PaSTa PaTaTe e PRoVoLa

Questo primo piatto è tipico della cucina napoletana. Anche chiamata pasta e patate azzeccata, è molto molto buona, ricca di sapori e profumi…

pasta patate e provola dolcestefania

  • 170 g di pasta mista
  • 500 g di patate
  • 50 g di guanciale
  • mezza cipolla
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano
  • 5 cucchiai di olio evo
  • 1 crosta di parmigiano reggiano
  • 100 g di salsa di pomodoro
  • 100 g di provola affumicata
  • sale

Lavare, mondare e tagliare a pezzetti sedano, carota e cipolla. Metterli in una casseruola con l’olio evo e fare soffriggere a fiamma bassa. Sbucciare le patate, lavarle e tagliarle a cubetti. Aggiungerle nella casseruola con le verdure. Lasciare  rosolare per un minuto per farle insaporire, poi aggiungere la salsa di pomodoro, il sale e qualche bicchiere d’acqua fino a coprire le patate. Lasciare cuocere per circa mezz’ora o 40 minuti.  A questo punto aggiungere la crosta di parmigiano precedentemente grattata. Ora aggiungere anche la pasta mista. Se necessario aggiungere un altro bicchiere d’acqua. La pasta deve cuocere a fuoco medio e senza coperchio. Deve casciugarsi e impregnarsi della cremositĂ  delle patate. La pasta e patate è pronta quando è cotta al dente e la consistenza è cremosa ma non eccessivamente. Spegnere il fuoco e versarvi la provola affumicata a cubetti. Girare per bene fino a farla sciogliere ed amalgamare.

PaSTa CoN i BRoCCoLi

pasta con i broccoli dolcestefania

  • 500 g di broccoli
  • 350 g di spaghetti
  • 4 filetti di acciughe sott’olio
  • 1 spicchio d’aglio
  • 6 cucchiai di olio evo
  • peperoncino q.b

Lavare e pulire bene i broccoli e tagliarli a pezzi. Fare bollire una pentola di acqua leggermente salata e mettere a cuocere i broccoli per 8-10 minuti. Aggiungervi gli spaghetti e cuocere come indicato sulla confezione. Scaldare l’olio aromatizzato all’aglio e mettere i filetti di acciughe facendoli sciogliere a fiamma media. Quando la pasta sarà cotta ma ancora al dente, scolarla  e rimetterla nella pentola con i broccoli e con il soffritto. Saltare la pasta per qualche minuto e aggiungere il peperoncino.

GNoCCHi Di ZuCCa

gnocchi di zucca dolcestefania

  • 900 g di zucca mantovana
  • 450 g di farina
  • 130 g di burro
  • salvia q.b

Per prima cosa, pulire e tagliare la zucca rimuovendo semi e filamenti interni. Ridurre la zucca a fette, disporla su una leccarda foderata con carta forno. Farlea cuocere in forno statico preriscaldato a 200° per 15-20 minuti, coprendole con un foglio di alluminio. Schiacciare la zucca ancora calda nello schiacciapatate e metterla in uno scolapasta. Lasciarla raffreddare. A questo punto preparare gli gnocchi. Aggiungere alla purea di zucca la farina poca per volta, iniziando a impastare con le mani. Trasferire il tutto su una spianatoia e lavorare bene l’impasto fino a ottenere un panetto morbido e sodo. Dividerlo in 10 parti, formando con ciascuna un lungo cilindro dello spessore di 3 cm circa. Con la lama infarinata di un coltello tagliare ciascun cilindro in pezzetti di 2 cm circa. Cospargere con abbondante farina e premere con il pollice ciascun pezzetto sui rebbi infarinati di una forchetta o sul crivu per gnocchi. Ripetere l’operazione fino all’esaurimento dell’impasto. Cuocere gli gnocchi in abbondante acqua bollente salata e, appena tornano a galla scolarli con un mestolo forato e mantecarli nel burro fuso e la salvia.

TiMBaLLo Di aNeLLeTTi aLLa SiCiLiaNa

Il timballo di anelletti alla siciliana  è uno dei tipici primi piatti della Sicilia. E’ il classico cibo dei pranzi domenicali, perfetto anche da portare in una gita fuori porta. Per preparare questa piatto  si utilizza un formato di pasta particolare: gli Anelletti,  piccola pasta tonda a forma di anello. E’ un timballo ricco e gustoso,  racchiuso in un guscio di fette di melanzane fritte.

timballo di anelletti alla siciliana dolcestefania

timballo di anelletti alla siciliana dolcestefania.

  • 400 g carne macinata
  • Olio evo q.b
  • Olio di semi di arachide q,b
  • 1 Cipolla
  • 1 carota
  • 1 foglia Alloro
  • 1 l Passata di pomodoro
  • 200 g Piselli
  • 150 g Scamorza (provola) (o caciocavallo)
  • 100 g Prosciutto cotto
  • 5 Melanzane (ovali)
  • Sale q b
  • 1 cucchiaio Parmigiano reggiano grattugiato
  • 500 g Anelli Siciliani

In una pentola versare un filo d’olio d’oliva e in questo fare soffriggere la cipolla e la carota tritata. Dopo unire la carne macinata e fare cuocere a fiamma moderata per qualche minuto. Successivamente unire i piselli, la passata di pomodoro e l’alloro. Salare e pepare e continuate la cottura per circa 60 minuti. ( Se serve unire un po’ di acqua). Tagliare le melanzane a fette sottili, nel senso della lunghezza e metterle sotto sale per 20 minuti. In questo modo perderanno l’acqua amara di vegetazione. Dopo, strizzare le fette e friggerle in olio di arachide caldo. Fare scolare su carta assorbente. Mentre le melanzane cuociono, mettere a bollire l’acqua per la cottura della pasta e lessarla per il tempo indicato sulla confezione. Dopo scolarla e condirla con una parte del ragu’ preparato. Oleare una tortiera per bene e rivestire ogni parte dello stampo con le fette di melanzana fritta. Fare uscire parte di ogni fetta fuori dallo stampo. Riempire lo stampo con un po’ degli anelletti. Con l’aiuto di un cucchiaio formare un leggero incavo nello strato di pasta e riempirlo con del ragu’, le fette di scamorza e il prosciutto cotto a pezzi. Richiudere il ripieno con la rimanente pasta condita. Adesso girare le fette di melanzana, richiudendo il ripieno del vostro Timballo di Anelletti alla Siciliana. Cospargere la superficie con del pangrattato e poco formaggio grattugiato. Trasferire lo stampo in forno caldo a 190° per circa 25 minuti. Dopo la cottura,  sfornare il Timballo di Anelletti alla Siciliana  e farlo intiepidire, qualche minuto, a temperatura ambiente. Dopo, capovolgerlo su un piatto da portata e togliere, delicatamente, lo stampo di alluminio.

oReCCHieTTe TRiCoLoRe CoN SaLSiCCia e CiMe Di RaPa

orecchiette tricolori con salsiccia e cime di rapa dolcestefania

  • 500 g di orecchiette tricolore
  • 500 g di cime di rapa
  • 1 spicchio d’aglio
  • olio evo
  • 2 salsicce bianche
  • sale

Privare le salsicce del loro budello, sgranarle e metterle in una padella insieme all’olio evo e ad uno spicchio d’aglio e lasciare soffriggere. dovrĂ  diventare leggermente croccante. Nel frattempo lessare in abbondante acqua salata le orecchiette. Dopo qualche minuto gettare insieme alle orecchiette le cime di rapa (che sono piĂš rapide in cottura). Scolare le orecchiette e versarvi la salsiccia soffritta con tutto l’olio e senza lo spicchio d’aglio. Mescolare per fare amalgamare i sapori e servire calda.

CoNCHiGLioNi RiPieNi CoN RiCoTTa e SPiNaCi

Questa per me è una ricetta da preparare in occasione di un pranzo domenicale o per fare una bella figura se si hanno degli ospiti! Si tratta di una preparazione un pò elaborata ma vi assicuro che ne vale la pena.. 😀

conchiglioni ripieni con spinaci e ricotta dolcestefania

  • 1 confezione di conchiglioni (500 g)
  • 1 l di salsa di pomodoro
  • ½ cipolla rossa
  • 4 foglie di basilico
  • Olio evo
  • sale
  • 500 g di besciamella
  • 50 g di parmigiano grattugiato per cospargere

Per il ripieno:

  • 500 g di ricotta
  • 1 kg di spinaci lessati e strizzati
  • 1 pizzico di noce moscata
  • 1 pizzico di pepe nero
  • 100 g di parmigiano grattugiato
  • Sale q.b.
  • 1 uovo

Preparare il sugo facendo soffriggere la cipolla in olio evo. Poi aggiungere la salsa, il sale e il basilico. Lasciare cuocere a fuoco medio per circa 30 minuti. a questo punto sciogliervi tutta la besciamella. Per il ripieno mescolare gli spinaci raffreddati, strizzati e sminuzzati con la ricotta, l’uovo, la noce moscata, il parmigiano grattugiato, il sale e il pepe nero. Amalgamare il tutto con una forchetta e lasciare in frigorifero per mezz’ora. Lessare i conchiglioni in acqua bollente salata per circa 10 minuti (devono cuocere metĂ  del tempo di cottura indicato sulla confezione), scolarli e passarli sotto l’acqua fredda per bloccarne la cottura.Riempire i conchiglioni con il ripieno di ricotta e spinaci. Disporli in una teglia uno accanto all’altro, coprire completamente di sugo e spolverare con il parmigiano grattugiato. Infornare a 200 gradi per circa 30 minuti o comunque fino a che il sugo si sarĂ  asciugato e il formaggio avrĂ  creato una leggera crosticina in superficie.

