminata, prendere l’impasto, staccare una pallina della grandezza di una noce e tenere da parte per la decorazione. Dividere l’impasto a metà ed una metà in 2 parti (la metà grande sarà il corpo e le altre due le ali della colomba). Stendere su una spianatoia infarinata e con l’aiuto di un matterello  la metà più grande in un ovale della lunghezza di uno stampo in carta per colomba. Farcire con metà del salame tritato,  delle uova sode tagliate a pezzetti, della scamorza e della ricotta tagliate a cubetti e una spolverata di parmigiano grattugiato. Avvolgere l’impasto su se stesso, sigillarlo alle estremità e sistemarlo al centro dello stampo. Stendere le due metà più piccole e farcirle allo stesso modo. Avvolgere i due ovali di impasto, richiuderli alle estremità e sistemarli nello stampo per formare le ali della colomba. Con la pallina di impasto tenuta da parte  formare due cilindretti e sistemarli trasversalmente sulla colomba formando una decorazione a rami. Lasciare lievitare la colomba per altri 50 minuti. Nel frattempo preriscaldare il forno a 200 gradi e ricavare dei fiorellini dalla scamorza. Spennellare in superficie la colomba con il latte e spolverizzare con la granella di pistacchio. Infornare per 30-35 minuti a 200 gradi. Togliere lo stampo dal forno, lasciare raffreddare e decorare con i fiori di scamorza.

CuZZuPe Di PaSQua

Le cuzzupe sono uno dei dolci tipici della Pasqua in Calabria. Sono dei dolci tradizionali e ne esistono tante di ricette.. Questa mi è stata regalata da una mia vicina di casa ed è spettacolare!

cuzzupe di Pasqua dolcestefania

Per il lievitino:

  • 25 g di lievito di birra
  • 250 g di farina
  • 100 ml di acqua

Per l’impasto:

  • 5 uova
  • 1 kg di farina
  • 250 ml di latte
  • 100 g di strutto
  • 300 g di zucchero
  • semi di anice nero q.b
  • 1 uovo per spennellare

Preparare il lievitino con il lievito di birra sciolto in acqua tiepida e la farina. Creare un panetto, inciderlo a croce e  fare riposare per almeno tre ore. Dopodichè versare in una ciotola tutti gli altri ingredienti e il lievitino. Impastare per bene fino a ottenere un impasto morbido e liscio.  Creare tante piccole forme a piacere (girandole, ciambelle, trecce o panetti con l’uovo al centro). Disporli Su una spianatoia infarinata, coprirli con un canovaccio e farli lievitare in un luogo caldo fino al raddoppio del volume. (Circa 5 ore). Una volta lievitati disporli sulle teglie rivestite con carta da forno, spennellarli con dell’uovo sbattuto e poi metterli in forno preriscaldato a 180 gradi per 25 minuti.

CoNiGLieTTi Di PaSQua

Questi soffici e simpatici coniglietti sono realizzati con pasta brioche e sono una simpatica idea per preparare un dolce di Pasqua per i bambini!

coniglietti brioche dolcestefania

  • 5 uova
  • 1 kg di farina
  • 250 ml di latte
  • 100 g di strutto
  • 300 g di zucchero
  • uva sultanina q.b
  • 1 uovo per spennellare

Per il lievitino:

  • 25 g di lievito di birra
  • 250 g di farina
  • 100 ml di acqua

Preparare il lievitino con il lievito di birra sciolto in acqua tiepida e la farina. Creare un panetto, inciderlo a croce e  fare riposare per almeno tre ore. Dopodichè versare in una ciotola tutti gli altri ingredienti e il lievitino. Impastare per bene fino a ottenere un impasto morbido e liscio. Dividere con l’aiuto di un tagliapasta varie porzioni di impasto; 50 g per il corpo e 25 g per la testa. Dal pezzo più grande ricavare dei salsicciotti lunghi circa 35 cm e dello spessore di un pollice e arrotolare su se stesso fino a formare una chiocciola: sarà il corpo del coniglietto. Lasciare l’estremità finale del cordoncino di pasta leggermente staccata a simulare la zampa anteriore del coniglietto. Con l’altro pezzo di impasto creare una pallina, che sarà la testa. Farla aderire con un goccio di acqua al corpo e inserire in ciascuna testa l’uvetta sultanina per creare gli occhi. Con un’altro pezzettino di impasto, tagliato a metà nel senso della lunghezza formare le orecchie appuntite e attaccarle alla testa del coniglietto, sempre con un goccio di acqua. Infine, creare la coda del coniglietto, con un pezzettino di impasto arrotondato. Disporli su una spianatoia infarinata , coprirli con un canovaccio e lasciarli lievitare in un luogo ben caldo fino al raddoppio del volume. (Circa 4 ore). Disporre i coniglietti su una teglia con carta forno distanziati tra loro, spennellarli con dell’uovo sbattuto e poi metterli in forno preriscaldato a 180 gradi per 25 minuti.