 

LaSaGNe aLLa ZuCCa

Queste lasagne le ho preparate per la prima volta insieme a mia cugina Angela durante le feste natalizie.. Devo dire che sono squisite, delicate, aromatiche.. Un sapore davvero eccezionale!

lasagne alla zucca dolcestefania

  • 250 g di lasagne
  • 700 g di zucca
  • 300 g di scamorza
  • 400 g di besciamella
  • 200 g di speck a fette
  • olio evo
  • sale
  • pepe nero
  • 1/2 cipolla bianca
  • 5 cucchiai di parmigiano grattugiato

Sbucciare la zucca, lavarla e tagliarla a cubetti. Mondare, lavare e tagliare finemente la cipolla e disporla in una pentola con dell’olio evo. Farla rosolare per un minuto e aggiungervi i cubetti di zucca. Aggiungere un bicchiere d’acqua, aggiustare di sale e di pepe e coprire con un coperchio. Lasciare cuocere a fiamma bassa per circa 40 minuti girando ogni tanto. La zucca dovrĂ  essere cotta al punto che girandola diventa una crema. A questo punto assemblare le lasagne. Ricoprire una teglia da forno con un velo di besciamella, posizionate poi il primo strato di lasagne accavallandole un pò le une alle altre, versarvi la crema di zucca, un altro pò di besciamella, delle fettine di speck e la scamorza tagliata a cubetti. Ricoprire con un altro strato di lasagna, ancora zucca, besciamella, speck e scamorza. Proseguire cosi fino a esaurimento degli ingredienti. Finire con l’ultimo strato di sfoglia, ricoprire con abbondante besciamella e spolverizzare il tutto con il parmigiano grattugiato. Infornare le lasagne alla zucca a 180° e cuocere per 30 minuti.

SPaGHeTTi aLLa CHiTaRRa

Di origine abruzzese, questa pasta è realizzata ancora oggi a mano con un antico attrezzo che ricorda lo strumento musicale. La chitarra è costituita da un’intelaiatura di legno sulla quale sono inseriti alcuni fili d’acciaio tesi che la fanno assomigliare all’omonimo strumento musicale. È proprio premendo la pasta contro questa intelaiatura che si ottengono grossi spaghetti, porosi e di sezione quadrata.

spaghetti alla chitarra dolcestefania

  • 400 g di farina di grano duro
  • 4 uova

Setacciare la farina sul piano di lavoro, creando la classica forma a fontana nella quale andranno inserite le uova rotte. Sbattere le uova con una forchetta, raccogliere la farina e iniziare ad impastare fino a quando si otterrĂ  un composto liscio ed omogeneo. PiĂš a lungo l’impasto sarĂ  lavorato, piĂš la pasta sarĂ  di buona qualitĂ  e resisterĂ  alla cottura. Avvolgerlo in una pellicola trasparente e farlo riposare per circa mezz’ora in un luogo fresco e asciutto. Passato questo tempo è giunto il momento di stendere la pasta con l’aiuto di un mattarello finchĂŠ si otterrĂ  una sfoglia di circa 5 mm di spessore. Procedere dunque ad ottenere la forma di questi spaghetti utilizzando la macchina tradizionale chiamata “chitarra”.

SPaGHeTTi aLLa CaRBoNaRa a MoDo Mio

Spaghetti alla carbonara a modo mio dolcestefania

  • 350 g di spaghetti
  • 200 g di guanciale
  • 3 uova
  • olio evo
  • pepe nero
  • 1 cucchiaio di aceto di vino bianco

Tagliare il guanciale  a pezzetti e soffriggerlo con dell’olio evo. Sfumare con l’aceto di vino e lasciare soffriggere fino a che il guanciale inizia a dorarsi. Rompere le uova in una ciotola, salarle e peparle, e sbatterle con una forchetta. Cuocere gli spaghetti in acqua bollente salata. Scolarli e rimetterli nella pentola, versarvi il guanciale soffritto e le uova sbattute e mescolare a fiamma bassa per circa 2 minuti o comunque fino a che l’uovo inizierĂ  a stracciarsi. Servire subito.

CaNNeLLoNi CoN SPiNaCi e RiCoTTa

Classico primo piatto della domenica al Sud!! 

cannelloni con ricotta e spinaci dolcestefania

  • 1 confezione di cannelloni
  • 2 l di salsa di pomodoro
  • ½ cipolla rossa
  • 5 foglie di basilico
  • Olio evo
  • sale
  • 500 g di besciamella
  • 50 g di parmigiano grattugiato per cospargere

Per il ripieno:

  • 700 g di ricotta
  • 1 kg di spinaci lessati e strizzati
  • 1 pizzico di noce moscata
  • 1 pizzico di pepe nero
  • 100 g di parmigiano grattugiato
  • Sale q.b.
  • 1 tuorlo

Preparare il sugo facendo soffriggere la cipolla in olio evo. Poi aggiungere la salsa, il sale e il basilico. Lasciare cuocere a fuoco medio per circa 30 minuti. a questo punto sciogliervi circa 200 ml di besciamella. Per il ripieno mescolare gli spinaci raffreddati, strizzati e sminuzzati con la ricotta, il tuorlo, la noce moscata, il parmigiano grattugiato, il sale e il pepe nero. Amalgamare il tutto con una forchetta e lasciare in frigorifero per 1 ora. Riempire i cannelloni con le mani o con l’aiuto di un cucchiaino. Disporli in una teglia uno accanto all’altro, coprire completamente di sugo, versarvi la besciamella rimasta in superficie e completare con il parmigiano grattugiato. Infornare a 200 gradi per circa 30 minuti o comunque fino a che il sugo si sarĂ  asciugato e il formaggio avrĂ  creato una leggera crosticina in superficie.

TaGLiaTeLLe CoN PoRCiNi e SaLSiCCia

Questo è un primo piatto che racchiude tutto il sapore della Calabria! I funghi porcini della Sila e la salsiccia, che è una preparazione tipica di questa regione, sono il condimento ideale per preparare un primo piatto favoloso!

tagliatelle con porcini e salsiccia dolcestefania

Per le tagliatelle:

  • 100 g di farina “00”
  • 450 g di farina “di grano duro rimacinata”
  • 370 ml di acqua

Per il condimento:

  • 350 g di funghi porcini
  • 2 salsicce fresche
  • olio evo q.b
  • sale
  • pepe nero
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1/2 cipolla
  • prezzemolo
  • 200 ml di passata di pomodoro

Mescolare su una spianatoia le due farine e creare un buco al centro. Versare l’acqua e iniziare a impastare con le mani. Bisogna ottenere un impasto liscio e sodo. Lasciare riposare la pasta per 10 minuti coperta da un canovaccio. A questo punto bisogna stendere la pasta; si può fare con la Nonna Papera, ovvero la macchinetta con la manovella, ed è la soluzione piĂš facile, oppure usare il matterello, un pò piĂš difficile. Allargare le tagliatelle su una spianatoia cosparsa di abbondante farina, ed allargarle bene. Nel frattempo preparare il condimento.  Pulire i funghi porcini e tagliarli a cubetti o fettine. Metterli in una padella con dell’olio evo, la cipolla tagliata finemente, lo spicchio d’aglio  e fare soffriggere il tutto. Aggiungere un bicchiere d’acqua, il sale, il pepe nero e cuocere per circa 15 minuti a fiamma moderata. Togliere l’aglio e aggiungere la salsa di pomodoro e la salsiccia sbriciolata e privata del budello. Lasciare cuocere per altri 10-15 minuti circa fino a che il sugo sarĂ  ristretto. Cuocere le tagliatelle per qualche minuto in acqua bollente salata, scolarle e amalgamarle al condimento. Completare con il prezzemolo tritato e servire le tagliatelle ben calde.

FaRFaLLe aL SaLMoNe

farfalle al salmone dolcestefania

  • 500 g di farfalle
  • 250 g di salmone affumicato
  • 1/2 cipolla
  • olio evo
  • 500 ml di salsa di pomodoro
  • sale
  • 125 ml di panna al salmone
  • prezzemolo

Tagliare finemente la cipolla e metterla in una padella con dell’olio evo. Farla soffriggere per qualche minuto e aggiungere il salmone affumicato tagliato a pezzetti. Lasciare soffriggere per qualche altro minuto e aggiungere la salsa di pomodoro. Lasciare cuocere a fiamma moderata per circa 10 minuti mescolando di tanto in tanto. Aggiungere la panna al salmone e fare amalgamare il tutto sul fuoco per 1 minuto. (Io evito di salare il sugo perchè il salmone affumicato è giĂ  di per se abbastanza sapido). Cuocere la pasta in abbondante acqua salata, scolarla e versarla nel sugo. Spegnere il fuoco e amalgamare la pasta al condimento. A piacere spolverare con prezzemolo tritato.