PaSTa CHouX PeR ZePPoLe

pasta choux per zeppole dolcestefania

  • 250 g di acqua
  • 180 g di burro a pezzi
  • mezzo cucchiaino di sale
  • 250 g di farina “00”
  • 6 uova medie (o 7 piccole)

Portare ad ebollizione in una casseruola acqua, burro e sale. Togliere dal fuoco e aggiungere tutta in una volta la farina setacciata. Mescolare con un cucchiaio di legno e rimettere sul fuoco. Mescolare finchè la palla che si forma si stacca dalle pareti della casseruola e si forma una patina bianca sul fondo. Mettere la palla così formata in una ciotola e aggiungere un uovo alla volta, mescolando finché l’impasto assume un aspetto di forte lucentezza e cade pesantemente dal cucchiaio. Incorporare all’impasto raffreddato il lievito e mescolare. Versare in una sac a poche con bocchetta a stella e creare le zeppole sulla lastra del forno foderata con carta forno. Formare degli anelli facendo 2 giri di impasto concentrici e lasciare 2-3 cm di spazio tra l’uno e l’altro. Cuocere per 10 minuti nella parte media del forno preriscaldato a 200°C. Poi abbassare la temperatura a 180° gradi per 10-15 minuti o finchè le zeppole saranno dorate.

STRoZZaPReTi

strozzapreti dolcestefania

  • 200 g di farina “00”
  • 350 g di farina “di grano duro rimacinata”
  • 370 ml di acqua

Mescolare su una spianatoia le due farine e creare un buco al centro. Versare l’acqua e iniziare a impastare con le mani. Bisogna ottenere un impasto liscio e sodo. Lasciare riposare la pasta per 10 minuti coperta da un canovaccio. Dividere l’impasto in tante parti e allungarle in rotoli lunghi e sottili. Tagliare col coltello in rotolini più piccoli, lunghi circa 7 cm. Arrotolare ognuno su uno spiedino di legno, e allungarlo col palmo delle mani. Tirarlo via dallo spiedino e metterlo sulla spianatoia cosparsa di farina.

 

PaSTa FRoLLa SeNZa GLuTiNe

pasta frolla senza glutine dolcestefania

  • 250 g di farina per dolci senza glutine
  • 150 g di burro
  • 100 g di zucchero a velo
  • 2 tuorli d’uovo
  • 1 pizzico di sale

Inserire tutti gli ingredienti nel boccale di un robot e mescolare a velocità media. Si formeranno dapprima delle briciole, poi l’impasto si legherà formando un panetto morbido e unico. Spegnere il robot, prendere l’impasto e compattarlo per bene con le mani, Imburrare e infarinare sempre con la stessa farina per dolci senza glutine uno stampo per crostata di 22 cm di diametro e iniziare a stendervi l’impasto con le mani sollevando la pasta fino a i bordi. Bucherellare con una forchetta e infornare a 180 gradi per circa 20 minuti in forno preriscaldato. Lasciare raffreddare completamente, togliere il guscio di frolla dallo stampo e posizionarlo su un vassoio.

MuFFiN KiNDeR

Semplicemente deliziosi!muffin kinder dolcestefania

  • 2 uova
  • 120 g di burro
  • 150 g di latte intero
  • 180 g di farina
  • 80 g di zucchero
  • 1 bustina di lievito
  • 1 bustina di vanillina
  • 1 pizzico di sale
  • barrette kinder q.b

Scaldare il latte in un pentolino e aggiungervi poi lo zucchero, il burro e le uova. Mescolare tutto insieme per far sciogliere il burro e versare il composto in una ciotola. Aggiungervi la farina, il lievito, il pizzico di sale e la vanillina. Mescolare il tutto con una frusta o uno sbattitore elettrico fino a ottenere un composto omogeneo. Trasferire il composto nei pirottini di carta appositamente alloggiati in una teglia da muffin, riempiendoli fino a metà. Mettervi sopra tre quadretti di barretta kinder e infornare a 180 gradi per circa 20 minuti in forno preriscaldato.