LiNGuiNe aLLo SCoGLio

Un classico primo piatto che racchiude tutto il sapore del mar Mediterraneo! A casa mia è tradizione prepararla alla cena della vigilia di Natale.. Questa è stata fotografata direttamente nella stessa pentola di cottura prima di servirla ai miei ospiti!

linguine-allo-scoglio-dolcestefania

  • 1 kg di linguine
  • 1 kg di vongole veraci
  • 1/2 kg di cozze
  • 1 kg di misto scoglio fresco
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • sale
  • pepe nero
  • prezzemolo q.b
  • 1 peperone verde
  • 300 ml di salsa di pomodoro
  • 10 pomodorini pachino
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1/2 cipolla bianca
  • olio evo

Pulire le cozze sotto l’acqua corrente ed eliminare tutti i filamenti esterni. Versarle all’interno di una pentola coprire con un coperchio e lasciarle aprire a fiamma vivace. Mettere le vongole in ammollo  con mezzo bicchiere di sale per circa 2 ore. Poi sciacquarle sotto l’acqua corrente e rimetterle in ammollo con sola acqua per altre 3 ore cambiando l’acqua per un paio di volte. Tagliare la cipolla e il peperone verde molto finemente e metterla in un largo tegame con lo spicchio d’aglio e abbondante olio evo. Lasciare soffriggere per qualche minuto, togliere l’aglio e aggiungere il misto scoglio, le vongole e le cozze. Lasciare cuocere per qualche minuto e sfumare col vino bianco. Una volta evaporato il vino coprire col coperchio e lasciare cuocere. A questo punto quando i pesci saranno ben teneri aggiungere la salsa di pomodoro, i pomodorini tagliati a metĂ , il sale e il pepe. Continuare la cottura fino a ottenere un bel sughetto cremoso. Cuocere le linguine in abbondante acqua bollente salata, scolarla sal dente e versarla nel tegame dove c’ĂŠ il sugo dei pesci. Mantecare per bene, spolverare con il prezzemolo tritato  e servire ben calda.

CeLLeNTaNi CoN GoRGoNZoLa e SPeCK CRoCCaNTe

cellentani-con-gogonzola-e-speck-croccante-dolcestefania

  • 300 g di cellentani
  • 150 g di gorgonzola
  • 80 g di speck
  • 1 tazzina di latte
  • parmigiano grattugiato q.b
  • sale
  • olio evo q.b

Cuocere la pasta in acqua bollente salata secondo il tempo indicato sulla confezione. Nel frattempo mettere il gorgonzola tagliato a pezzi in una padella insieme al latte e farlo sciogliere a fuoco lento. Tagliare lo speck a pezzettini e versarlo in una padella calda con un filo d’olio e farlo tostare per qualche minuto a fiamma moderata. scolare i cellentani al dente e versarli nella padella con il condimento. Saltare energicamente e servire ben calda con lo speck croccante e il parmigiano grattugiato.

 

LaSaGNe VeGeTaRiaNe

lasagne-vegetariane-dolcestefania

  • 1 confezione di lasagne
  • 150 g di parmigiano grattugiato
  • 1 l di besciamella
  • 2 melanzane nere
  • 200 g di scamorza a cubetti
  • 4 zucchine
  • 1 peperone verde
  • mezza cipolla bianca
  • 5 foglie di basilico
  • olio evo
  • sale
  • pepe nero

Lavare tutte le verdure e mondare le estremitĂ . Tagliarle a cubetti e versarle in una padella con l’olio evo, il basilico, il sale e il pepe nero. Iniziare a cuocerle saltandole spesso.Cuocerle fino a che saranno ben dorate e croccanti. Lasciarle raffreddare. sporcare il fondo di una teglia con della besciamella e adagiare un primo strato di lasagne. Coprire con altra besciamella, un terzo delle verdure saltate, metĂ  della scamorza a cubetti e qualche cucchiaio di parmigiano grattugiato. Coprire con un altro strato di lasagne e ripetere l’operazione. Completare con uno strato di lasagne, la besciamella rimasta, le verdure e il parmigiano grattugiato rimasti. Infornare a 240 gradi nella parte media del forno, per circa 35 minuti. Lasciare fuori dal forno per circa 15 minuti e servire.

lasagne-vegetariane-dolcestefania-2

LaSaGNe CoN PoLPeTTiNe

Questo è il primo piatto che dalle mie parti si chiama tradizionalmente “pasta china”. Si tratta di lasagne condite con un classico sugo e farcite di polpettine, salame calabrese uova sode e provola! Una ricetta della cucina tradizionale calabrese!

lasagne con polpettine dolcestefania

Per le polpettine:

  • 200 g di carne macinata di vitello
  • 400 g di pane raffermo
  • 5 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • 2 uova
  • sale
  • pepe nero
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 4 foglie di basilico
  • 1/2 spicchio d’aglio
  • 500 ml di olio di semi di mais

Per il condimento:

  • 1 confezione di lasagne all’uovo
  • 2 l di salsa di pomodoro
  • 1/2 cipolla rossa
  • 4 foglie di basilico
  • olio evo
  • sale

Per il ripieno:

  • 3 uova sode
  • 200 g di parmigiano
  • 400 g di provola a cubetti
  • 300 g di salame a cubetti

Mettere il pane raffermo in una ciotola piena d’acqua e lasciarlo in ammollo per circa mezz’oretta. Strizzarlo bene bene con le mani e sbriciolarlo in una ciotola. Aggiungervi le uova, il pepe nero, il sale, il parmigiano grattugiato, la carne macinata, l’aglio tritato e il prezzemolo e basilico tritati. Impastare il tutto con le mai fino a ottenere un composto omogeneo. Con l’impasto ottenuto ricavare tante polpettine piccole e friggerle in olio di semi di mais ben caldo. Scolarle su carta assorbente e tenerle da parte. Sbucciare, lavare e tagliare la cipolla molto finemente. Versarla in una pentola con dell’olio evo e farla soffriggere per qualche minuto a fuoco lento. A questo punto versarvi la salsa di pomodoro, il sale e il basilico. Coprire col coperchio e lasciare cuocere per circa 1 ora e 30 minuti a fuoco lento, fino a che il sugo sarĂ  ben cotto.  Nel frattempo tagliare a cubetti la provola, le uova sode e il salame. Sporcare il fondo di una teglia rettangolare di 20cmx 40cm con qualche mestolo di sugo e disporre un primo strato di sfoglie di lasagne. Coprire con altro sugo, con qualche cucchiaio di parmigiano grattugiato e con parte del ripieno e delle polpettine fritte. Coprire con un altro strato di lasagne, altro sugo, altro parmigiano, altro ripieno e altre polpettine fritte. Ripetere di nuovo questa operazione e completare con uno strato di lasagne e il sugo rimasto. Cospargere con il parmigiano grattugiato rimasto e infornare a 200 gradi per circa 30-40 minuti. Dopo i primi 20 minuti coprire in superficie con della carta stagnola per evitare che si secchi la superficie. Togliere le lasagne dal forno e lasciare riposare per circa 15 minuti. A questo punto servire.

PaSTa aLLa NoRMa

La pasta alla Norma è un piatto di origine siciliana, in particolare è una specialità catanese  che racchiude tutti i profumi mediterranei in un solo piatto!

pasta alla norma dolcestefania

  • 500 g di rigatoni
  • 1 l di salsa di pomodori
  • 2 grosse melanzane
  • 200 g di ricotta salata
  • sale
  • basilico
  • olio evo
  • 600 ml di olio di semi di mais
  • 1/2 cipolla

Lavare le melanzane, spuntarle e tagliarle a fettine di 0,5 cm di spessore con un coltello. Porle a strati in un colino appoggiato su di una ciotola e  cospargere con sale ogni strato di melanzane. Coprire con un piatto o con un peso sistemato sopra per eliminare l’acqua in eccesso e per togliere il retrogusto amarognolo: lasciarle da parte per almeno 1-2 ore. Nel frattempo tagliare la cipolla molto finemente e versarla in una padella con un pò di olio evo e farla soffriggere per qualche minuto. Versarvi la salsa di pomodoro, aggiustare di sale, aggiungere il basilico e far cuocere per 15-20 minuti. A questo punto, riprendere le melanzane, sciacquarle sotto abbondante acqua per togliere il sale  e successivamente tamponarle con un panno pulito ben asciutto. Prendete un tegame dai bordi alti, riempire con l’olio di semi, farlo scaldare e friggervi le melanzane. Scolarle su carta assorbente e tagliarle a listarelle lasciandone da parte alcune fettine per la decorazione del piatto. Aggiungerle al sugo preparato in precedenza. Far cuocere la pasta in acqua bollente salata, scolarla e farla saltare qualche minuto  per amalgamarla al sugo per insaporire. Grattugiare la ricotta salata a lamelle sottili; servire la pasta alla Norma, aggiungendo qualche cucchiaio di salsa messo da parte, e terminare con una spolverizzata di ricotta, con qualche fettina di melanzana e qualche fogliolina di basilico.