ToRTa MiMoSa

Questa è una torta mimosa un pò speciale perchè l ho preparata non in occasione della festa della donna ma per il sessantesimo compleanno della mia zia Anna. Lei l’ha pensata e voluta realizzata così e io… Ho dato forma al suo desiderio!

torta-mimosa-dolcestefania

Per la base:

  • 6 uova
  • 150 g di farina+ un po’ per la teglia
  • 250 g di zucchero
  • 50 g di fecola di patate
  • La scorza grattugiata di 1 limone
  • 1 bustina di lievito
  • 1 pizzico di sale
  • 1 noce di burro

Per la crema:

  • 500 ml di latte
  • 3 cucchiai di zucchero
  • 3 cucchiai di farina
  • la scorza grattugiata di 1 limone
  • 200 ml di panna già zuccherata e montata
  • 3 tuorli
  • 1 scatola di ananas sciroppata (340 g)

Per la bagna:

  • sciroppo dell’ananas
  • 1 bicchierino di limoncello

Per la decorazione:

  • 400 ml di panna già zuccherata
  • pasta di zucchero gialla

Preparare la base montando i tuorli con lo zucchero fino a renderli spumosi. Montare gli albumi a neve con 1 pizzico di sale e unirli ai tuorli. Aromatizzare con la scorza del limone e aggiungere la farina, la fecola e il lievito. Imburrare e infarinare una tortiera rettangolare di 24 cm x 32 cm, versarvi l’impasto e infornare a 180 gradi per 30 minuti, in forno preriscaldato. Togliere dal forno e lasciare raffreddare. Nel frattempo preparare la crema. Mettere il latte a scaldare. Sbattere con la frusta i tuorli con lo zucchero, la farina e la vanillina. Versarvi il latte caldo a filo e mescolare. Rimettere il tutto sul fuoco e lasciare cuocere, sempre mescolando, finché la crema si addenserà. Lasciarla raffreddare e aggiungervi la panna montata e l’ananas sgocciolata e tagliata a cubetti. Mescolare lo sciroppo dell’ananas con il limoncello. Dividere la torta in 3 strati. Utilizzare lo strato centrale per creare l’effetto mimosa esterno, quindi sbriciolarlo in una ciotola e tenerlo da parte. Inzuppare il primo strato con un po’ di bagna e stendere la crema. Coprire con il secondo strato di torta, inzuppare nuovamente e mettere la torta in frigorifero. Nel frattempo montare la panna e  metterne da parte qualche cucchiaio in un’altra ciotola. Coprire la torta con la panna montata e decorarla con una sac a poche lateralmente. Completare con le briciole di pan di spagna e i fiocchetti e le decorazioni creati con la pasta di zucchero. Conservare la torta in frigorifero.

PaN Di SPaGNa

Il pan di Spagna è una delle ricette classiche della pasticceria, è la base più utilizzata per le torte farcite. La sua preparazione e’ molto semplice, ma per la sua perfetta riuscita è molto importante rispettare dosi e modi di preparazione.

pan-di-spagna-dolcestefania

  • 6 uova
  • 250 g di farina+ un po’ per la teglia
  • 250 g di zucchero
  • La scorza grattugiata di 1 limone
  • 1 bustina di lievito
  • 1 pizzico di sale
  • 1 noce di burro

Preparare la base montando i tuorli con lo zucchero fino a renderli spumosi. Montare gli albumi a neve con 1 pizzico di sale e unirli ai tuorli. Aromatizzare con la scorza del limone e aggiungere la farina e il lievito. Imburrare e infarinare una tortiera rettangolare 24 cm x 32 cm o rotonda di 32 cm di diametro, versarvi l’impasto e infornare a 180° gradi per 25-30 minuti, in forno preriscaldato. Togliere dal forno e lasciare raffreddare.

ZePPoLe Di SaN GiuSePPe

Le zeppole hanno una lunghissima tradizione nella gastronomia popolare dell’Italia meridionale con diverse variazioni nella preparazione da regione a regione. Sono dei dolci tipici della stagione primaverile ma vengono consumati in particolare il 19 Marzo, nel giorno di San Giuseppe,dedicato alla festa del papà.

zeppole-di-san-giuseppe-dolcestefania

Per le zeppole:

  • 250 g di acqua
  • 180 g di burro a pezzi
  • mezzo cucchiaino di sale
  • 250 g di farina “00”
  • 6 uova medie (o 7 piccole)

Per la crema pasticcera:

  • 3 tuorli
  • 3 cucchiai di zucchero
  • 3 cucchiai di farina
  • la scorza grattugiata di 1 limone
  • 100 ml di panna montata

Per decorare:

  • 100 ml di panna montata
  • amarene sciroppate q.b
  • zucchero a velo q.b

Portare ad ebollizione in una casseruola acqua, burro e sale. Togliere dal fuoco e aggiungere tutta in una volta la farina setacciata. Mescolare con un cucchiaio di legno e rimettere sul fuoco. Mescolare finchè la palla che si forma si stacca dalle pareti della casseruola e si forma una patina bianca sul fondo. Mettere la palla così formata in una ciotola e aggiungere un uovo alla volta, mescolando finché l’impasto assume un aspetto di forte lucentezza e cade pesantemente dal cucchiaio. Incorporare all’impasto raffreddato il lievito e mescolare. Versare in una sac a poche con bocchetta a stella e creare le zeppole sulla lastra del forno foderata con carta forno. Formare degli anelli facendo 2 giri di impasto concentrici e lasciare 2-3 cm di spazio tra l’uno e l’altro. Cuocere per 10 minuti nella parte media del forno preriscaldato a 200°C. Poi abbassare la temperatura a 180° gradi per 10-15 minuti o finchè le zeppole saranno dorate.