STRoZZaPReTi ai PoRCiNi e SPeCK CRoCCaNTe

strozzapreti con porcini e speck croccante dolcestefania

Per la pasta:

  • 200 g di farina “00”
  • 350 g di farina “di grano duro rimacinata”
  • 370 ml di acqua

Per il condimento:

  • 350 g di funghi porcini
  • 100 g di speck
  • olio evo q.b
  • sale
  • pepe nero
  • 1 spicchio d’aglio
  • prezzemolo
  • 1 dado ai fughi porcini

Mescolare su una spianatoia le due farine e creare un buco al centro. Versare l’acqua e iniziare a impastare con le mani. Bisogna ottenere un impasto liscio e sodo. Lasciare riposare la pasta per 10 minuti coperta da un canovaccio. Nel frattempo preparare il condimento. Pulire i funghi porcini e tagliarli a cubetti. Metterli in una padella con dell’olio evo, il dado, lo spicchio d’aglio  e fare soffriggere il tutto. Aggiungere un bicchiere d’acqua, il sale, il pepe nero e cuocere per circa 15 minuti a fiamma moderata. Tagliare lo speck a listarelle e metterlo in una padella con dell’olio evo. Farlo cuocere fino a renderlo croccante. Dividere l’impasto in tante parti e allungarle in rotoli lunghi e sottili. Tagliare col coltello in rotolini piĂš piccoli, lunghi circa 7 cm. Arrotolare ognuno su uno spiedino di legno, e allungarlo col palmo delle mani. Tirarlo via dallo spiedino e metterlo sulla spianatoia cosparsa di farina. Cuocere gli strozzapreti in abbondante acqua salata per 10 minuti circa e mantecare nel condimento. Spolverare con prezzemolo tritato e servire con lo speck croccante.

BaRCHeTTe Di MeLaNZaNe RiPieNe Di PaSTa

Un primo piatto bello da servire e gustosissimo per il palato… Racchiude alcuni dei sapori mediterranei tipici… non vedevo l’ora di preparalo!!!!! 😀

barchette di melanzane ripiene di pasta dolcestefania

  • 400 g di pennette rigate
  • 600 ml di salsa di pomodoro
  • 8 melanzane nere lunghe
  • Basilico
  • ½ cipolla rossa
  • Sale
  • Olio evo
  • 200 g di scamorza affumicata a cubetti
  • Grana grattugiato q.b
  • 1 l di olio di semi di mais

Lavare le melanzane e dividerle a metà nel senso della lunghezza mantenendo il picciolo. Inciderle lungo i bordi e scavarle in modo da creare una cavità e mettere da parte la polpa. Friggere i gusci di melanzane in olio di semi ben caldo, scolarle su carta assorbente e salarle. Tenerle da parte. Tagliare la polpa a cubetti e friggere anche questa. Mettere la cipolla tagliata finemente in una casseruola con dell’olio evo, lasciarla appassire e versare la salsa di pomodoro. Aggiustare di sale e mettere il basilico e fare cuocere il sugo per mezz’oretta. Cuocere la pasta in acqua bollente salata, e mantenerla leggermente al dente. Scolarla e condirla con qualche mestolo di sugo e i cubetti di melanzana precedentemente fritti.. Disporre i gusci di melanzane su di una teglia, mettervi qualche cubetto di scamorza in ciascuno di essi. Riempirli di pasta, mettere altri cubetti di scamorza, un poò di sugo e il grana grattugiato. Infornare a 220 gradi nella parte media del forno preriscaldato per circa 15 minuti.

ZiTi aL FoRNo CoN PoLPeTTiNe

La domenica a casa mia la parola d’ordine è Pasta al forno… e polpette fritte!! L’odore del sugo che cuoce sin  dal mattino è una tradizione che ricordo sin da bambina! Oggi, con questi meravigliosi ziti al forno, ho reso felice il mio papĂ … Che adora la cucina della tradizione… 😀

ziti al forno con polpettine dolcestefania

  • 500 g di ziti
  • 150 g di carne macinata
  • 1 uovo
  • 300 g di pane raffermo
  • ½ spicchio di aglio
  • ½ cipolla
  • Basilico q.b
  • Prezzemolo q.b
  • Pepe nero q.b
  • 350 g di provola affumicata
  • 2 l di salsa di pomodoro
  • Olio evo
  • Sale q.b
  • 200 g di parmigiano grattugiato
  • 400 ml di olio di semi di mais

Mondare e tagliare a pezzettini la cipolla. Metterla in una pentola con olio evo e fare soffriggere per qualche minuto. Aggiungere la salsa di pomodoro, il sale e il basilico e lasciare cuocere per 20 minuti a fiamma moderata. Nel frattempo mettere il pane raffermo in una ciotola coperto di acqua e lasciarlo ammorbidire per circa mezz’oretta. Scolarlo e strizzarlo per bene con le mani, sbriciolarlo e metterlo in una ciotola con la carne macinata, l’uovo, l’aglio e il prezzemolo tritati, il sale, il pepe nero e 4 cucchiai di parmigiano grattugiato. Impastare il tutto con le mani e ricavare delle piccole polpettine, da friggere nell’olio caldo. Scolarle su carta assorbente. In un’altra ciotola tagliare la provola affumicata a cubetti. A questo punto lessare gli ziti per 8 minuti in acqua bollente salata e scolarli. Mettere in una pirofila uno strato sottile di sugo, coprire con uno strato di ziti, uno di provola affumicata, uno di sugo, metà di parmigiano grattugiato  e metà di polpettine. Completare con i rimanenti ziti, il sugo, il formaggio e l’altra metà di polpettine. infornare a 220 gradi per circa 20 minuti.

LaSaGNe

Le lasagne sono un primo piatto sontuoso, ricco di ingredienti e di sapori… A casa mia sono il tipico piatto della domenica!! Io non ho rispettato la classica ricetta emiliana che prevede il latte nella cottura del ragĂš… le faccio con la ricetta della mia mamma!! E vi assicuro che sono buonissime!! 😉

lasagne dolcestefania (1)

  • 1 confezione di lasagne all’uovo
  • 3 l di salsa di pomodoro
  • ½ cipolla rossa
  • Sale q.b
  • Olio evo q.b
  • Pepe nero q.b
  • 1 kg di carne macinata
  • 2 carote
  • 1 costa di sedano
  • 4-5 foglie di Basilico
  • 400 g di provola a cubetti
  • 3-4 uova sode
  • 300 g di prosciutto cotto affettato
  • 200 g di parmigiano grattugiato
  • 500 g di besciamella

Sbucciare, lavare e tagliare a cubetti carota, cipolla e sedano. Metterli in una pentola con dell’olio evo e lasciare soffriggere per alcuni minuti, mescolando ogni tanto. Versarvi la carne macinata e lasciare soffriggere fino a che la carne sarà ben rosolata, per circa 15-20 minuti, a fuoco lento. A questo punto versarvi la salsa di pomodoro, il sale,il basilico e il pepe nero. Coprire col coperchio e lasciare cuocere per circa 1 ora e 30 minuti a fuoco lento, fino a che il sugo sarà ben cotto. A questo punto, quando il sugo è ancora caldo aggiungervi la besciamella e mescolare per bene per farla sciogliere. Nel frattempo tagliare a cubetti la provola, le uova sode e spezzettare le fette di prosciutto cotto. Sporcare il fondo di una teglia rettangolare di 20cmx 40cm con qualche mestolo di sugo al ragù e disporre un primo strato di sfoglie di lasagne. Coprire con altro sugo al ragù, con qualche cucchiaio di parmigiano grattugiato e con parte del ripieno. Coprire con un altro strato di lasagne, altro sugo, altro parmigiano, altro ripieno. Ripetere di nuovo questa operazione e completare con uno strato di lasagne e il sugo al ragù rimasto. Cospargere con il parmigiano grattugiato rimasto e infornare a 200 gradi per circa 30-40 minuti. Dopo i primi 20 minuti coprire in superficie con della carta stagnola per evitare che si secchi la superficie. togliere le lasagne dal forno e lasciare riposare per circa 15 minuti. A questo punto servire.

PaSTa aL FoRNo CoN MeLaNZaNe

Non è domenica senza pasta al forno! Penso che sia il piatto domenicale per eccellenza… Ricco di sapori e di tradizione… In questo caso l’ho farcita con melanzane, uova sode, provola e sugo… che bontĂ !!! 😛

pasta al forno con melanzane dolcestefania

  • 1 kg di penne candela
  • 3 l di salsa di pomodoro
  • 2 melanzane grandi
  • 3 uova sode
  • 300 g di provola affumicata
  • 100 g di grana grattugiato
  • Sale
  • Basilico
  • Olio evo
  • ½ cipolla rossa
  • 300 ml di Olio di semi di girasole

Tritare la cipolla e metterla in una pentola con dell’olio evo. Lasciarla rosolare per 2 minuti e aggiungere la salsa di pomodoro, il sale e il basilico. Coprire con il coperchio e lasciare cuocere il sugo per circa 40 minuti, fino a che si sarà un po’ ristretto. Nel frattempo lavare le melanzane e tagliarle a fettine, asciugarle e friggerle in olio di semi oppure cuocerle in forno con un filo d’olio. Lasciarle scolare su carta assorbente. Tagliare la provola e le uova sode a pezzettini e riunirli in una ciotola. Cuocere la pasta molto al dente in acqua bollente salata, scolarla e rimetterla nella pentola e condirla con 3 o 4 mestoli di sugo. Versare sul fondo di una ampia teglia rettangolare qualche mestolo di sugo e metà delle penne candela cotte al dente. Distribuirvi le uova e la provola in maniera uniforme, metà del grana grattugiato, metà delle fette di melanzane e metà del sugo. Coprire con la rimanente pasta, livellare per bene e adagiarvi le fettine di melanzana rimanenti, l’altra metà di grana grattugiato e il rimanente sugo. Cuocere in forno caldo a 230 gradi per circa 30 minuti. A metà cottura, coprire in superficie con un foglio di carta stagnola per evitare che la pasta si asciughi e si indurisca. A cottura ultimata togliere dal forno e lasciarla per circa 15 minuti fuori dal forno prima di servirla.

pasta al forno con melanzane. dolcestefania

SaRTĂš Di RiSo

Il sartĂš di riso è uno dei piatti piĂš sontuosi della tradizione napoletana.. L’ho preparato insieme alla mia amica Angela per una cena tra amici… Che soddisfazione quando l’abbiamo sformato dallo stampo!! Bello da vedere e buonissimo…. Abbiamo fatto tutti il bis!!! 

sartĂš di riso dolcestefania

Per il riso:

  • 800 g di riso originario
  • 4 uova
  • 100 g di grana grattugiato
  • Un ciuffo di prezzemolo
  • 3 mestoli di sugo ragĂš
  • Sale q.b
  • Una noce di burro per lo stampo
  • Pangrattato q.b per lo stampo

Per il ragĂš:

  • 1 l di salsa di pomodoro
  • 500 g di carne macinata
  • 4 foglie di basilico
  • ½ cipolla
  • 500 g di salsicce piccanti
  • Sale q.b
  • Olio evo q.b

Per il ripieno:

  • 5 uova sode
  • 300 g di mozzarella
  • 400 g di piselli surgelati
  • 250 g di speck a cubetti
  • ½ cipolla bianca
  • Pepe nero q.b

Per le polpettine:

  • 500 g di pane raffermo
  • 450 g di carne macinata
  • 2 uova
  • 3 cucchiai di grana grattugiato
  • Un ciuffo di prezzemolo
  • 1 spicchio d’aglio
  • 500 ml di Olio di semi di mais

Lessare il riso in acqua salata per circa 20 minuti. Deve rimanere al dente. Scolarlo in un colapasta e lasciarlo raffreddare completamente. Nel frattempo preparare il ragù. Mettere in una pentola la cipolla tagliata molto finemente con dell’olio evo e farla rosolare per circa 2 minuti. Tagliare le salsicche a tocchetti di circa 2 cm e metterli nella pentola. Coprire col coperchio e lasciare cuocere per circa 10 minuti mescolando ogni tanto. Togliere le salsicce dal soffritto e tenerle da parte. Aggiungere nella stessa pentola la carne macinata e lasciarla soffriggere per un quarto d’ora a fiamma moderata. Aggiungervi ora la salsa di pomodoro, il basilico e il sale. Lasciare cuocere senza coperchio fino a che il sugo sarà abbastanza ristretto. Nel frattempo preparare le polpettine. Mettere il pane a mollo per mezz’ora. Strizzarlo per bene e metterlo in una ciotola con la carne macinata cruda, il sale, il prezzemolo e l’aglio tritati, le uova e il grana grattugiato. Impastare il tutto e formare delle polpettine grandi come nocciole. Friggerle in olio caldo e scolarle su carta assorbente. Per il ripieno: tagliare le mozzarelle a pezzettini e farle scolare e tagliare a metà le uova sode. In una padella mettervi la cipolla tagliata a pezzettini e un filo d’olio evo. Lasciarla soffriggere e aggiungervi lo speck e dopo 3 minuti aggiungere i piselli ancora surgelati. Aggiungervi 2 mestoli di acqua calda e lasciare cuocere per 15 minuti. Aggiungervi ora le salsicce tenute da parte e metà del ragù. Regolare di sale e di pepe, mescolare il tutto e spegnere il fuoco. A questo punto aggiungere la metà del ragù rimasto (circa 3 mestoli) al riso ormai freddo, le uova, il prezzemolo tritato, il grana grattugiato e impastare il tutto. Imburrare e spolverizzare con pangrattato uno stampo a ciambella. Distribuirvi ¾ del riso, e con un cucchiaio o con le mani spingerlo verso i bordi e il fondo in modo da creare una cavità. Riempire il sartù con le uova sode, la mozzarella a pezzetti, metà delle polpettine, metà del composto di piselli, speck e salsicce e mettere da parte l’altra metà. Coprire con il riso rimasto, compattando per bene e infornare a 200 gradi per almeno 30 minuti. Togliere dal forno e lasciare intiepidire per circa 10 minuti. Riscaldare l’intingolo di piselli messo da parte e aggiungervi le polpettine.  Sformare il sartù e riempire il foro con l’intingolo riscaldato.

sartĂš di riso dolcestefania.

sartĂš di riso dolcestefania..

PaSTa aLLa CaRBoNaRa Di aNNaLiSa

Questa ricetta della carbonara è della mia amica Annalisa.. Io l’ho semplicemente fotografata e mangiata con gusto… è buonissimaaaa… è uno dei suoi cavalli di battaglia!!! Per cui mi son fatta dare la ricetta… Devo dire che una carbonara cosĂŹ buona non l’ho mai mangiata! 😉pasta alla carbonara di Annalisa dolcestefania (1)

  • 500 g di sedanini rigati
  • 4 tuorli + 1 uovo intero
  • 100 g di pecorino romano grattugiato
  • 100 g di parmigiano grattugiato
  • Pepe nero q.b
  • Sale q.b
  • 300 g di pancetta affumicata a cubetti
  • ½ bicchiere di olio evo

Mettere in una padella l’olio evo e la pancetta e farla rosolare per circa 5 minuti fino a che sarà ben dorata e poi lasciarla intiepidire. In una ciotola riunire i tuorli e l’uovo intero, il pecorino grattugiato e il parmigiano grattugiato e mescolarli con una forchetta. Aggiustare di sale e pepe nero e versarvi la pancetta rosolata con tutto l’olio evo. Mescolare il tutto fino a ottenere una cremina liscia e lucida. Cuocere la pasta al dente in acqua bollente salata.  Scolarla e mantecarla fuori dal fuoco con il composto di uova e pancetta. Servire subito.

PeNNe aLLa VoDKa

Le penne alla vodka e pancetta sono un primo piatto che ha conosciuto un grande successo negli anni Ottanta…. Stasera le ho preparate per il mio boy.. Che ha anche collaborato con me.. Ottimo piatto.. 😉penne alla vodka dolcestefania

  • 350 g di penne rigate
  • 175 g di coriandoli di pancetta affumicata
  • 1 bicchierino di vodka
  • ½ cipolla rossa
  • 200 g di pomodorini
  • 4 cucchiai di olio evo
  • 1 peperoncino piccante
  • 130 ml di panna da cucina
  • Erba cipollina q.b
  • Sale q.b

Soffriggere la cipolla con l’olio evo facendola appassire dolcemente. Aggiungere poi il peperoncino intero e i coriandoli di pancetta e lasciare cuocere a fiamma bassa fino a che il grasso della pancetta si sarà sciolto. A questo punto togliere il peperoncino, alzare la fiamma e sfumare con la vodka. Lasciare evaporare e aggiungere i pomodorini tagliati a pezzetti e i sale. Coprire col coperchio e lasciare cuocere per circa 15 minuti. A questo punto aggiungere la panna e l’erba cipollina. Intanto cuocere la pasta al dente in acqua bollente salata. Scolarla e mantecarla per circa due minuti nel sugo aggiungendo qualche cucchiaio di acqua della pasta se il sugo risultasse troppo asciutto. Servire ben calda.

 

ToRTieRa Di MeLaNZaNe RiPieNa Di PaSTa

Finalmente l’ho fatta!! Era da tanto che ci pensavo a prepararla… oltre che bella da vedere una volta rovesciata dalla tortiera… è soprattutto buonissima… tortiera di melanzane ripiena di pasta dolcestefania

  • 500 g di penne candela
  • 1 l di salsa di pomodoro
  • ½ cipolla rossa
  • Qualche foglia di basilico
  • Olio evo q.b
  • 300 g di provola
  • 200 g di salame affumicato
  • 2 uova sode
  • 70 g di grana grattugiato
  • 5 melanzane nere medie
  • 500 ml di olio di semi di mais
  • Sale q.b

Preparare il sugo. Soffriggere la cipolla tritata con dell’olio evo. Aggiungere poi la salsa di pomodoro, il sale e il basilico. Lasciare cuocere a fiamma bassa per circa 20 minuti o comunque fino a che il sugo si sarà addensato, mescolando ogni tanto. Nel frattempo lavare e spuntare le melanzane e tagliare a fette spesse circa mezzo cm. Friggerle in olio di semi di mais ben caldo e scolarle su carta assorbente. Tagliare a pezzetti la provola, il salame affumicato e le uova sode e riunirle in una ciotola. Intanto cuocere la pasta al dente in acqua bollente salata, scolarla e condirla con qualche mestolo di sugo. Foderare una tortiera di circa 36 cm di diametro con le fette di melanzane fritte. Disporle una accanto all’altra evitando di lasciare spazi vuoti. Versarvi metà della pasta condita col sugo, altri 2 mestoli di sugo, 3 o 4 cucchiai di grana grattugiato e il ripieno tagliato a pezzetti. Coprire con la rimanente pasta, versarvi i mestoli di sugo rimasti e cospargere con altro grana grattugiato. Piegare le fette di melanzane verso l’interno, a raggiera e infornare a 200 gradi, in forno preriscaldato, per 35 minuti. Togliere la tortiera dal forno, lasciarla leggermente intiepidire e capovolgerla su un piatto da portata.