Preparare la crema pasticcera. Mettere il latte a scaldare con la scorza del limone tagliata a fette. Sbattere con la frusta i tuorli con lo zucchero e la farina. Versarvi il latte caldo a filo e mescolare. Rimettere il tutto sul fuoco e lasciare cuocere, sempre mescolando, finché la crema si addenserà. Versare la crema ancora calda in una ciotola, togliere le scorze del limone e coprire con carta pellicola e lasciare raffreddare per almeno 4 ore. Aggiungere i 100 ml di panna montata alla crema. Dividere le zeppole a metà e riempirle di crema pasticcera, ricomporle e formare un ciuffetto di panna montata al centro. Completare con l’amarena e lo zucchero a velo.

RaVioLi FRiTTi DoLCi

I ravioli fritti dolci sono uno scrigno goloso che racchiude al suo interno un morbido ripieno. Già al primo assaggio la croccantezza dell’involucro cederà il posto ad una dolce crema di ricotta.

ravioli-fritti-dolci-dolcestefania

Per l’impasto:

  • 500 g di farina
  • 2 uova
  • 200 g di zucchero
  • 60 g di burro
  • 4 cucchiai di vino bianco
  • 6 cucchiai di latte
  • 1 bustina di vanillina
  • 500 ml di olio di semi di mais
  • zucchero a velo q.b

Per la crema alla ricotta:

  • 250 g di ricotta
  • 80 g di zucchero a velo
  • 4 gocce di aroma rum
  • gocce di cioccolato q.b

Schiacciare la ricotta con una forchetta e amalgamarvi lo zucchero a velo, l’aroma rum e le gocce di cioccolato. coprire con carta pellicola e mettere in frigorifero per un’oretta. Nel frattempo preparare l’impasto. Versare la farina in una ciotola e aggiungervi il burro fuso, lo zucchero, la vanillina, le uova, il vino e il latte. Impastare energicamente, formare una palla, avvolgerla nella pellicola e metterla in frigorifero per mezz’ora. Riprendere l’impasto e tirare la pasta con il mattarello fino ad uno spessore di circa  3 o 4 mm. Ricavare dalla pasta dei rettangoli, aiutandosi con una rotella dentellata tagliapasta. Si procede come se fossero dei veri e propri ravioli. Prendere un rettangolo di pasta e farcirlo con un cucchiaino di crema alla ricotta  e sigillare per bene. Friggere i ravioli in olio ben caldo. Scolarli su carta assorbente, farli raffreddare e cospargere di zucchero a velo.

CaSTaGNoLe

castagnole-dolcestefania

  • 470 g di farina
  • 2 uova
  • 120 g di zucchero
  • la scorza grattugiata di 1 limone
  • 1 bustina di lievito
  • 1 tazzina di latte
  • 50 g di burro
  • 1 bicchierino di vino bianco
  • 500 ml di olio di semi di arachidi
  • 1 pizzico di sale
  • zucchero a velo q.b

Setacciare in una ciotola la farina e aggiungere le uova, lo zucchero, la scorza del linone, il lievito, il pizzico di sale, il burro ammorbidito, il vino e il latte. Amalgamare tutti gli ingredienti e impastare per circa 10 minuti fino a ottenere un panetto morbido. Prelevare l’impasto poco alla volta e formare dei rotoli di circa  2 cm di diametro. Ritagliare ogni rotolo a pezzetti lunghi circa 2 cm e ricavare da ogni pezzetto delle palline, lavorando con le mani. Scaldare l’olio in una padella a bordi alti. Tuffarvi le palline poche alla volta e farle cuocere fino alla doratura. Scolarle su carta assorbente, farle intiepidire e spolverare di zucche a velo.