FuSiLLi aL ToNNo e PaNNa aL SaLMoNe

Questa è una ricetta della mia amica Cinzia… La piĂš gettonata nel nostro periodo universitario perchè è veloce e altrettanto gustosa!! Ideale quando non si ha molto tempo per stare ai fornelli.. Grazie amica per questa fantastica ricetta! 😉 pasta con tonno e panna al salmone

  • 500 g di fusilli corti
  • 200 ml di panna da cucina al salmone
  • 320 g di tonno sott’olio o al naturale (4 scatolette)
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • Sale
  • Olio evo
  • Pepe nero
  • 1 cipolla bianca

Cuocere la pasta in acqua bollente salata. Nel frattempo mettere dell’olio evo in una padella con la cipolla tagliata finemente e 3 cucchiai d’acqua. Lasciare appassire la cipolla per qualche minuto, poi aggiungervi il tonno sgocciolato, un pizzico di pepe nero e mescolare per far insaporire. Infine aggiungervi la panna da cucina e il prezzemolo tritato al coltello e spegnere il fuoco. Scolare i fusilli e mantecarli con il condimento. Servire subito.

PaSTA “aLLu STiaVuCCu”

Questo rotolo di pasta è una ricetta della tradizione Calabrese…Lo preparava la nonna Angela per i pranzi con figli e nipoti…Anche se lei lo condiva con il sugo e non metteva le patate nell’impasto. Tanti auguri signora AngelĂŹ.. ❤rotolo di pasta pasta allu stiavuccu dolcestefaniaPer l’impasto:

  • 500 g di farina “00”
  • 150 g di farina rimacinata di grano duro
  • 3 patate piccole
  • 350 ml d’acqua

Per il ripieno:

  • 500 g di ricotta
  • 1 kg di borraggine
  • Sale q.b.
  • 1 pizzico di pepe bianco macinato
  • 1 pizzico di noce moscata

Per il condimento:

  • Burro q.b.
  • Foglie di salvia q.b.

Pulire la borraggine, lavarla per bene e cuocerla in acqua bollente per 8 minuti. Scolarla in uno scolapasta, lasciarla raffreddare  completamente e strizzarla leggermente con le mani fino a che sia asciutta. Metterla in una ciotola e amalgamarla alla ricotta. Aggiustare di sale, pepe e noce moscata e mescolare il tutto. Preparare l’impasto. Creare una fontana con le due farine e mettervi al centro le patate lessate e schiacciate e l’acqua. Impastare il tutto fino a ottenere un impasto sodo e asciutto. Dividerlo in due parti e stendere ciascuno in una sfoglia rettangolare non molto spessa. Spalmare sui rettangoli di pasta il ripieno e arrotolarli. Adagiarli su 2 canovacci (stiavucchi) e arrotolarli su se stessi ben stretti. Sigillare le estremitĂ  con uno spago da cucina e metterli in una pentola piena d’acqua. Farli bollire per almeno 1 ora e mezza. Toglierli dai canovacci, tagliarli a fette e condirli con burro fuso e salvia o a piacimento.

pasta allu stiavuccu dolcestefania rotolo di pasta

PaSTa e SiMMeNTHaL

Questa ricetta l’ho rubata alla mia nonnina.. 😀 E l’ho pappata molte volte durante il mio periodo universitario… Anche preparata dal mio fidanzato!Pasta e simmenthal dolcestefania

  • 400 g di fusilli corti
  • 1 cipolla rossa
  • 210 g di carne simmenthal ( 3 scatolette )
  • Sale
  • Olio evo
  • 1 noce di burro
  • Pepe nero

Mondare una cipolla e tagliarla molto sottilmente. Metterla in una padella con un cucchiaio di olio evo e il burro. Lasciarla appassire a fuoco dolce per circa 4 minuti. Aggiungerci poi la carne simmenthal e il pepe nero. Coprire col coperchio e lasciare cuocere per 5 minuti. Nel frattempo cuocere la pasta in acqua bollente salata. Scolarla e mantecarla in padella.

BuCaTiNi CoN CaPoNaTa Di MeLaNZaNe

bucatini con caponata di melanzane dolcestefania

  • 350 g di bucatini
  • 1 grossa melanzana viola
  • 1 cipolla rossa
  • 10 pomodori datterini
  • 30 g di capperi sottosale
  • 1 peperone rosso
  • olive nere q.b.
  • basilico
  • olio evo
  • sale

Lavare la melanzana, eliminare le estremitĂ  e tagliarla a cubetti. Mondare la cipolla e tritarla al coltello. Lavare il peperone, eliminare i semi e i filamenti e tagliarlo a cubetti. Versare dell’olio evo in una padella, mettervi la cipolla e lasciarla appassire per 2 minuti. Aggiungervi i cubetti di peperone e di melanzana, una tazzina d’acqua, coprire col coperchio e lasciare appassire il tutto per circa 10 minuti, mescolando di tanto in tanto. A questo punto mettervi i pomodorini tagliati a spicchi, il sale e proseguire la cottura per altri 8 minuti. Completare con il basilico, le olive nere e i capperi lavati e asciugati. Cuocere i bucatini in acqua bollente salata e mantecarli nella caponata.

RiSoTTo CoN aSPaRaGi e SPeCK

risotto con asparagi e speck dolcestefania

  • 400 g di riso carnaroli
  • 500 g di asparagi freschi
  • ½ cipolla bianca
  • Olio evo
  • Sale
  • Pepe nero
  • 1 tazzina di vino bianco
  • 4 fettine di speck

Mondare gli asparagi eliminando la parte legnosa del gambo e lavarli. Porli in una pentola alta e stretta riempita di acqua bollente salata e scolarli dopo 10 minuti. (Tenere da parte l’acqua di cottura). Lasciarli intiepidire e tagliarli a pezzetti. Metterli in una pentola con dell’olio evo e la cipolla tagliata finemente e lasciare soffriggere. Aggiungervi il riso, tostarlo per 2 minuti e sfumare col vino bianco. a questo punto mettere qualche mestolo dell’acqua di cottura degli asparagi e proseguire cosi la cottura per 20 minuti circa. Nel frattempo rosolare lo speck tagliato a striscioline in una padella con un filo d’olio evo e aggiungerlo al risotto una volta terminata la cottura. Completare con un pizzico di pepe nero.

 

aGNoLoTTi aL SaLMoNe

agnolotti al salmone dolcestefania

  • 500 g di farina di grano duro
  • 350 ml di acqua
  • 100 g di scamorza
  • 200 g di salmone affumicato
  • 100 g di burro
  • Foglie di salvia

Preparare la sfoglia amalgamando la farina e l’acqua. Impastare il tutto fino a ottenere una pasta liscia ed elastica. Tritare nel boccale del mixer il salmone e la scamorza e metterli in una ciotola. Tirare la sfoglia in maniera sottile, con l’aiuto del matterello o dell’apposita macchinetta. Con una formina tonda o un bicchiere, ricavare tanti dischi e mettere su ognuno ½ cucchiaino di ripieno. Ripiegare per formare degli agnolotti a mezzaluna. Lessare gli agnolotti per circa 6 minuti in acqua bollente salata. Scolare e servire con il burro precedentemente fuso e la salvia.

RiSoTTo ai CaRCioFi

risotto ai carciofi dolcestefania

  • 4oo g di riso carnaroli
  • 3 o 4 carciofi
  • ½ cipolla bianca
  • ½ tazzina di vino bianco
  • 1 dado vegetale
  • 1 l d’acqua
  • Sale
  • 1 pizzico di pepe nero
  • Olio evo

Pulire i carciofi, lavarli e tagliarli a pezzettini. Soffriggere la cipolla, tagliata finemente, con olio evo e aggiungerci i carciofi. Lasciare soffriggere per qualche minuto e aggiungere gradatamente 1 bicchiere d’acqua per farli cuocere. Sciogliere il dado nell’acqua bollente. Versare il riso nei carciofi, tostarlo per 2 minuti e sfumare col vino bianco. Aggiungere gradatamente il brodo caldo, salare, pepare e continuare la cottura per 20 minuti.

MeZZeLuNe CoN BoRRaGiNe e RiCoTTa

mezzelune con borragine e ricotta dolcestefania

Per la pasta:

  • 500 g di farina di grano duro rimacinata
  • 400 g di farina “00”
  • 400 ml di acqua
  • 400 g di ricotta
  • 1 kg di borragine
  • Sale
  • 1 pizzico di noce moscata
  • 2 cucchiai di grana grattugiato

Per condire:

  • 200 g di burro
  • Foglie di salvia q.b.

Pulire la borragine, lavarla e sbollentarla in acqua bollente salata per 10 minuti. Scolarla e lasciarla raffreddare. Strizzarla per bene e tritarla nel mixer. Mescolarla alla ricotta e aggiungere il grana grattugiato e la noce moscata. A questo punto preparare la pasta. Disporre le due farine su una spianatoia e creare un buco al centro. Versarvi l’acqua e iniziare a impastare fino a ottenere un panetto sodo e liscio. Lasciare riposare per 10 minuti coperta da un canovaccio. Stendere la pasta sottile con il matterello o con l’apposita macchinetta. Ritagliare dei dischi e mettere al centro di ognuno, 1 cucchiaino di ripieno. Chiudere il disco a metà, a forma di mezzaluna, sigillando per bene con la pressione delle dita e poi con la forchetta. Lessarli in acqua bollente salata per 3 o 4 minuti e condire con il burro fuso e la salvia. A piacere spolverare con formaggio grattugiato.