ToRTa PaLLoNe

Questa è la torta di compleanno che ho preparato per un grande tifoso di calcio della famiglia! Ovviamente lui… Super contento appena l’ha vista! 🙂

torta-pallone-dolcestefania

Per la base biscotto naturale:

  • 2 uova
  • 50 g di farina
  • 50 g di fecola di patate
  • 80 g di zucchero
  • 1 bustina di vanillina
  • ½ bustina di lievito
  • ½ bicchiere di latte

Per la base biscotto al cacao:

  • 3 uova
  • 5 cucchiai d zucchero
  • 3 cucchiai di farina
  • 2 cucchiai di cacao amaro
  • 50 g di burro
  • mezza bustina di lievito

Per la crema:

  • 3 tuorli
  • 3 cucchiai di zucchero
  • 3cucchiai di farina
  • 500 ml di latte
  • 1 bustina di vanillina
  • 200 ml di panna montata

Per la bagna:

  • 80 ml di latte

Per la base naturale.Montare i tuorli con 40 g di zucchero per almeno 10 minuti. Aggiungervi il latte, la vanillina e le farine miscelate insieme. Montare gli albumi a neve e aggiungere poi la metà dello zucchero rimanente e continuare a montare. Versare sull’impasto dei tuorli, mescolare dal basso verso l’alto e aggiungere il lievito. Miscelare e versare l’impasto cosi ottenuto nella teglia del forno ricoperta di carta forno. Infornare a 190 gradi per 10 minuti nel forno preriscaldato. Lasciare raffreddare.

per la base al cacao.Sbattere con il frullatore le uova e lo zucchero fino a renderli spumosi. Aggiungere poi il burro e continuare a sbattere. Versare la farina, il cacao e il lievito e sbattere il tutto fino a renderlo omogeneo. Versare sulla lastra del forno rivestita di carta da forno e cuocere in forno preriscaldato a 190 gradi per 10 minuti. Togliere dal forno e lasciare raffreddare.

Preparare la crema.Mettere il latte in una pentola e farlo scaldare. Sbattere i tuorli con zucchero, farina e vanillina. Versare a filo il latte caldo sui tuorli, mescolare e rimettere il tutto nella pentola. Cuocere a fiamma moderata fino a che la crema si sarà addensata e aggiungere la pasta di nocciole. Spegnere il fuoco e versare la crema in una ciotola. Coprire con carta pellicola e lasciare raffreddare completamente. A questo punto aggiungere la panna montata.

Stampare le sagome dell’esagono e del pentagono su un cartoncino spesso: devono avere 3,5 cm di lato. Rivestire un’insalatiera da 1,5 litri e 20 cm di diametro con la pellicola trasparente. Ritagliare un cerchio dello stesso diametro dell’insalatiera nella base al cacao e 6 pentagoni. Sulla base normale, ritagliare invece 10 esagoni. Conservate i ritagli. Cominciare posizionando un pentagono al cacao sul fondo dell’insalatiera, poi sistemare 5 esagoni. Continuare a formare il pallone alternandoli. Riempire gli spazi rimanenti con i ritagli. Spennellare l’interno della torta con il latte e versarvi la crema ormai fredda. Coprire con i ritagli rimasti e poi con la pellicola. Mettere a raffreddare in frigorifero per una notte. Capovolgere la torta pallone su un vassoio e decorare a piacere.

BiSCoTTi Di SaN VaLeNTiNo

I biscotti di San Valentino sono dei romantici dolcetti a forma di cuore ideali per stupire la dolce metà nel giorno più romantico dell’anno! ❤

biscotti-di-san-valentino-dolcestefania

  • 100 g di zucchero
  • 200 g di burro
  • 370 g di farina
  • 1 uovo
  • 1 pizzico di sale
  • 1 bustina di vanillina
  • marmellata q.b
  • nutella q.b

Lavorare il burro e lo zucchero in una ciotola fino a renderlo cremoso. Aggiungere poi il pizzico di sale, la vanillina, l’uovo e la farina e impastare il tutto con le mani fino a ottenere un panetto morbido e liscio. Avvolgerlo nella pellicola e metterlo in frigorifero per mezz’ora. Stendere la frolla su una spianatoia leggermente infarinata e con gli appositi stampini a forma di cuore ricavare i biscotti interi e forati. Disporre i biscotti su una teglia rivestita di carta forno e infornare in forno preriscaldato a 180 gradi per circa 15 minuti. Sfornare, lasciare raffreddare e spalmare la marmellata o la nutella sui biscotti senza buco. Sovrapporvi quelli col buco e schiacciare leggermente per farli aderire bene.

CHiaCCHieRe aLL’aNiCe

chiacchiere-allanice-dolcestefania

  • 250 g di farina “00” + q.b
  • 75 g di zucchero
  • la scorza grattugiata di 1 limone
  • 1 uovo
  • 30 g di burro
  • 20 g di liquore all’anice
  • 20 g di vino bianco
  • 1 pizzico di sale
  • 1/2 cucchiaino di lievito in polvere per dolci
  • 600 ml di olio di semi di arachidi
  • zucchero a velo q.b

Versare in una ciotola la farina e creare un buco al centro. Inserirvi l’uovo, il pizzico di sale, la scorza grattugiata del limone, il vino, il liquore, il burro a pezzi e il lievito e impastare il tutto con le mani. Trasferire l’impasto su una spianatoia e compattarlo con le mani sino ad ottenere un panetto omogeneo. Avvolgere l’impasto nella pellicola trasparente e far riposare a temperatura ambiente per 30 minuti. togliere l’impasto dalla pellicola trasparente e riporlo sulla spianatoia infarinata. Con un mattarello stendere l’impasto in una sfoglia molto sottile, 2mm circa, e con una rotella dentellata ritagliare diverse forme a piacere. Friggere le chiacchiere poche alla volta in olio caldo, scolarle su carta assorbente, far raffreddare  e cospargerle di zucchero a velo.

BoMBoLoNi FRiTTi

I nostrani bomboloni derivano dagli austriaci krapfen, conosciuti in Baviera fin dal Seicento. Nell’interpretazione italiana si possono farcire non solo con la tradizionale marmellata di albicocche ma anche con crema pasticcera, crema al cioccolato, alla nocciola ecc.. Io li considero prevalentemente una ricetta di Carnevale, dove tutto è golosamente fritto!

bomboloni-fritti-dolcestefania

  • 550 g di farina “00”
  • 180 g di latte
  • 40 g di zucchero
  • 20 g di burro
  • 2 uova
  • 1 cubetto di lievito di birra
  • 1 pizzico di sale
  • scorza grattugiata di 1 limone
  • marmellata di albicocche q.b
  • crema alla nocciola q.b
  • 600 ml di olio di semi di girasole
  • zucchero a velo q.b

Mettere in un pentolino  a scaldare sul fuoco il latte, il burro, lo zucchero e il lievito sbriciolato. Versare la farina con il pizzico di sale  in una ciotola e creare un buco al centro. Versarvi il latte con il lievito sciolto, la scorza grattugiata del limone e impastare il tutto, fino a ottenere un panetto morbido e liscio. Lasciare riposare l’impasto nella stessa ciotola coperto da un telo per circa 2 ore. Trascorse le due ore stendere la pasta con il mattarello dandole lo spessore di circa 1 cm. ritagliare tanti dischi del dm di 6 cm al centro dei quali si andrà a distribuire un cucchiaino di crema o di marmellata. Bagnare leggermente i bordi con un pochino di acqua, coprire con il secondo disco e premere per unire i due dischi. Una volta formati i bomboloni, lasciarli lievitare per altri 30 minuti coperti da un canovaccio. Friggerli poi in olio caldo e ancora tiepidi spolverizzare con lo zucchero a velo.

bomboloni-lievitati-dolcestefania

 

DuLCe De LeCHe

Il dulce de leche è un dessert a base di latte, tipico delle cucina sud americana, spagnola e portoghese. Letteralmente dolce di latte, è una crema a base di latte e zucchero che si ottiene facendo cuocere questi due ingredienti fino a caramellizzarli. In questo modo si ottiene un dolce dal sapore molto simile a quello delle caramelle mou. Il mio metodo furbo per realizzarlo è quello di usare il latte condensato!

dulce-de-leche-dolcestefania

  • 1 barattolo di latte condensato

Disporre il barattolo di latte condensato sigillato in una pentola piena d’acqua fino a coprirlo. Metterlo sul fuoco a fiamma moderata e lasciarlo bollire per circa 2 ore e 20 minuti. (Se durante la bollitura l’acqua dovesse asciugarsi eccessivamente, aggiungerla). Con l’aiuto di un mestolo scolarlo dall’acqua calda e passarlo per qualche secondo sotto l’acqua corrente. Lasciarlo raffreddare, aprirlo e versarlo in una ciotola o in un vasetto.

 

CaLZoNi NaPoLeTaNi

Sono semplicemente una bomba!! Troppo buoni!

calzoni-napoletani-dolcestefania

  • 700 g di farina “00”
  • 300 g di farina di grano duro
  • 1 cubetto di lievito di birra
  • 500 ml di acqua tiepida
  • Sale q.b
  • 200 g di provola
  • 300 g di salame
  • pepe nero q.b
  • 600 g di ricotta
  • 1 l di olio di semi di mais

Disporre le farine e il sale, miscelati tra loro, a fontana su una spianatoia e sbriciolarvi il lievito di birra al centro. Versarvi l’acqua tiepida e iniziare a impastare fino a ottenere un impasto morbido e liscio. Dividerlo in circa 12 palline e lasciarle lievitare sulla spianatoia infarinata per circa 2 ore. Nel frattempo inserire nel boccale del mixer il salame tagliato a pezzi e tritarlo grossolanamente, poi aggiungervi la ricotta e il pepe nero e tritare per qualche altro secondo. Versare il tutto in una ciotola e aggiungervi la provola tagliata a cubetti. A questo punto appiattire le palline di impasto e farcirle nel centro con una cucchiaiata di ripieno. Chiuderle a mezzaluna, sigillare per bene i bordi con le dita, ripiegarli verso l’alto e passare con i rebbi di una forchetta. Friggere i calzoni pochi alla volta in olio di semi caldo. Farli dorare da ambo i lati e scolarli su carta assorbente.