STRoZZaPReTi CoN SuGo Di SaLSiCCia

strozzapreti con sugo di salsiccia dolcestefania

Per la pasta:

  • 200 g di farina “00”
  • 350 g di farina “di grano duro rimacinata”
  • 370 ml di acqua

Per il sugo:

  • 1 l di salsa di pomodoro
  • ½ cipolla rossa
  • Basilico
  • Olio evo
  • Sale
  • 2 salsicce fresche

Mescolare su una spianatoia le due farine e creare un buco al centro. Versare l’acqua e iniziare a impastare con le mani. Bisogna ottenere un impasto liscio e sodo. Lasciare riposare la pasta per 10 minuti coperta da un canovaccio. Nel frattempo preparare il sugo. Tagliare la cipolla molto finemente e farla soffriggere con dell’olio evo. Aggiungervi la salsiccia sbriciolata, privata del suo budello e fare soffriggere ancora. Quando la salsiccia sarà ben rosolata, versare la salsa di pomodoro, il sale e il basilico. Lasciare cuocere a fuoco lento per circa mezz’ora, o comunque fino a che il sugo sarà ristretto. Dividere l’impasto in tante parti e allungarle in rotoli lunghi e sottili. Tagliare col coltello in rotolini più piccoli, lunghi circa 7 cm. Arrotolare ognuno su uno spiedino di legno, e allungarlo col palmo delle mani. Tirarlo via dallo spiedino e metterlo sulla spianatoia cosparsa di farina. Cuocere gli strozzapreti in abbondante acqua salata per 10 minuti circa e mantecare nel sugo.

SPaGHeTTi CoN Le VoNGoLe

spaghetti con le vongole dolcestefania

  • 300 g di spaghetti
  • 450 g di vongole veraci
  • 1 peperone verde
  • Sale
  • Olio evo
  • Pepe nero
  • Prezzemolo
  • ½ tazzina di vino bianco
  • 1 spicchio d’aglio
  • ½ cipolla bianca

Mettere le vongole in una ciotola, ricoprirle d’acqua e aggiungere 3 o 4 cucchiai di sale. Lasciarle in ammollo per 4 ore per favorire la fuoriuscita di eventuale sabbia. Sciacquarle per bene sotto l’acqua corrente e metterle in un tegame con il coperchio. Cuocerle a fuoco medio per qualche minuto, per farle aprire. Spegnere il fuoco e rimetterle nella ciotola lasciando da parte l’acqua residua. Tagliare la cipolla molto finemente e il peperone a cubetti e versarli insieme allo spicchio d’aglio in una padella con dell’olio evo. Fare rosolare per qualche minuto, aggiungere le vongole, sfumare col vino bianco e infine aggiungere l’acqua residua filtrata con un colino. Lasciare cuocere per 8 minuti e completare con un pizzico di pepe nero e il prezzemolo tritato. Nel frattempo cuocere gli spaghetti, scolarli al dente e mantecarli con le vongole.

GNoCCHi Di PaTaTe aL SuGo

gnocchi di patate  al sugo dolcestefania

  • 900 g di patate lesse
  • 450 g di farina
  • 1 l di salsa di pomodoro
  • ½ cipolla rossa
  • Sale
  • Olio evo
  • 5 foglie di basilico

Far soffriggere in olio evo la cipolla tagliata finemente. Aggiungere poi la salsa di pomodoro, il basilico. Lasciare cuocere a fuoco lento per 30 minuti circa e aggiungere il sale. Proseguire la cottura per altri 5 minuti finché il sugo sarà ben ristretto. Nel frattempo, schiacciare le patate lesse ancora calde nello schiacciapatate e metterle in una ciotola. Lasciarle leggermente intiepidire e aggiungere la farina poca per volta, iniziando a impastare con le mani. Trasferire il tutto su una spianatoia e lavorare bene l’impasto fino a ottenere un panetto morbido e sodo. Dividerlo in 10 parti, formando con ciascuna un lungo cilindro dello spessore di 3 cm circa. Con la lama infarinata di un coltello tagliare ciascun cilindro in pezzetti di 2 cm circa. Cospargere con abbondante farina e premere con il pollice ciascun pezzetto sui rebbi infarinati di una forchetta o sul crivu per gnocchi. Ripetere l’operazione fino all’esaurimento dell’impasto. Cuocere gli gnocchi in abbondante acqua bollente salata e, appena tornano a galla scolarli con un mestolo forato e mantecarli nel sugo.

RiSoTTo CoN RaDiCCHio RoSSo Di TreViSo e CoZZe

risotto con radicchio rosso di treviso e cozze

  • 1 radicchio rosso di Treviso
  • 350 g di riso violone nano
  • ½ cipolla bianca
  • 100 g di cozze sgusciate
  • 1 dado vegetale
  • 1 l e ½ d’acqua
  • ½ tazzina di vino bianco
  • Olio evo
  • Sale
  • 1 noce di burro
  • Prezzemolo

Sciogliere il dado nell’acqua bollente. Rosolare la cipolla tagliata finemente in olio evo. Aggiungere il radicchio rosso tagliato a listarelle e far soffriggere il tutto. Coprire col coperchio e lasciare cuocere per 15 minuti. Aggiungere le cozze e continuare la cottura per altri 5 minuti. Versarvi il riso e tostarlo per 2 minuti. Sfumare col vino bianco e aggiungere il brodo poco per volta. Mescolare di tanto in tanto e proseguire la cottura per 20 minuti. Salare, aggiungere il prezzemolo tritato e mantecare con una noce di burro.

RiSoTTo aLLa BoRRaGiNe

La borragine (Borago officinalis, L.) è una pianta erbacea annuale della famiglia delle Boraginaceae.

Questa pianta che cresce spontanea, e che pochi conoscono, ha proprietà emollienti, antiflogistiche, decongestionanti, depurative, toniche e diuretiche.risotto alla borraggine

  • 400 g di riso carnaroli
  • 500 g di borragine
  • ½ cipolla bianca
  • Pepe nero
  • Sale
  • Olio evo
  • 1 tazzina di vino bianco
  • Grana grattugiato q.b.

Lavare la borragine e lessarla in bollente acqua salata per 8 minuti circa. Scolarla e lasciare da parte l’acqua di cottura. In una pentola soffriggere la cipolla tagliata finemente con olio evo. Versare il riso e farlo tostare per 2 minuti mescolando continuamente, poi sfumare col vino bianco. A questo punto versare poco alla volta, con l’aiuto di un mestolo, l’acqua di cottura della borragine. Dopo circa 10 minuti di cottura aggiungere la borragine e continuare la cottura del riso per altri 10 minuti. Completare con un pizzico di pepe nero e una spolverata di grana grattugiato.

RiSoTTo CoN ZuCCa e SaLSiCCia

Il risotto con la zucca è giĂ  buono cosĂŹ, ma con la salsiccia…..mmh….

  • 450 g di riso carnaroli
  • 400 g di zucca (peso con la buccia)
  • 150 g di salsiccia luganega
  • ½ cipolla bianca
  • 1 e ½ dado vegetale
  • 2 l di acqua
  • Olio evo
  • Sale
  • Pepe nero
  • Prezzemolo
  • 1 tazzina di vino bianco

Portare al bollore 2 litri di acqua e farvi sciogliere i dadi. Pulire la zucca, eliminando la buccia, i semi e i filamenti interni. Lavarla e tagliarla a cubetti. Tagliare la cipolla molto finemente e farla soffriggere con olio evo. Aggiungere poi la zucca e lasciarla rosolare per 10 minuti a fiamma bassa. Aggiungere la salsiccia sbriciolata, privata del suo budello e continuare la cottura per altri 5 minuti. Versare il riso e tostarlo per 2 minuti. Sfumare col vino bianco e aggiungere poco alla volta il brodo di dado. Salare, pepare e mescolare di tanto in tanto. Continuare la cottura per circa 20 minuti. A cottura ultimata completare col prezzemolo tritato.

 

SPaGHeTTi CoN Le aCCiuGHe

  • 300 g di spaghetti
  • 10 filetti d’acciuga salati sott’olio
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 cucchiai di pangrattato
  • 1 cucchiaino di peperoncino rosso (a scelta dolce o piccante)
  • Olio evo
  • Sale

Cuocere gli spaghetti in acqua bollente salata. Nel frattempo mettere nella padella l’aglio e l’olio evo e far soffriggere per 1 minuto. Togliere l’aglio e aggiungerci i filetti d’acciuga, il peperoncino e il pangrattato. Lasciare soffriggere per 1 altro minuto e spegnere il fuoco. Scolare gli spaghetti, mettendo da parte un po’ d’acqua di cottura, e mantecarli col soffritto. Se la pasta risultasse troppo secca, aggiungere un po’ d’acqua di cottura.

BuCaTiNi aLLa MaRCHiGiaNa

  • 400 g di bucatini
  • 120 g di pancetta affumicata
  • ½ cipolla rossa
  • 300 ml di salsa di pomodoro
  • 15 pomodori pachino
  • Sale
  • Olio evo
  • 5 foglie di basilico
  • 1 pizzico di pepe nero
  • Parmigiano grattugiato q.b.