CiaMBeLLa CHaRLoTTe

La ricetta di questa charlotte è sempre la stessa che ho già pubblicato sul blog.. Ma ho cambiato la forma! Questa volta l’ho fatta a ciambella e devo dire che non è niente male! Molto bella da presentare..  🙂

ciambella-charlotte-dolcestefania

  • ½ pacco di biscotti savoiardi
  • 500 ml di panna
  • 2 uova
  • 4 cucchiai di zucchero
  • 1 pizzico di sale
  • 250 g di mascarpone
  • Qualche goccia di aroma rum
  • Caffè q.b.
  • Cacao amaro o zucchero a velo q.b.
  • 1 bustina di pannafix

Sbattere i tuorli con lo zucchero e montare gli albumi a neve con il pizzico di sale. Incorporare ai tuorli il mascarpone e continuare a sbattere. Aggiungere poi gli albumi montati a neve. Montare la panna ben refrigerata e a metà dell’operazione aggiungere la bustina di pannafix. Amalgamare la panna montata al composto di uova e mascarpone e aromatizzare con la fialetta al rum. Foderare uno stampo a ciambella con carta pellicola. Inzuppare i savoiardi nel caffè e disporli intorno allo stampo e sul fondo. Versarvi la crema preparata e coprire il tutto con i rimanenti pavesini inzuppati nel caffè. Coprire il tutto con carta pellicola e mettere in freezer per almeno 12 ore. Al momento di servire lasciare scongelare la charlotte per almeno 1 ora, capovolgerla su un piatto da portata e cospargere con zucchero a velo o cacao amaro.

TRoNCHeTTo PaNNa e FRaGoLe

Il rotolo panna e fragole è un dolce che annuncia la primavera.. Ma io lo preparo sempre durante le feste natalizie ed è per questo che l’ho intitolato tronchetto!! Comunque sia è un dolce fresco, goloso e semplice.. E non c’è storia.. Panna e fragole sono un’unione perfetta, sia d’estate che d’inverno!

tronchetto-panna-e-fragole-dolcestefania

Per la pasta biscotto:

  • 2 uova
  • 50 g di farina
  • 50 g di fecola di patate
  • 80 g di zucchero
  • 1 bustina di vanillina
  • ½ bustina di lievito
  • ½ bicchiere di latte

Per la farcia:

  • 500 ml di panna
  • 500 g di fragole
  • il succo di 1 limone spremuto
  • 4 cucchiai di zucchero

Montare i tuorli con 40 g di zucchero per almeno 10 minuti. Aggiungervi il latte, la vanillina e le farine miscelate insieme. Montare gli albumi a neve e aggiungere poi la metà dello zucchero rimanente e continuare a montare. Versare sull’impasto dei tuorli, mescolare dal basso verso l’alto e aggiungere il lievito. Miscelare e versare l’impasto cosi ottenuto nella teglia del forno ricoperta di carta forno. Infornare a 190 gradi per 10 minuti nel forno preriscaldato. Rovesciare poi ancora caldo su un telo cosparso di qualche cucchiaio di zucchero semolato, eliminare la carta forno e arrotolarlo su se stesso. Lasciare raffreddare. Nel frattempo lavare le fragole e  tagliarle a pezzettini. irrorarle col succo di limone e cospargerle con lo zucchero e e mescolarle per bene. Montare la panna, metterne da parte metà per la decorazione, e mescolarvi i pezzetti di fragole sgocciolate dallo sciroppo che si è creato. Srotolare il rotolo ormai freddo, bagnarlo con un po’ dello sciroppo delle fragole. Versarvi la panna miscelata con le fragole e arrotolare su se stesso. Disporlo su un vassoio e decorarlo a piacere con la panna montata.

CaRPaCCio Di PoLPo

Il carpaccio di polpo é una preparazione molto raffinata da servire come antipasto o secondo. La preparazione è un pò elaborata ma non difficilissima. Io da quando l’ho provato lo rifaccio tradizionalmente ogni anno alla cena della vigilia di Natale o per qualche occasione importante.

carpaccio-di-polpo-dolcestefania

  • 1 polpo da 2 kg
  • 5 grani di pepe nero
  • sale
  • 1 tazza di vino bianco
  • 1/2 bicchiere di olio evo
  • il succo di 1 limone
  • prezzemolo
  • 3 foglie di alloro

Prendete il polpo e con un coltello affilato fare un’incisione lungo la sacca e asportare gli occhi e il rostro e svuotare anche l’interno della sacca. Lavare per bene il polpo per eliminare ogni residuo di terra. Riempire di acqua per ¾ una pentola capiente, aggiungere le foglie di alloro,  i grani di pepe e il sale. Portare ad ebollizione il tutto, poi calare ed estrarre per 4-5 volte le punte dei tentacoli del polpo nel liquido bollente, in modo che si arriccino. Immergere quindi completamente il polpo nel liquido bollente e lasciarlo cuocere per circa 2 ore. Il polpo dovrà risultare cotto ma ancora sodo, quindi verificarne la cottura affondando una forchetta nelle carni. Quando il polpo sarà cotto, estrarlo dal liquido di cottura, scolarlo, tagliarlo in 4-5 pezzi. Preparare poi la bottiglia di plastica con la quale dare forma cilindrica alle carni del polpo: tagliare la sommità e inserire all’interno il polpo in modo armonioso, poiché una volta pressati formeranno un disegno sulla fetta. Quindi bucherellare il fondo con una forbice appuntita (operazione che servirà per fare fuoriuscire il liquido in eccesso mentre si presserà il polpo) e introdurlo nella bottiglia poggiata sopra ad un piatto. Aiutandosi con un pestello o un batticarne di dimensioni leggermente più piccole di quella della bottiglia di plastica, pressare le carni del polpo spingendole verso il basso. Dai buchi presenti sul fondo della bottiglia, fuoriuscirà parecchio liquido di cottura. Con le forbici tagliare le estremità della bottiglia per formare delle linguette e richiuderle su se stesse verso il centro della bottiglia. Avvolgere la bottiglia con il polpo con carta pellicola ben stretta e porci un altro peso sopra. Così pressato, porre il polpo nella parte più fredda del frigorifero per almeno 24 ore, dopodiché, al momento di servirlo, tagliare la bottiglia di plastica, estrarre il polpo in un unico blocco cilindrico ed affettarlo finemente con un coltello o, meglio ancora, con una affettatrice. Quindi preparare la citronette che servirà per insaporire il polpo, emulsionando succo di limone e olio evo.  Disporre le fette di polpo su di un piatto da portata, cospargerle con del prezzemolo tritato e condire con la citronette.

GaMBeRoNi iN PaDeLLa

Questa è una ricetta della mia mamma.. A casa mia i gamberoni si mangiano sempre e solo così, e in particolar modo alla cena della vigilia di Natale. Vi assicuro che sono spettacolari!

gamberoni-dolcestefania

  • 2 kg di gamberoni L2
  • olio evo
  • sale
  • 1 peperone verde
  • 1 tazzina di vino bianco
  • pepe nero
  • prezzemolo
  • 1 spicchio d’aglio

Lavare i gamberoni e togliere i filamenti. Disporli in una larga padella con olio evo, sale, pepe nero, uno spicchio d’aglio, il peperone verde tagliato in 4 pezzi e il prezzemolo. Iniziare a cuocerli a fiamma moderata e sfumare col vino bianco. Lasciare evaporare e coprire con il coperchio. Lasciare cuocere e girarli di tanto in tanto. Lasciarli cuocere fino a che si saranno ben dorati esternamente e il lliquido sarà evaporato. Servire ben caldi.

Voci precedenti più vecchie

LE RECENSIONI DI ROMINA

LEGGERE FA BENE ALL'ANIMA

NOI FACCIAMO TUTTO IN CASA

Alla riscoperta dei gusti di una volta....

ALESSANDRA CHOGAN

Oltre a Vender prodotti per la salute della persona, per la cura, l'igiene, la bellezza, la salute, ecc... sono prodotti vegetali! Inoltre adoro dipingere e creare bigiotteria fatta a mano! lasciate un messaggio privato

capelli che passione

La bellezza è come una ricca gemma, per la quale la migliore montatura è la più semplice. Francesco Bacone

zah74 ArteLiberOpinione

Querer es poder!

Giusy in cucina

Tante Ricette - tanto buon cibo - tante curiosità e informazioni

sweetalisea

•AMARE VUOL DIRE CHE CI ANDAVA PIU' ZUCCHERO•

Vivere in Forma

Per vivere una vita sana dobbiamo imparare ad amare noi stessi!

La Pentolina Rosa

Scatti in Cucina con Ricetta

le due cucine

I buoni sapori di una volta

NON METTERMI PRESSIONE

Cosmesi senza trucchi!

Il sabato mattina

...storia di un libro che verrà!

ChocolateSpoonAndTheCamera

A clumsy newbie in the kitchen