Tagliare molto sottilmente la cipolla e soffriggerla in una padella con olio evo. Dopo 2 minuti aggiungere la pancetta e continuare a soffriggere. Aggiungere la salsa di pomodoro, i pomodori tagliati a metĂ , il basilico, il sale e il pepe nero. far cuocere per circa 20 minuti a fiamma moderata. Nel frattempo far cuocere i bucatini in acqua bollente salata. Scolarli e mantecarli nel sugo. Servire con parmigiano grattugiato.

iNSaLaTa Di RiSo

  • 400 g di riso per insalate
  • 470 g di condiriso (2 barattoli)
  • 3 scatolette di tonno sott’olio
  • 4 wurstel piccoli
  • 160 g di mais
  • 6 cucchiai di mayonnaise
  • Sale

Lessare il riso in acqua salata per 15 minuti. Scolarlo e lasciarlo raffreddare. Nel frattempo lasciare sgocciolare in uno scolapasta il condiriso, il tonno e il mais. Tagliare i wurstel a cubetti. Unire questo condimento al riso ormai freddo e completare con la mayonnaise. Mescolare per amalgamare il tutto e mettere in frigorifero. Si può conservare anche per 3 giorni n frigorifero.

RiSo RiPieNo aL FoRNo

Questo è il il buonissimo riso ripieno che prepara la mia nonna materna.. io ne vado pazza..me lo son fatta sempre preparare da lei ma… finalmente sono riuscita a imparare come si prepara.. è ottimo sia caldo, che tiepido!…

  • 800 g di riso originario
  • 7 uova intere + 7 uova sode
  • 10 sottilette
  • 150 g di prosciutto cotto a fette
  • 200 g di parmigiano grattugiato
  • Prezzemolo
  • Sale
  • 1 pizzico di pepe nero
  • 50 g di burro
  • 6 cucchiai di pangrattato

Mettere le 6 uova in una pentola a bollire. Devono cuocere per 10 minuti dall’inizio del bollore. Lessare il riso in acqua salata per 25 minuti. Scolarlo e farlo raffreddare per 20 minuti. Nel frattempo sbucciare le uova sode e tagliarle a pezzetti e tritare il prezzemolo. Quando il riso sarà tiepido, mescolarlo con le 6 uova, il prezzemolo, il parmigiano grattugiato e il pepe nero. Imburrare una tortiera e cospargerla con 3 cucchiai di pangrattato. Versarvi metà del riso e farcire con uova sode, sottilette e prosciutto cotto. Ricoprire con il restante riso e cospargere con i restanti 3 cucchiai di pangrattato e fiocchetti di burro. Infornare a 200 gradi per circa 20 minuti.

FeTTuCCiNe CoN PeSCe SPaDa, MeLaNZaNe e oLiVe NeRe

  • 400 g di fettuccine
  • 350 g di cubetti di pesce spada
  • 1 melanzana
  • 15 olive nere
  • Olio evo
  • Sale
  • Pepe nero
  • ½ cipolla rossa
  • 5 cucchiai di vino bianco
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 1 spicchio d’aglio
  • 200 ml di salsa di pomodoro
  • 10 pomodorini pachino

Lavare la melanzana, eliminare le due estremità e tagliarla a piccoli cubetti. Tagliare la cipolla finemente e metterla in una padella con olio evo e lo spicchio d’aglio. Fare soffriggere per 3 minuti e poi aggiungere i cubetti di melanzana e qualche cucchiaio d’acqua. Chiudere col coperchio e lasciare cuocere per 5 minuti mescolando ogni tanto. Togliere l’aglio, aggiungere i cubetti di pesce spada, un pizzico di pepe nero e sfumare con il vino bianco. Dopodichè aggiungere i pomodorini tagliati a metà, la salsa di pomodoro e il sale. Lasciare cuocere finché il sugo si sarà ristretto. Intanto cuocere le fettuccine in acqua bollente salata. Scolarle e mantecarle nel sugo, completando con le olive nere e il prezzemolo tritato.

RiSoTTo aGLi SPiNaCi

  • 350 g di spinaci surgelati
  • 350 g di riso carnaroli
  • ½ cipolla bianca
  • 1 l e ½ d’acqua
  • 1 dado vegetale
  • ½ tazzina di vino bianco
  • Sale
  • Olio evo
  • 1 pizzico di pepe nero
  • 70 g di parmigiano grattugiato

Scongelare gli spinaci come indicato sulla confezione. Mettere l’acqua e il dado in una pentola e farla arrivare al bollore. Tagliare la cipolla finemente e farla soffriggere con olio evo. Aggiungere il riso e sfumare con il vino bianco. Far tostare il riso per 2 minuti e aggiungere gli spinaci e il brodo poco alla volta. Salare, pepare e lasciare cuocere per 25 minuti, mescolando ogni tanto. Infine mantecare con il parmigiano grattugiato.

BaVeTTe CoN BaCCaLĂ 

  • 300 g di bavette
  • 300 g di pezzetti di baccalĂ  diliscato
  • 2 patate piccole
  • 600 ml di salsa di pomodoro
  • 1 ciuffo di prezzemolo sale pepe nero
  • Olio evo
  • ½ cipolla
  • 1 rametto di origano secco
  • MetĂ  peperone verde

Tritare la cipolla e tagliare il peperone a pezzi. Metterli in una padella con olio evo e farli soffriggere 2 minuti. Aggiungerci la salsa di pomodoro, l’origano e il pepe nero. Sbucciare le patate, tagliarle a pezzettini e metterle nel sugo. Lasciare cuocere a fuoco lento. A metà cottura aggiungere i pezzetti di baccalà e continuare la cottura. Io evito di aggiungere sale nel sugo perché il baccalà e già sapido. Intanto cuocere le bavette in acqua bollente salata. Scolarle al dente e mantecarle nel sugo. Completare con prezzemolo tritato.

LiNGuiNe aL PeSTo aLLa GeNoVeSe

  • 400 g di linguine
  • 150 g di basilico lavato e asciugato
  • 30 g di pinoli +20 g
  • 50 g di parmigiano grattugiato
  • 30 g di pecorino grattugiato
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 bicchiere d’olio evo
  • Sale q.b.

Tritare nel robot da cucina aglio, pinoli e formaggi. Aggiungere il sale, il basilico e l’olio evo. Intanto cuocere le linguine in una pentola d’acqua salata. Scolarla, tenendo da parte un po’ d’acqua di cottura. Mantecarla con il pesto e se necessario aggiungere l’acqua messa da parte. Guarnire con i20 gdi pinoli, tostati leggermente in padella.

eLiCoiDaLi CoN SuGo aGLi SCaMPi

  • 500 g di elicoidali
  • 400 g di scampi
  • 1 l di salsa di pomodoro
  • 1 confezione di panna da cucina
  • ½ cipolla bianca
  • 1 peperone verde piccolo
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 pizzico di pepe nero
  • Sale
  • Olio evo
  • Prezzemolo
  • 1 cubetto di dado vegetale

Pulire gli scampi per ottenere la polpa centrale, serbandone qualcuno intero. Lavarli per bene e scolarli e mettere da parte le teste e i carapaci. Tagliare finemente la cipolla e il peperone a listarelle. Metterli in una padella con dell’olio evo, lo spicchio d’aglio e un goccio d’acqua e lasciare soffriggere. Dopodichè aggiungere gli scampi puliti e continuare il soffritto. Quando saranno ben rosolati, togliere l’aglio e aggiungere la salsa di pomodoro, il sale e il pepe nero. Far cuocere a fuoco medio e a metà cottura aggiungere gli scampi interi. Intanto mettere le teste, i carapaci e il dado in un’abbondante pentola d’acqua e far bollire. Poi filtrarla e cuocerci la pasta. Aggiustare di sale se necessario. Nel sugo omai pronto diluire la panna. Scolare gli elicoidali e mantecarli con il sugo. Completare con prezzemolo tritato.

PeNNe CaNDeLa aL suGo Di PePeRoNi

  • 300 g di penne candela
  • 500 ml di salsa di pomodoro
  • 4 foglie di basilico
  • ½ cipolla rossa
  • 1 peperone rosso
  • Olio evo
  • Sale
  • Formaggio grana grattugiato q.b.

Tagliare la cipolla finemente e il peperone rosso a listarelle. Metterli in una padella con olio evo e un goccio d’acqua. Lasciare soffriggere con il coperchio per circa 5 minuti, mescolando di tanto in tanto. Versarci poi la salsa di pomodoro, il sale e il basilico. Lasciare cuocere finché il sugo sarà ben ristretto. Cuocere la pasta in acqua bollente salata. Scolarla al dente e mantecarla nel sugo. Facoltativamente servire con grana grattugiato.

Voci precedenti piĂš vecchie

LE RECENSIONI DI ROMINA

LEGGERE FA BENE ALL'ANIMA

Noi Facciamo Tutto In Casa

Ricette di casa nostra, tradizionali e innovative

semplicemente homemade

Your Home Decor Gifts

capelli che passione

La bellezza è come una ricca gemma, per la quale la migliore montatura è la piÚ semplice. Francesco Bacone

zah74 MagiArteNatura

Querer es poder!

Giusy in cucina

Tante Ricette - tanto buon cibo - tante curiositĂ  e informazioni

sweetalisea

•AMARE VUOL DIRE CHE CI ANDAVA PIU' ZUCCHERO•

Vivere in Forma

Per vivere una vita sana dobbiamo imparare ad amare noi stessi!

La Pentolina Rosa

Scatti in Cucina con Ricetta

le due cucine

I buoni sapori di una volta

NON METTERMI PRESSIONE

Cosmesi senza trucchi!

Il sabato mattina

...storia di un libro che verrĂ !

Chocolate Spoon - Easy Recipes

Recipes in English and Italian

La cucina delle meraviglie

Un blog, qualche idea, colori, sorrisi e cibo buono.